24 Ore di Le Mans | Prove libere: Toyota si contiene ma è in testa

La prima sessione di prove libere della 24 Ore di Le Mans vede la Toyota #7 segnare il miglior tempo con Kobayashi. Porsche davanti in GTE-PRO

SMP #11 Le Mans Prove libere
Immagini SMP Racing

Le uniche prove libere precedenti la 24 Ore di Le Mans iniziano nel segno della pioggia,;con la pista ancora molto bagnata quando il semaforo diventa verde. In LMP1 a dettare il passo sono subito le Toyota #7 e #8. In LMP2, invece, Van Eerd su Dallara è il primo a far segnare giri veloci. Dopo 45 minuti dall’inizio della sessione,;a parte qualche episodio di imbottigliamento nel traffico, specialmente in rettilineo,;le prove proseguono regolarmente mentre la pista si asciuga sempre di più. In GTE-PRO è la Porsche ad occupare, senza grandi sorprese, le prime posizioni; in GTE-AM, invece, vediamo la Ferrari 488 GTE momentaneamente in cima alla classifica.

La prima bandiera gialla viene esposta a un’ora dall’inizio della sessione per un problema con la Porsche #88 di Hoshino,;che esce di pista e fa contatto con le barriere. Per rimuoverla dalla ghiaia viene chiamato un breve full course yellow e la sessione riprende senza grandi impedimenti, nonostante il cielo che continua a minacciare pioggia. Poco dopo anche Kobayashi commette un errore con la sua Toyota #7, andando lungo alla Mulsanne ma riuscendo a ripartire indisturbato. Nel frattempo, sulla Toyota #8 sale Fernando Alonso. Il team nipponico e Rebellion Racing continuano ad alternarsi in vetta alla classifica.

L’incidente di Krohn fa uscire la bandiera rossa

A poco più di due ore dalla fine a Le Mans arriva la pioggia, che rappresenta un potenziale problema per la stessa 24 Ore, e anche la prima bandiera rossa,;causa un brutto incidente che vede protagonisti Krohn e la sua Porsche #99. Il pilota ha perso il controllo sull’Hunaudieres, fortunatamente senza conseguenze. Il telaio però è distrutto. A metà sessione troviamo quindi la seguente classifica: in LMP1 la vettura #3 del team Rebellion Racing è in testa all’overall, seguita dalla Toyota #8; l’LMP2 vede primo il team Dragonspeed sulla #31, mentre in GTE-PRO è la Porsche #92 a farla da padrone; in GTE-AM, infine, Dempsey – Proton Racing detta il passo con la Porsche #77. Mezz’ora dopo si torna finalmente in pista, ma le condizioni bagnate non sono ottimali per girare su tempi bassi.

Con 50 minuti al termine emerge un bel sole e la pista si asciuga.

Bomarito si gira alla prima chicane del rettilineo, sulla Ford#67, toccando il muro. Poco dopo anche la Dallara del Racing Team Nederland si gira nella stessa zona.

La Porsche #91 fa un’escursione fuori pista, mentre la Ferrari #60 del Kessel racing esce alla prima variante. Intanto la SMP #11 con Vandoorne si mette in testa alla classifica, sfondando il muro del 3’20” e migliorando il tempo di Menezes sulla Rebellion #3 di 3 centesimi. Escursioni fuori pista anche per la #50 Larbre e la #49 ARC Bratislava.

Infine, con un guizzo finale, Kobayashi sulla Toyota #7 segna un tempo di 3.18.091, a dimostrare che le Toyota si erano solo nascoste finora. Anche le due Ferrari AF Corsa si mettono in mostra, agguantando la terza e la quinta posizione.

Classifiche finali delle prove libere

Questo slideshow richiede JavaScript.

In LMP1 quindi Toyota ribadisce il suo dominio ponendosi in testa alle prove libere della 24 ore di Le Mans, mentre SMP e Rebellion cercheranno di mettere le loro mani sul terzo gradino del podio. La Toyota #8 di Alonso-Buemì-Nakajima si accontenta della quarta posizione, indietro invece la Dragonspeed e la ByKolles.

In LMP2 situazione molto complessa, con la #48 Idec sport in testa in 3.28.363, seguita a 4 decimi dalla Dragonspeed #31 e a 5 dalla #26 G-Drive e dalla #39 Graff. Più lontana la #36 Signatech Alpine e la #29 Racing team Nederland, che sono a oltre 1 e 2 secondi. Tutti gli altri sono ancora in fase di test, con la nostra #47 Villorba corse quindicesima, a quasi 5 secondi dalla vetta. Ma c’è ancora molto tempo per la velocità.

In GTE-PRO Porsche segna il miglior tempo con la #92 di Christensen in 3.52.149, seguita a tre decimi dalla #94 e a 6 dalla Ferrari #71 con Bird. Sempre sotto il 3’53” troviamo la Ford #66, la Ferrari #51 e la BMW #82, in ripresa. La prima Corvette è solo decima a 1,2 secondi, la prima Aston Martin è la #97 a 1,7 secondi. Nessuno ha simulato un vero stint di gara, anche se viene da pensare a una situazione abbastanza equilibrata, con un certo vantaggio Porsche. Ultima la Ferrari #89 Risi Competizione, che ha girato poco e non ha tentato un vero assalto al tempo.

In GTE-AM è la Porsche #77 del Dempsey-Proton con Campbell a segnare il miglior tempo in 3.55.304, seguita a 4 decimi dalla Ferrari #54 Spirit of Race di Fisichella. Segue la Aston Martin #98. Molto indietro la Ford #85 di Keating.

Seguici su Telegram

24 ore di Le Mans | EoT: vittoria Toyota annunciata?

mm

Martina Andreetta

Studentessa di lingue e comunicazione con una grande passione per il motorsport. Un giorno sogno di far parte di questo mondo.