Altre categorieF1 Academy

Dopo la F1 Academy c’è More Than Equal: selezionate le prime giovani donne pilota

Il progetto More Than Equal, che nasce per identificare giovani donne pilota e portarle in F1, ha selezionato le sue prime candidate.

Nei prossimi anni sentiremo spesso parlare di More Than Equal. Si tratta di un progetto di sviluppo globale nato per identificare giovani donne pilota e portarle in F1. Dopo il lancio a inizio anno, l’iniziativa ha ora selezionato le sue prime candidate.

Non solo F1 Academy: More Than Equal è solo l’ultimo programma nato allo scopo di integrare le ragazze al mondo del motorsport. In questo nuovo progetto, le giovani promesse ricevono tutto il supporto possibile per affrontare ogni aspetto, sia dentro che fuori alla pista.

chi è marta García campionessa vincitrice f1 academy
Foto: F1 Academy

L’obbiettivo del progetto è anche quello di combattere la disparità di genere in uno sport come la Formula 1, ancora dominato da uomini. In questo, la F1 Academy, giunta alla sua seconda edizione, sta offrendo alle giovani donne la possibilità di farsi valere, grazie anche al supporto dei team della categoria madre.

Dopo un intenso programma di selezione, MTE ha scelto sei candidate per il suo progetto di sviluppo, tutte di età compresa tra i 13 e i 14 anni. Tra loro c’è la britannica Skye Parker, che corre per la Argenti nella categoria Junior X30 dei Campionati inglesi di kart. Inoltre è stata anche selezionata come parte del programma stella nascente Girls on Track della FIA.

More Than Equal: chi sono le sei pilote

A lei si uniscono l’austriaca Ivonn Simeonova, la malese Katrina Thung, la ceca Kristýna Kalistová, l’australiana Lana Flack e la slovacca Laura Bubenová.

Come parte del loro programma di allenamento, le sei candidate frequenteranno il centro di test e formazione di Wurz in Austria – fondato dal presidente dell’Associazione dei Piloti di Gran Premio, Alex Wurz.

“Vogliamo dimostrare che con il giusto supporto all’inizio della loro carriera possiamo accelerare lo sviluppo di donne pilota di talento. In questo modo potranno avere pari opportunità per raggiungere i vertici di questo sport”, ha affermato Ali Donnelly, CEO di More than Equal.

“Le nostre pilote trarranno beneficio da un programma che è stato progettato pensando alle atlete. Troppo spesso le ragazze hanno avuto a che fare con programmi e sistemi nel motorsport costruiti interamente per i ragazzi.”

Crediti immagine di copertina: More Than Equal su X

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.