24 ore di Le Mans | Seconda giornata: tra errori e incidenti si conferma la griglia di mercoledì

Le due sessioni finali delle qualifiche per la 24 ore si sono corse sotto la costante minaccia della pioggia, giunta nell’ultima ora. Numerosi errori e incidenti hanno portato a lunghe slow zones e una bandiera rossa. Si confermano la Toyota #8 e la Porsche #91 in pole rispettivamente in LMP1 e GTE-PRO. qualifiche le mans

qualifiche le mans

La giornata di giovedì, corsa sotto la costante minaccia della pioggia, non cambia molto i risultati finali.

La Toyota #8 rimane in pole grazie al miglior tempo di Nakajima, fatto segnare nelle Qualifiche 3, che in 3:15.377 è appena un secondo più lento del record assoluto. Può quindi essere contento il team che vede assieme a lui Sèbastien Buemì e Fernando Alonso, che nell’ultima ora ha guidato in notturna sotto la pioggia, per prepararsi meglio alla grande gara.

Il recordman sul Circuit de La Sarthe Kamui Kobayashi si accontenta del secondo posto, con un tempo di 3.17.377 segnato sulla Toyota #7.

Tra i privati il terzo posto è della Rebellion #1 in 3:19.449, seguita dalla SMP Racing #17, e dall’altra Rebellion.

LMP2

Pole position per la #48 Idec Sport, dopo che un infrazione della #28 TDS ha portato alla perdita dei tempi della seconda sessione.

Seguono la #31 Dragonspeed e la #26 G-Drive Racing.

Nella seconda sessione la #36 Signatech Alpine rompe la sospensione posteriore destra alle chicane Ford. Dopo un periodo di slow zone, la #47 Villorba Corse si schianta alle prima chicane del rettilineo a causa dello stesso problema. Nessuna conseguenza per il pilota Giorgio Sernagiotto, tuttavia sarà una durissima giornata di lavoro per la squadra italiana. Inoltre la seconda sessione è stata dichiarata conclusa dopo questo incidente, allungando di mezz’ora la terza sessione.

GTE-PRO

Immagini Porsche Motorsport

Il tempo missilistico di Gianmaria Bruni sulla Porsche #91 di mercoledì gli vale la pole. Nessuno è infatti riuscito nemmeno a avvicinare il suo 3:47.504.

A un secondo e mezzo di distacco si trova la Porsche #92, in 3:49.097, seguita dalla Ford #66, e dalla Ferrari #51, che è l’unica di questo quartetto a essersi migliorata ieri (3.49.494).

In circa un secondo è compresa quasi tutta la griglia, incluse le altre due Porsche, le nuove BMW, la Ferrari #71 e le altre tre Ford.

Ultime, dietro persino alla pole delle GTE-AM la Ferrari #52 (con Giovinazzi, Derani e Vilander), e le due Aston Martin, con la #95 che in 3.53.523 è appena davanti alla vecchia Vantage #98 in GTE-AM

GTE-AM

Si conferma in pole la Porsche #88 del Dempsey-Proton Racing, con il miglior tempo di Matteo Cairoli in 3.50.728.

Seguono le Porsche #86 Gulf racing, la #77 del Dempsey-Proton Racing, e la Ferrari #54 del team Spirit of Race.

La partenza è fissata alle 15 di Sabato 16 Giugno. [Orari]

24 ore di Le Mans 2018 | Toyota vince finalmente con Alonso, Buemi e Nakajima!

Francesco Ghiloni

Studente e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.