24 Ore di Daytona | Secondo giorno di test: Mazda ancora davanti!

24 ore Daytona | Mazda mantiene la testa della classifica a Daytona segnando il nuovo record dei test, mentre la prima qualifica per l’assegnazione dei box in LMP2 va alla PR1 di Keating

24 ore daytona test
Immagini Mazda Motorsport

La seconda giornata del Roar before the Rolex 24, il test collettivo che precede la 24 ore di Daytona, ha visto l’assegnazione dei box delle classi LMP2 e GTD con la prima sessione di qualifica e il nuovo record dei test, nella sessione notturna, la quinta dei test.

DPi

La Mazda #77 rimane in testa alla classifica dopo 2 giorni di test, segnando il nuovo record dei ROAR in 1:34.753, ad opera stavolta di Oliver Jarvis. Ryan Hunter-Reay, che si affianca a Bomarito e Tincknell sulla Mazda #55, è a 4 decimi, mentre Dixon sulla Cadillac #10 WTR è a quasi nove decimi.

Assai più distanti e sopra il secondo le due Acura, Taylor è quarto in 1:35.841 (Acura #7), Montoya penultimo a 1,3 secondi, mentre la #31 Whelen Engineering si piazza appena davanti ai campioni in carica in 1:36.013. 24 ore daytona test

LMP2

Questo slideshow richiede JavaScript.

La prima sessione di qualifica dell’anno, utilizzata per assegnare i box, va alla #52 PR1 di Keating: il texano, che correrà anche in GTD con la Mercedes #73 ha segnato 1:38.056, oltre sei decimi sopra al tempo di Hedman per la #81 Dragonspeed.

Nei test è invece Dragonspeed a porsi in testa, con il 1:37.372 di Harrison Newey (figlio di Adrian Neway), seguito a 4 decimi dalla #8 Starworks e a 1,2 secondi dalla #52 PR1. 24 ore daytona test

GTLM

24 ore daytona test

Le due Porsche si piazzano davanti a tutti nella seconda giornata, e il 1:43.593 di Vanthoor sulla #912 è anche il miglior tempo segnato finora. A solo 80 millesimi troviamo poi la #912 di Makowiecki, e a 106 millesimi la Ferrari 488 GTE Evo Risi Competizione con Daniel Serra al volante.

Rimangono più staccate le nuove Corvette C8.R, con la #3 di Taylor a 6 decimi, seguita poi dalla BMW #24 a 8 decimi, con Fassler e Spengler che si dividono le ultime due posizioni staccati di solo 4 millesimi.

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

GTD

Anche la classe GTD è scesa in pista per la qualifica che assegna i box, e la Lexus #12 di Montecalvo ha guidato il gruppo in una sessione tiratissima: dopo il suo 1:46.754 ci sono ben 10 vetture in 5 decimi!

Secondo posto per la Acura #86 di McMurry e terzo posto per la BMW #96 di Foley. Nella top 10 segnaliamo poi il sesto posto della Ferrari 488 EVO 2020 di Scuderia Corsa, l’ottavo posto dell’Audi #88 WRT che vede tra i suoi piloti anche Bortolotti e Ineichen e il decimo posto per la Lamborghini #19 GEAR con Tatiana Calderon al volante.

Nei test il miglior tempo è della Lamborghini #11 del Grasser racing Team, seguita dall’altra vettura GRT, la #44 che vede tra i suoi piloti anche mapelli, e per chiudere le prime tre posizioni la Lamborghini #48 Paul Miller.

Aggiornamento: a seguito delle verifiche tecniche, tutte le Lamborghini (#11, #19, #44, #47) esclusa la #48 sono state squalificate per l’uso di rapporti del cambio non specifici per Daytona.

Seguici anche su Telegram

Segui il canale Endurance su Telegram

24 ore di Daytona | Quali insidie comporta il banking da 31°?

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.