24 ore di Dubai 2023 | 1ª vittoria per il Team WRT con BMW, 3° posto per la #46 di Rossi e Gelael

24 ore dubai WRT Rossi

Prima vittoria per il Team WRT dopo il passaggio a BMW: primo posto per la #7 con Dries Vanthoor, 3° per la #46 con Valentino Rossi, Hesse, Maxime Martin, Sean Gelael e Timothy Whale alla 24 ore di Dubai

Chi ben comincia è a metà dell’opera… e il Team WRT, al debutto con la BMW M4 GT3 in una partnership che li vedrà portabandiera di Monaco in Hypercar ha iniziato benissimo con il 1° e il 3° posto alla 24 ore di Dubai.

La BMW #7 di Mohammed Saud Fahad Al Saud/Diego Menchaca/Jean-Baptiste Simmenauer/Jens Klingmann/Dries Vanthoor è emersa vittoriosa dopo 24 ore, ma non è stata una parata trionfale. Malgrado la #7 abbia dominato dalle prime ore, la Porsche #91 Herberth di Alleman/Bohn/Renauer/Renauer ha spinto forte fino all’ultimo, chiudendo ad appena 20 secondi dai leader.

Le prime ore hanno visto anche la Audi #21 HAAS RT brevemente in testa, e poi l’incidente della Mercedes #4 HRT che ha preso fuoco, un weekend davvero da dimenticare per HRT malgrado la pole della #777: anche questa vettura si è ritirata prima di metà gara con una sospensione rotta.

La lotta tra la #7 e la 91 si è accesa dopo questi eventi, con le due che si sono scambiate la posizione durante le soste (sempre lunghissime e irregolari nelle serie Creventic). Herberth ha avuto anche un vantaggio di oltre un minuto, recuperato però da Vanthoor. WRT ha poi giuocato meglio il Code 60 a 4 ore dalla fine, guadagnando 25 secondi di vantaggio.


Herberth però ha pensato di effettuare una sosta finale corta, con Renauer che nell’ultima mezz’ora godeva di 13 secondi di vantaggio: il carburante però non è bastato, e la #7 è tornata in testa.

Valentino Rossi completa la sua seconda 24 ore sulla #46 WRT

Chiude il podio la BMW #46 WRT di Whale, Maxime Martin, l’ex-Formula 2 Sean Gelael, Valentino Rossi e Max Hesse. Una prova inficiata da uno sfortunato incidente nelle prime ore, in cui Whale è scivolato su una chiazza d’olio. Malgrado gli sforzi di Martin e Hesse, alla fine il podio è risultata essere la miglior posizione possibile, a 2 giri dai leader. Chiude 4a la Porsche #10 di Earl Bamber con Grove, De Pasquale e Grove.

Soddisfazione in casa WRT da parte di Vincent Vosse

“È stata una grande sfida!” ha spiegato il direttore del Team WRT Vincent Vosse ai microfoni di radiolemans.com. “Sappiamo quanto possa essere difficile questa gara e alla fine ci vuole un po’ di fortuna, una grande strategia da parte del team e un lavoro impeccabile da parte dei piloti. È stata una grande gara e abbiamo imparato molto sulla [macchina]. Ci manca un po’ di sonno, ma troveremo un modo per festeggiare!”.

Dries Vanthoor (BMW M4 GT3 #7, 1° posto): “Sono entusiasta di aver vinto la nostra prima gara con BMW M Motorsport. La gara non è stata facile per noi, la Porsche era sempre presente. Tuttavia, abbiamo fatto delle buone scelte durante le fasi del codice 60 e alla fine abbiamo vinto. La BMW M4 GT3 ha funzionato senza problemi, i piloti, il team, il supporto di BMW M Motorsport – tutto è stato super. È stato un bell’inizio e ora speriamo ovviamente di continuare a conquistare molte altre vittorie”.

Valentino Rossi (BMW M4 GT3 n. 46, 3° posto): “Sono molto contento perché è il mio primo podio con WRT e farlo nella mia prima gara insieme a BMW M Motorsport è fantastico. È un segno. È un ottimo modo per iniziare. La gara è stata buona e mi sono divertito molto. Non è stato facile, ma alla fine abbiamo ottenuto il podio e questo era il nostro obiettivo”.

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.