All’attacco del “Segmento C”: ecco la Nuova Ford Focus 2022

Dopo l’annuncio di Opel Astra 2022, Ford risponde presentando la Nuova Focus 2022. Come cambia la famigliare della casa statunitense? Scopriamolo insieme.

Ford Focus ST Line 2021
Foto: Ford Media Center focus.fordpresskits.com

La Germania chiama, gli USA rispondono. Ford presenta finalmente la nuova Focus 2022, declinata nelle versioni Active, Business ed ST-Line (con opzioni X e Vignale per ognuna di esse). Ma cosa è cambiato?

Se è vero che le fiancate e la parte posteriore rimangono decisamente simili al modello 2020 di Focus, lo stesso non si può dire della parte anteriore. Per la nuova arrivata di Casa Ford dei nuovi gruppi ottici, con una firma LED che circonda le luci anabbaglianti (a differenza della “virgola” della versione attuale), più piccole ma decisamente più efficienti. Cambia anche la calandra, più generosa ed alta (e che ora incorpora il logo di Ford), favorendo la presa d’aria sottostante. Lì trovano posto il radar del sistema anticollisione e i due sensori di parcheggio frontali, parte fondamentale del pacchetto ADAS della nuova Focus.

La presa d’aria anteriore, inoltre, è stata unita agli alloggi dei fendinebbia (rimossi e incorporati nei gruppi principali) e decorata con una elegante finitura cromata. Diverso il discorso per la versione Station-Wagon, la Active, che presenta un disegno più tradizionale del paraurti, pur presentando a sua volta una finitura argentata orizzontale. Più in generale, ogni nuova versione di Focus avrà dei dettagli di carrozzeria che la distingueranno dal resto della linea.

E dentro?

Ford focus 2021 interni
Foto: Ford Media Center focus.fordpresskits.com

Se esteriormente Focus 2022 ha poche novità da offrire, gli interni della nuova Ford sono tutt’altra cosa. L’occhio cade immediatamente sul nuovissimo sistema di infotainment SYNC 4, un prodigio che sfrutta algoritmi di apprendimento del comportamento del guidatore e contenuto in un generoso schermo touch da 13,2″ posizionato al centro della plancia. Il SYNC 4 ha consentito a Ford di raggruppare al suo interno tutti i comandi che, nella versione 2020, troviamo sul tunnel centrale, ovverosia quelli per la gestione del climatizzatore e per i contenuti multimediali. Rimangono invece presa USB, presa da 12V e i comandi del freno di stazionamento.

Il volante e i suoi comandi restano pressoché invariati rispetto a Focus 2021. A sinistra troviamo i tasti per la gestione del Cruise Control e del volume dell’infotainment, mentre a destra una piccola novità. Tutti i bottoni necessari per telefonare in sicurezza, ma anche il nuovo tasto “MODE” e, nella versione ST, il tasto S. Con il tasto MODE potremo scegliere tra le più classiche modalità di guida, come Normal, Eco e Sport, ma anche Slippery (per quando il terreno è scivoloso) o Trail (per le strade bianche). Con il tasto S, invece, il SYNC 4 cambierà l’aspetto del cruscotto di Focus ST 2022: un look decisamente più racing, ma anche pressioni, temperature e schermata del Launch Control, per una partenza più aggressiva.

Ford Focus 2021 cruscotto
Foto: Ford Media Center focus.fordpresskits.com

Tecnologia e ADAS di Focus 2022

Se già abbiamo parlato della nuova plancia iper-connessa di Focus 2022, meritano menzione i suoi sistemi di aiuto attivo alla guida. La neonata di Ford sarà equipaggiata con alcuni nuovi ed interessanti ADAS: Blind Spot Information System con Trailer Coverage, Intersection Assist, Local Hazard Information. Il primo sfrutta l’informazione di lunghezza del rimorchio, immessa dal conducente nel SYNC 4, per aiutare ad evitare incidenti dovuti all’angolo cieco in modo attivo. L’intersection assist, invece, frena automaticamente (fino a 30 km/h) per evitare di rimanere coinvolti in incidenti da incomprensioni dovute al traffico, prevedendo le possibili collisioni. Il Local Hazard Information sfrutta i dati degli altri utenti per darci informazioni su possibili pericoli sul nostro tragitto, come incidenti o lavori in corso, e ci informa con una notifica.

Oltre a questi, troviamo sempre i più classici aiuti alla guida, come assistente di corsia, fari intelligenti (seguono il volante e si abbassano in caso di incrocio con un’altra vettura), aiuto alla partenza in salita e riproduzione dei pittogrammi.

Se gli ADAS sono fondamentali e, in alcune occasioni, possono salvare la vita a chi è a bordo, anche il comfort vuole la sua parte. Focus 2021 non si fa trovare impreparata: sedili e volante riscaldati, tettuccio panoramico apribile, ma anche caricatore wireless per smartphone. Parlando proprio di smartphone, Focus 2022 è compatibile con l’app FordPass, che consente di essere sempre connessi con la propria Ford. Un approccio smart alla vettura, che ci permette sempre di sapere autonomia e stato della nostra Ford. Inoltre, è possibile climatizzare la vettura prima di salire a bordo ed aprire e chiudere le serratura da qualunque distanza.

Motorizzazioni, trasmissioni e prezzi

Ford Focus Restyling arriverà entro febbraio 2022 nei concessionari italiani, dove gli acquirenti potranno scegliere diverse combinazioni di motorizzazioni e cambi. La nuova Focus potrà essere equipaggiata dall’ormai classico 3 cilindri 1.0 EcoBoost Hybrid 48V benzina da 125 o 155 CV o dal diesel 1.5 EcoBlue da 120 CV. Capitolo a parte il 2.3 EcoBoost benzina da 280 CV dedicato a Focus ST, la versione più sportiva (per interni e prestazioni) di Focus 2021.

Trasmissione automatica di serie su tutte le motorizzazioni con optional cambi automatici differenti per le versioni benzina e diesel, rispettivamente 7 e 8 marce.

Bella, intelligente, formato famiglia. Sì, ma quanto costa Focus 2022? Il prezzo d’attacco della nuova segmento C di Ford è di €26.500 per la versione Business 5 porte con l’EcoBoost da 125 CV. Leggermente più in alto il prezzo della versione station wagon, che con la stessa motorizzazione parte da €28.500. La forbice dei prezzi di partenza per la nuova Focus si chiude con i €38.400 di Active Vignale – al netto delle scelte sulle trasmissioni, + € 2.000 sul prezzo di partenza. Sempre capitolo a parte Focus 2021 ST, che viene già equipaggiata con il cambio automatico a 7 rapporti e per la quale servono €41.700.

Ultimo piccolo capitolo dedicato ai prezzi degli aiuti alla guida: il Co-Pilot Pack, che comprende buona parte di ciò che vi abbiamo raccontato parlando degli ADAS, costa 750 euro. Attenzione però ad alcuni costi “nascosti”: FordPass necessita di un abbonamento a parte e non tutto è compreso nel pacchetto.

Riassumendo, Ford confeziona la “solita” Focus: un’auto interessante ed economica, decisamente adatta alle piccole famiglie e perché no, anche ai giovani. Il nuovo sistema SYNC 4 è decisamente la vera novità di Focus Restyling, un software dalle premesse decisamente interessanti e che si promette di spianare la strada a questo tipo di infotainment anche su vetture più economiche. Si dimostrerà all’altezza delle aspettative? A Febbraio del prossimo anno avremo la nostra risposta.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Leggi anche: https://f1ingenerale.com/citroen-ami-piccola-elettrica-pratica-perfetta-per-la-citta-ha-senso/

Alessandro Silva

22 anni passati ad amare le auto, galeotti furono Schumacher e Rai 1 la domenica. Ligure d'origine, pavese d'adozione. La mia prima macchina? Ford Mondeo SW 1999, la quale ha tutto il mio amore incondizionato. Ultima cosa: se mi chiedete "Meglio benzina o elettrico?", significa che non avete letto abbastanza articoli scritti da me.