Formula 2Formula 3

F2 & F3 | Imola, Prove Libere – Aron e Goethe al top, Bearman a muro

Il weekend di Imola parte con le prove libere delle due categorie propedeutiche, la F2 e la F3, e le sorprese non sono assolutamente mancate.

Non c’è solo la Formula 1 sul circuito del Santerno. Dopo quasi 2 mesi di stop, ad Imola tornano a ruggire anche i motori delle monoposto di F2 e F3. Il circuito dedicato a Enzo e Dino Ferrari, noto per essere molto tecnico, stretto e senza vie di fuga in asfalto colpisce già dalle prove libere.

F2 Imola prove libere
Andrea Kimi Antonelli pronto a scendere in pista prima delle prove libere di F2 ad Imola – Credits: F1inGenerale

Sono state infatti ben due le bandiere rosse che hanno interrotto la sessione in Formula 3. La prima è causata da Sebastian Montoya, finito contro le barriere alla Variante Gresini, proprio uno dei punti in cui era presente la via di fuga in asfalto, prima che venisse ripristinata la ghiaia.

La seconda è invece provocata da Piotr Wisnicki, stampatosi contro le barriere in una delle curve più complicate del tracciato romagnolo, la Piratella. Con pochi minuti restanti prima della bandiera a scacchi, la sessione si chiude così.

Per quanto la classifica possa valere, a comandare c’è Oliver Goethe (Campos) in 1:32.047. Il pilota del Red Bull Junior Team precede di 3 decimi il leader del campionato, Luke Browning (Hitech). Mari Boya, terzo, mette la seconda vettura Campos in top 3.

Nelle prime posizioni si trovano anche i due italiani: Leonardo Fornaroli (Trident), leader della classifica in concomitanza con Browning, è quarto, con Gabriele Minì (Prema) settimo.


Leggi anche: F2 | Intervista ESCLUSIVA a Enzo Fittipaldi: “Correre a Imola è speciale, sogno la 500 Miglia di Indianapolis”


In F2, tutto stava filando liscio, quando a una manciata di minuti dal termine è uno dei piloti più attesi del weekend, Ollie Bearman, a interrompere la sessione. Il pilota Prema ha perso il posteriore della sua monoposto al Tamburello e non è riuscito a evitare il contatto con le protezioni. Naturalmente, la speranza per tutti è che riescano a ultimare le riparazioni sulle vetture in tempo per le qualifiche.

La classifica della serie cadetta ha visto continui cambiamenti al vertice, con i tempi che si abbassavano man mano che la sessione procedeva. Conclude in testa Paul Aron (Hitech) con il crono di 1:28.852.

L’estone, che occupa la seconda posizione nella graduatoria piloti, precede di pochi millesimi Gabriel Bortoleto (Invicta) e il capoclassifica Zane Maloney (Rodin). Andrea Kimi Antonelli ha disputato una buona sessione, conclusa con la P5 a 3 decimi dalla vetta.

L’appuntamento è al pomeriggio con le qualifiche di entrambe le categorie.

[Credits immagine di copertina: F1inGenerale]


Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter