24 Ore di Spa | Sintesi dopo 21 ore – La Ferrari #51 di Iron Lynx in testa!!

A tre ore dal termine della 24 Ore di Spa 2021 è la Ferrari #51 a guidare la classifica. La vettura del team Iron Lynx precede la Audi R8 #32 del Team WRT e la Aston Martin #95.

Foto: GT World Challenge

L’edizione 2021 della 24 Ore di Spa continua a regalare emozioni. Vediamo che cosa è successo tra la sedicesima e la ventunesima ora.

Sedicesima ora

La diciassettesima ora si è aperta con la leadership della Ferrari di Nicklas Nielsen con un vantaggio di quasi 40 secondi sull’Audi di Kelvin van der Linde. La vettura di Marciello ha avuto un problema tecnico e ha perso tempo in pitlane. La gara è stata neutralizzata perchè una Lamborghini è finita in barriera. La Ferrari di Nielsen, l’Audi di van der Linde e la McLaren di Bell hanno approfittato per la sosta.

Alla ripartenza solo 3 auto nel giro di testa: la Ferrari #51, l’Audi #32 e la Aston Martin #95. La Lamborghini di Bortolotti in sesta posizione alle spalle della Porsche #47 di Maxime Martin.

Diciassettesima ora

Ferrari in controllo con Nielsen, mentre nel gruppo di testa l’Audi #66 di Drudi ha avuto un drive through per infrazione dei limiti di pista.Limiti di pista che in questa diciassettesima ora hanno tratto in inganno molti piloti e team. La penalità di Drudi e il pit stop di Martin, hanno permesso a Bortolotti di risalire in 4°posizione.

Nielsen e Dries Vanthoor si son fermati in contemporanea per la sosta. Al volante della Ferrari #51 Alessandro Pierguidi. La Lamborghini #63 di Mapelli ha perso la posizione sulla Porsche di Martin, ma il pilota italiano, subentrato a Bortolotti, ha recuperato e tentato il sorpasso sul Kemmel.

Diciottesima ora

Mapelli molto aggressivo sulla Porsche che ben ha difeso la sua posizione. Tre piloti nel giro di testa: la Ferrari #51, l’Audi #32 e la Aston #95. Quest’ultima ha anticipato la sosta. Mapelli ha avuto pista libera quando la Porsche #47 si è fermata per il cambio pilota con Nick Tandy al volante. Il duo Porsche è stato costretto ad una gara estenuante a causa dell’incidente di Vanthoor, investito nel paddock.

Gara neutralizzata a poco meno di mezz’ora al termine della diciassettesima ora per l’incidente della Porsche #23 al Radillon. Ferrari e Audi hanno effettuato il pit stop ma Vanthoor ha avuto una sosta più lunga per un problema.

Leggi anche:

WEC | James Calado: “Le Hypercar vi stanno deludendo? Non fatevi ingannare: Toyota si nasconde”

Diciannovesima ora

Bandiera verde quando mancano sei ore alla fine della 24 ore di Spa 2021. Alessandro Pier Guidi è sempre al volante della Ferrari #51 di Iron Lynx. Il pilota italiano precede l’Audi #32 del belga Charles Weerts. Al momento, queste due vetture sono le uniche a pieni giri in questa edizione della classica delle Ardenne.

Charles Weerts ha quasi otto secondi di ritardo nei confronti del leader Pier Guidi. Il giovane pilota belga non riesce, però, a recuperare il suo svantaggio.

Cambio di leader in classe Silver. La Mercedes #90 di Mad Panda non riesce a difendere la prima posizione di classe dagli attacchi della Aston Martin #159 guidata da Tujula. Le due vetture occupano rispettivamente la dodicesima e tredicesima posizione assoluta.

A Lecombe, l’Audi #37 di Nico Muller guadagna la sesta posizione nei confronti della Porsche #47, guidata da Nick Tandy.

A metà della diciannovesima ora si ferma Marco Sorensen con la Aston Martin #95. Il pilota danese lascia il volante al connazionale Thiim.

Penalità per la Lamborghini #63. La vettura dovrà effettuare un passaggio nella corsia dei box per aver causato il testacoda della Ferrari #93.

Sosta anche per Charles Weerts che lascia il volante della R8 #32 a Dries Vanthoor. Box anche per la Ferrari #51 di Pier Guidi. L’italiano lascia spazio al francese Ledogar.

Ventesima ora

Continua il duello tra la Porsche #47 e la Audi #37. Le due vetture lottano per la quinta posizione assoluta dopo la penalità inflitta alla Lamborghini #63. Robin Frijns insegue da vicino la Porsche di Tandy, pronto a sferrare l’attacco.

Caldarelli, alla guida della lamborghini #63, si trova in settima posizione e sta cercando di recuperare terreno sulle vetture che lo precedono.

Dries Vanthoor riduce progressivamente il suo distacco dal leader Ledogar. Il pilota belga ha un distacco inferiore ai nove secondi nei confronti del pilota francese e si avvicina al ritmo di più di mezzo secondo al giro.

In uscita dal Radillon, Robin Frijns riesce a superare la Porsche di Nick Tandy e guadagna la quinta posizione. A metà della ventesima ora, Caldarelli raggiunge la Porsche #47 di Tandy. Qualche minuto dopo, l’italiano conquista la sesta posizione in frenata a Lecombe.

Sosta ai box per la Aston Martin di Thiim. Continua il recupero di Dries Vanthoor nei confronti di Ledogar. Il pilota belga ha un ritmo migliore del pilota francese della Ferrari di Iron Lynx. I due sono divisi da 3.5 secondi.

Il traffico sembra favorire il pilota della Audi #32 che riesce ad attaccarsi agli scarichi della Ferrari #51. Sosta ai box per Ledogar che lascia la testa della corsa a Vanthoor. Cambio pilota in casa Iron Lynx. Al posto di Ledogar entra in pista Nielsen.

Sosta ai box anche per la Audi #32. In casa Team WRT Kelvin Van Der Linde prende il posto di Vanthoor. Il sudafricano rientra in pista con sei secondi di ritardo dalla Ferrari #51.

Il ritmo della Audi #32 continua ad essere molto buono. Van Der Linde ha già dimezzato il distacco che lo divide da Nicklas Nielsen in poco più di due giri.

Ventunesima ora

Con lo scoccare della ventunesima ora entriamo nelle ultime 4 ore della 24 ore di Spa 2021. In questa fase di gara Nicklas Nielsen riesce a respingere l’assalto di Van Der Linde. Il distacco è stabile intorno ai 4 secondi.

In classe Silver, la leadership è della Mercedes #90, schierata da Madpanda Motorsport. Al secondo posto troviamo la Aston Martin #159 di Garage 59. Terza posizione per la Audi R8 #99 del team

In classe Pro-Am, guida la Ferrari #53, gestita da AF Corse. La vettura gemella #52 è seconda, davanti alla Lamborghini #77 di Barwell Motorsport. Trentaquattresima posizione assoluta per la Porsche #166, leader di classe Am.

Continua il duello a distanza tra Nielsen e Van Der Linde. Il distacco si è ridotto a 2.4 secondi e la lotta per la vittoria è più aperta che mai.

Il traffico accende la sfida per le prima posizione. Van Der Linde prova a superare Nielsen all’ultima chicane sfruttando i doppiati ma non riesce a completare la curva ed è costretto a restituire la prima posizione al danese. Sulle vetture entrano in azione i tergicristalli. Qualche goccia di pioggia inizia a cadere sulla pista senza costringere le vetture a rientrare ai box per sostituire gli pneumatici.

Sosta ai box per Nicklas Nielsen. Ancora una volta la Audi #32 prende la testa e può imporre il suo ritmo prima del pit stop. Sulla Ferrari #51 Nielsen rimane al volante.

Un giro dopo, termina lo stint di Van Der Linde che rientra ai box con la R8 #32. Il sudafricano rimane al volante della vettura ma non riesce a strappare la leadership della 24 ore di Spa alla Ferrari di Iron Lynx. Ancora una volta la squadra italiana riesce ad aumentare il distacco nei confronti del Team WRT dopo il pit stop.

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

WEC | Ilott parteciperà con la Ferrari di Iron Lynx alla 24 ore di Le Mans