ABB FIA Formula E | Monaco e-prix: vince Jean Eric Vergne, podio per Felipe Massa!

Jean Eric Vergne vince uno straordinario Monaco e-prix battendo al fotofinish Oliver Rowland. Primo podio in carriera per Felipe Massa, che difende la terza posizione sul traguardo da Pascal Wehrlein. Jean Eric Vergne è il primo ad aver vinto due gare nel 2018-2019 FIA ABB Formula E Championship.

Credit: Marco Borgonovo per F1inGenerale

I risultati delle qualifiche del Monaco e-prix

Il più veloce nelle qualifiche è stato Oliver Rowland della Nissan e.dams, ma non scatterà dalla pole position a seguito della penalità ricevuta al Paris e-prix. In prima fila troviamo dunque Jean Eric Vergne, della DS Techeetah, davanti a Pascal Wehrlein della Mahindra. Dalla terza posizione scatta proprio Oliver Rowland, davanti a Felipe Massa. Per la sua scuderia, la Venturi Formula E Team, il Monaco e-prix rappresenta la gara di casa. Il suo compagno di squadra, l’italo-svizzero Edoardo Mortara, parte invece dalla penultima casella dello schieramento.

La partenza del Monaco e-prix

La partenza avviene regolarmente senza incidenti. Rimangono pressappoco invariate le prime posizioni. Ottimo spunto per Andre Lotterer che risale in diciassettesima posizione.
Dopo 5 minuti Jean Eric Vergne e Pascal Wehrlein prendono un leggero vantaggio sul gruppo degli inseguitori capitanato da Oliver Rowland e Felipe Massa.

Foto: Marco Borgonovo per F1ingenerale

Dopo 7 minuti inizia a farsi vedere con decisione Sèbastien Buemi con la Nissan e.dams sul Felipe Massa. Il brasiliano però tiene la traiettoria interna al tornante in curva 3 e mantiene la quarta posizione.
Poco dopo Pascal Wehrlein va lungo alla Saint Devote! Il tedesco perde due posizioni. Gli inseguitori di Jean Eric Vergne diventano quindi Oliver Rowland e Felipe Massa.

La gara entra nel vivo

Oliver Rowland, Felipe Massa, Pascarl Wehrlein, Stoffel Vandoorne e Robin Frijns sono i primi piloti ad attivare l’attack mode.
Nelle retrovie Lucas Di Grassi è 10° davanti a Robin Frijns, mentre Andre Lotterer rimane bloccato in diciassettesima posizione.

Dopo 13 minuti inziano a faticare le Nissan e.dams. Oliver Rowland è staccato di quasi due secondi da Jean Eric Vergne ed è tallonato da Felipe Massa e Pascal Wehrlein. Sèbastien Buemi invece è quinto con un ritardo di 5.7 secondi dal leader ed è inseguito da un folto gruppo di avversari. Alexander Sims prova l’attacco alla Saint Devote, ma senza successo.

Con una manovra straordinaria Antonio Felix Da Costa scavalca Alex Lynn all’esterno di curva tre e al giro dopo scavalca anche il compagno di squadra Alexander Sims. Il portoghese sale in sesta posizione quando mancano 26 minuti più un giro alla conclusione.

Foto: Antonio Borgonovo per F1ingenerale.

Una gara senza interruzioni

Senza incidenti e Safety Car i piloti devono essere bravi anche a gestire la carica della batteria.
A poco più di venti minuti dal termine si movimenta la gara. Oliver Rowland e Felipe Massa si riavvicinano a Jean Eric Vergne.
Sèbastien Buemi agisce da tappo e compatta tutto il gruppone dietro di sè. Questo favorisce tanti sorpassi e azioni spettacolari. Lucas Di Grassi sale in nona posizione dietro a Sam Bird e davanti a Stoffel Vandoorne. Il leader del campionato Robin Frijns rimane fuori dalla zona punti.

A diciotto minuti dal termine una vettura del NIO Formula E team perde un pezzo di carbonio. I commissari espongono la Full Course Yellow.
La gara riparte dopo pochi secondi con i primi quattro molto vicini tra di loro.
A un quarto d’ora dal termine arriva il colpo di scena. Sebastien Buemi difende in maniera aggressiva la posizione su Antonio Felix Da Costa. Durante la manovra il gruppo di ricompatta ancora di più. Nella bagarre Lucas Di Grassi viene spinti contro il muro, danneggiando la sospensione. Gara finita per il brasiliano.

Foto: Marco Borgonovo per F1ingenerale

Gli ulitmi 15 minuti

A un quarto d’ora dal termine i primi quattro sono praticamente una cosa sola. Pascal Wehrlein è stato quello più abile nel risparmiare energia.
Nelle retrovie Sam Bird risale al sesto posto, Mitch Evans al decimo e Andre Lotterer al 14°.
Il leader dal campionato Robin Frijns sorpassa Stoffel Vandoorne ed entra in zona punti.
Mitch Evans regala spettacolo. Inifila Alexander Sims in uno spazio millimetrico e conquista l’ottava posizione.

A cinque minuti dal termine i primi tre attivano il secondo attack mode. Pascal Wehrlein (4°) è l’unico a doverlo ancora attivare.

Gran finale

A tre minuti dal termine arriva l’altro colpo di scena. Il leader del campionato Robin Frijns tenta un sorpasso su Alexander Sims, ma viene chiuso e danneggia la sua Envision Virgin Racing, ritirandosi. I commissari riescono a recuperare la vettura senza mandare in pista la Safety  Car.

Ultimi giri al cardiopalma con i primi quattro che sono racchiusi nel giro di un secondo e provano a guadagnare posizioni e a difendersi. Jean Eric Vergne e Felipe Massa all’ultimo giro sono a corto di energia. Al fotofinish il francese vince davanti ad Oliver Rowland, mentre sempre sulla linea del traguardo Felipe Massa conserva il podio da Pascal Wehrlein.

Durante l’ultimo giro, Sam Bird rimane anche fermo alla Rascasse. Di seguito la classifica finale del Monaco e-prix.

Foto: Formula E live timing

Gli spettatori sulle tribune stracolme e le sirene degli Yatch salutano i protagonisti dell’e-pricìx. Restate connessi con F1ingenerale per le interviste post gara, le classifiche, le pagelle e tante interviste in esclusiva.

Seguici anche su Telegram

Formula E | Monaco eprix-Rowland in pole ma è penalizzato. Vergne partirà primo

mm

Carlo Platella

Nato e cresciuto a Torino, studio ingegneria dell'Autoveicolo nel Politecnico della mia città. Ho una grande passione per il motorsport in tutte le sue forme che mi piace trasmettere negli articoli. Lavoro nella Squadra Corse della mia università con la speranza un giorno di entrare in Formula 1.