50 sfumature di auto | Tutto quello che avreste voluto sapere sul noleggio…ma non avete mai osato chiedere

Noleggia la tua prossima auto! NLT anche per privati! Noleggia! sNoleggia!  sNoleggia! Ma cosa succede da qualche anno a questa parte? Non passa mese che le riviste di settore non facciano un articolo sulla convenienza del noleggio delle auto anche per i comuni mortali, quelli che portano i figli a scuola, lavorano a 7 km da casa e vanno a fare la spesa due volte a settimana. Il chilometraggio dell’italiano medio era già sceso a 1.000 km mensili prima della pandemia e questa storia del noleggio per privati mi sembra davvero un non senso. Per quale motivo la casalinga di Voghera o suo marito, di cui non si parla mai, dovrebbero pagare canoni belli corposi e restituire l’auto dopo 36 o 48 mesi quando di fatto è ancora piuttosto nuova?

Noleggoi auto

L’ho chiesto a Luca Conti, un amico che da quindici anni si occupa di noleggio di autoveicoli e che oggi è responsabile delle attività di rent presso la società Girometti e De Angeli, centro polifunzionale per la distribuzione e riparazione nella regione Marche. Io e Luca abbiamo lavorato assieme in un lontano passato e, a differenza mia, lui è una persona seria. Ricordo benissimo quando durante una pausa pranzo trascorsa assieme, per fare il ganassa, intraversai in rilascio la Punto aziendale che aveva le gomme posteriori finite. Per poco non ci cappottammo…ma questa è un’altra storia ed  eravamo più giovani e spensierati.

Caro Luca, come mai oltre alle aziende oggi si parla sempre più di noleggio ai privati?

Sono mutate le condizioni di mercato. Dopo dieci anni di crisi economica, c’è una fetta importante di privati che valuta la sua prossima auto con molta più attenzione perché non vuole sbagliare. Operando tutti i giorni sul mercato, mi accorgo che queste persone sono molto più interessate alle novità tecnologiche di quanto si possa immaginare, oltre ad essere più consapevoli delle loro reali esigenze legate alla mobilità. Benzina, ibrida o elettrica? Un modello a fine serie superscontato? Ma quanto varrà tra qualche anno? Per questo target di persone più attente, il noleggio è una soluzione che tranquillizza, proprio perché contempla tutti i possibili costi senza impegnarsi per troppo tempo.

Tutto chiaro, ma perché i canoni dedicati ai privati si sono abbassati negli ultimi anni?

I grandi player del Noleggio a Lungo Termine, dopo anni di focus sulle aziende hanno deciso di aggredire un canale di vendita enorme, quello dei privati; i quali percorrono molti meno chilometri rispetto al passato ed al termine del noleggio restituiscono vetture con un’elevata rivedibilità.

ALD, Arval, Leasys, VW Leasing, Alphabet, Leaseplane e tutte le altre major hanno chiarissima la logica dei grandi numeri e delle economie di scala sui servizi di manutenzione e assicurazione. Oggi propongono ai privati formule “light” del noleggio con canoni più abbordabili che rappresentano il punto d’incontro tra loro e i clienti. ALD ha offerte molto appetibili sulle vetture elettriche e ibride, Arval propone ai privati un chilometraggio flat di 100.000 km in tre anni, VW Leasing da qualche anno ha dei canoni piuttosto convenienti, Leasys ha numerose soluzioni dedicate ai privati e una di queste dà la possibilità di accedere ad un canone base molto contenuto e di pagare i chilometri a consumo. Potrei continuare ancora. Ogni giorno esce un’offerta innovativa dedicata ai privati.

Meglio un noleggiatore captive, legato alla casa automobilistica o uno dei big?

Vanno bene entrambi. Noleggiare dalle captive attraverso le concessionarie ufficiali garantisce la maggiore conoscenza del prodotto e l’offerta diventa davvero sartoriale. Noleggiare dalle altre società consente una possibilità di scelta a 360 gradi, senza limiti di marchio, con offerte talvolta più aggressive su alcuni modelli. In entrambi i casi emerge la necessità per il cliente di incrociare un consulente preparato.

LEGGI ANCHE: City Car elettrica? Ma poi risparmi davvero?

Ma questo rent è davvero per tutti? Per quale tipo di cliente privato pensi sia più adatta la soluzione del noleggio rispetto all’acquisto in proprietà?

Mi vengono in mente diverse tipologie di persone. Possono essere clienti che fanno della mobilità una questione culturale e che, ad esempio, si vogliono avvicinare alla mobilità meno impattante senza correre il rischio di tenersi l’auto sbagliata per dieci anni. Ci sono poi i personaggi dall’approccio pragmatico che sono molto attenti ai costi, compresi quelli imprevisti. C’è chi è reduce da brutte esperienze come quella di spendere migliaia di euro per riparare l’auto dopo un incidente e scoprire poi che la stessa non ha più molto valore sul mercato.

Sicuramente non è per i sognatori old style, appassionati dell’automobile in quanto oggetto emozionale. Tanto per capirci, difficilmente un cliente che fa domande sul noleggio vuole vedere cosa c’è sotto al cofano della sua prossima auto.

Tu la fai facile ma come risponderesti alla più scontata delle domande della signora Maria di turno, cioè: “Alla fine del noleggio cosa mi resta?”

Le risponderei che ciò che le resta sono solo vantaggi. Per prima cosa non si deve più confrontare con il valore residuo della sua auto. Le direi ad esempio: “E’ sicura che la sua Ford o la sua Bmw saranno un valore aggiunto tra tre o quattro anni? ”La seconda cosa che metterei in evidenza è la rapidità con cui può paragonare tutte le offerte per orientarsi, ad esempio, dopo soli tre anni su un’auto più piccola o più economica se la sua mobilità o le sue priorità dovessero cambiare.

In conclusione sottolineerei che il noleggio é una formula molto più al riparo da ogni tipo di imprevisto.

Gli italiani prediligono la casa di proprietà, per quale motivo dovrebbero rinunciare alla proprietà dell’auto?

L’auto è il bene più facilmente aggredibile da parte dell’Erario anche in caso di errori e “cartelle pazze”. Tutti coloro che dal 2011 ad oggi hanno subito dei fermi amministrativi sull’auto sanno di cosa sto parlando. L’auto a noleggio non è intestata a loro ma alla società che la concede in uso. Anche in questo caso si è maggiormente al riparo. Oltre a ciò, non essendo un finanziamento, il noleggio non limita ulteriori possibilità di accedere al credito bancario.

Ma tu lo sai che le persone come la signora Maria pagano pochissimo di polizza RCA avendo una classe di merito molto bassa? A loro conviene passare al noleggio?

Il regolamento dell’IVASS, Istituto per la Vigilanza delle Assicurazioni, permette il mantenimento della classe di merito per 5 anni. Se la signora alla fine del noleggio deciderà di tornare ad un’auto in proprietà si ritroverà ancora le stesse condizioni favorevoli. Pensa piuttosto a tutti coloro che per età, zona di rischio o sinistrosità si trovano ad avere una classe di merito alta e pagano molto. Con il noleggio la polizza RCA è compresa nel canone e calcolata con le economie di scala delle grandi società di noleggio.

Luca, visto che sei così fastidiosamente esperto, dimmi se si può tenere l’auto a fine contratto? E’ conveniente?

Statisticamente è raro, ma chi ha sbagliato qualche previsione in fase contrattuale può inoltrare richiesta al noleggiatore e, se sussistono le giuste condizioni economiche, procedere con il riacquisto. Ho un cliente, ad esempio, che ha percorso molta meno strada di quanto aveva previsto e ha gradito la proposta di acquisto che ha ricevuto. Per quanto riguarda l’estinzione anticipata invece le società di noleggio sono piuttosto rigide e applicano penali d’uscita disincentivanti, ma anche su questo le cose stanno cambiando.

Non c’è niente da fare, il mio amico Luca è una specie di Karate-Kid del noleggio e ha parato ogni colpo che ho provato a infliggere a questa formula d’acquisto, decido allora di buttarla in caciara.

Allora Luca, se ho capito bene, un privato che fa un sacco di incidenti, ha contenziosi con l’Erario, vuole un’auto praticamente invendibile giallo canarino con optional improponibili é il cliente ideale del noleggio?

Così offendi le tante signore Maria che hai citato e che si stanno avvicinando al noleggio. I dati di crescita parlano chiaro, ma comunque ne riparleremo tra qualche anno e mi darai ragione.

Ciao Luca ci vediamo quest’estate per una cena di pesce. Paghi tu che vendi tanti noleggi!

Seguici anche su Instagram

Marco Cucchi

Formatore, consulente e coach nel settore automotive, cofondatore di HL Consulting srl, appassionato di Motorsport, autore del libro "Ayrton Senna, io c'ero" Edizioni Acar.