50 sfumature di auto – Nostalgia da salone dell’auto? Uno sguardo a quell’ultima edizione di Ginevra…(parte 2)

Nel precedente articolo stavamo rivivendo con malinconia l’ultimo Salone dell’Automobile che sono riuscito a visitare. Da professionista del settore ho frequentato numerosi saloni dell’auto ;ma quell’ultima occasione fu speciale per me in quanto portai per la prima volta mio padre, in occasione dei suoi ottant’anni. Più che un regalo una richiesta da parte di un grande appassionato d’auto.

salone auto

Tornando a guardare gli scatti di quel giorno parliamo della presenza Italiana al salone: la sorpresa di un marchio come Fiat, che alcuni davano in svendita al migliore offerente e ora pronto al rilancio all’interno della galassia Stellantis. salone auto
Già a Ginevra rialzava la testa prefigurando un futuro fatto di automobili innovative e pratiche, elettriche ma popolari, funzionali come da storica tradizione del marchio.

Dopo anni di scetticismo nei confronti dell’elettrico, Fiat cerca il rilancio con due strade ancora da tracciare, la 500 elettrica, lanciata pochi mesi fa e di cui vedemmo solo un teaser, e questa 120 che fece tanto fa parlare di se. Un tuffo nel passato con richiami alla mitica Panda, per spingersi ad intravedere soluzioni – batterie modulabili, parti stampate in 3D, schermi led che proiettano pubblicità sul lunotto – che potrebbero arrivare prima di quanto immaginiamo.

Rimanendo nel gruppo Stellantis, non potevamo non guardare con velato ottimismo alle bellissime linee del Concept Tonale di Alfa. Forse in ritardo, sicuramente una strada nuova rispetto allo stile di Giulia e Stelvio, ma con una personalità distinta e forte che ricorda le GT Junior, la SZ, e altre magnifiche auto del biscione. Chissà se sarà elettrica e con quale tipo di trazione, ma l’attesa e l’aspettativa per la vettura di serie è grande.

Per finire, in casa Italiana, c’è sempre posto anche per la passione, quella vera, fatta di elaborazioni, motori di una volta, che ci piacevano e continuano a piacerci. Nel mondo moderno lo spazio c’é – e i numeri lo confermano – anche per un marchio come Abarth, ai suoi 70 anni di storia in grande stile. Qui gli occhi del papà brillarono parecchio. E non solo i suoi.

ll Motorsport al salone era presente ma demandato a simulatori ed esperienze digitali. Ricordando con nostalgia le competizioni del Memorial Bettega di saloni nostrani, notai come i tempi erano un po’ cambiati; il motorsport lo facevano i visitatori, con i gran premi virtuali.

All’89° salone di Ginevra c’era insomma spazio per tutti, soluzioni innovative e classiche. Il mondo dell’auto non si è fermato, anzi è in fermento e quello che succederà nei prossimi anni possiamo solo intuirlo ma chi, in questo momento, ha il coraggio di avventurarsi in una scommessa sulla mobilità dei prossimi 5-10 anni? salone auto

Ripensandoci a quel salone c’era una grande assente: la guida Autonoma, dov’era? Se ne parla tanto, come per l’auto elettrica, qualcuno la invoca, altri la temono, qualcuno ne è affascinato, molti sono quelli scettici. I tempi sembrano maturi per la tecnologia, un po’ meno forse per l’impatto sul traffico e sulla vita di tutti giorni. Del resto, senza adeguate normative… salone auto

Tornando verso l’albergo ricordo che il papà era contento, stanco e un po’ stralunato dalla confusione. Una curiosità gli resta ancora oggi: “MA QUESTE AUTO ELETTRICHE, ALLA FINE, QUANTO COSTERANNO?” In effetti ancora non lo abbiamo capito del tutto: probabilmente un po’ di più di un cappuccino a Ginevra, ma non di molto. salone auto

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

50 sfumature di auto – Come tamponare alla grande anche se hai la frenata automatica d’emergenza

mm

Giacomo Vitali

Ingegnere meccanico, si occupa di formazione tecnica nel settore automotive, cofondatore di HL Consulting srl, appassionato di Motorsport.