Formula 2Interviste ESCLUSIVE

F2 | Intervista ESCLUSIVA a Enzo Fittipaldi: “Correre a Imola è speciale, sogno la 500 Miglia di Indianapolis”

Nel paddock di Imola, il pilota di F2 Enzo Fittipaldi si è aperto ai nostri microfoni: dalla passione trasmessa da una famiglia che vive di motorsport, fino ai sogni nel cassetto per il futuro.

Nel weekend sul circuito del Santerno abbiamo avuto il piacere di conoscere Enzo Fittipaldi, pilota di F2 del team VAR e nipote d’arte. Il brasiliano ha rilasciato una cordiale intervista esclusiva che ha toccato diverse tematiche: da una famiglia completamente improntata sul motorsport nel nome del nonno, fino al sogno Formula 1 e non solo…

Enzo Fittipaldi F2
Enzo Fittipaldi impegnato sul circuito di Jeddah, dove ha conquistato la sua prima vittoria stagionale in questa stagione di F2 – Credits: © 2024 Dutch Photo Agency

Viene quasi banale chiederti come ti sei avvicinato al motorsport provenendo da una famiglia così…

Sì, c’è mio nonno Emerson che è una leggenda nel mondo del motorsport. C’era anche mio zio, Christian Fittipaldi, che ha anche corso in Formula 1 e il fratello di mio nonno, Wilson, che ha anche corso con lui in Copersucar. E poi c’era anche mio fratello: io da bambino andavo alla pista di go-kart a vedere mio fratello guidare, perché lui ha cinque anni di più di me. Io andavo lì a vederlo e volevo fare quello che mio fratello stava facendo. Quando avevo 3-4 anni, mio padre mi ha fatto usare il kart con cui mio fratello ha iniziato la carriera e lì ho cominciato: tanta famiglia e motosport.

Quanto ti ha aiutato venire in Italia ed entrare nella Ferrari Driver Academy?

Entrare nella Ferrari Driver Academy, in quel momento lì, era molto importante per la mia carriera perché mi ha dato la possibilità di venire in Italia a 14-15 anni e di abitare a Maranello. È stata una grande opportunità entrare a far parte della famiglia Ferrari. Sono stato lì quattro anni ed è stata un’esperienza incredibile. Ho imparato tantissimo grazie all’opportunità che mi ha dato Massimo Rivola. Adesso sono in Formula 2, l’anno scorso come membro del Red Bull Junior Team, ora sono ancora parte della famiglia Red Bull ma non più come Junior.

Come è finita con Ferrari? Avete semplicemente preso due strade diverse?

Sì, era un momento in cui c’era il Covid, alla fine del 2020, io ho perso il mio sostenitore principale perché c’era il Covid. Era tutto molto difficile in quel momento. Abbiamo percorso due strade diverse, io sono andato negli Stati Uniti a provare la Formula Indy e Road to Indy e così è finita.

Hai già vinto una gara nel 2024. A cosa punti in questa stagione?

Ho vinto a Jeddah una bellissima gara su una pista davvero forte. Devi avere una confidenza molto grande perché è una pista ad alte velocità. Devi avere gli attributi! Sono sesto in campionato ma è presto perché ci sono ancora 11 gare da fare. Cerchiamo di vincere più gare, salire sul podio più volte possibile e vediamo se alla fine dell’anno possiamo battagliare per il campionato.

Queste vetture di Formula 2 come sono rispetto a quelle della precedente generazione?

Con questa monoposto c’è un po’ più di carico aerodinamico nelle curve ad alta velocità, come ad esempio la Piratella, le Acque Minerali e le due Rivazza qui a Imola. Però, le sensazioni del pilota al volante sono molto simili all’anno scorso. Non c’è tanta differenza. Però sì, nelle curve veloce senti un po’ più di downforce e l’effetto del DRS è un po’ più forte.


Leggi anche: Il CEO della F2: “Bearman merita la F1? Assolutamente! Antonelli? Un talento puro”


A cosa aspiri in questo weekend a Imola?

Per me, quando arriva il weekend di gara, le mie aspettative non sono mai troppo alte e quindi vincere. Io arrivo e voglio fare top 10 in qualifica e poi vediamo. Però non mi piace dire: andiamo a fare la pole position. Perché la Formula 2 è un campionato molto competitivo. Basta un dettaglio che è un po’ fuori dalla finestra e può cambiare tutto. Deve essere tutto perfetto per fare la pole position.

Com’è correre a Imola?

Imola è una bellissima pista con tanta storia. Hanno fatto un tributo ad Ayrton Senna per i 30 anni e ho anche un casco dedicato. Poi, qui a Imola, ho anche conquistato il mio primo podio in Formula 2. È un weekend molto speciale per me. Cercheremo di fare il miglior risultato possibile questo weekend.

Sogni la Formula 1?

Sì, ho il sogno della Formula 1, ma uno dei miei sogni è anche vincere la 500 Miglia di Indianapolis. Mio nonno ha vinto due volte ed è incredibile quando lui mi racconta le storie di come erano le sensazioni di vincere una gara come la 500 Miglia di Indianapolis. Ma anche Le Mans, Daytona o la NASCAR. Sono un pilota a cui piace qualsiasi categoria del motorsport, qualsiasi cosa vada a benzina.

Ci parli di benzina, ma lo scorso weekend hai provato la Formula E nei rookie test di Berlino.

Sì, è andata bene, la squadra era la Jaguar ed ero molto felice. Una bellissima squadra, tutti lì sono molto professionali. Sono andato molto bene, sono stato lì tutto il weekend con il team a Berlino e ho cercato di imparare il più possibile prima del test. Il test è stato lunedì e tutto è andato bene. Ho imparato tantissimo.

La Formula E è un altro mondo, mi sono divertito a guidarla e ho imparato tante cose perché sulla macchina di Formula 2 non c’è tanto che si può cambiare: solo il bilanciamento della frenata e alcune cose sul volante. In Formula E ci sono davvero tanti sistemi dentro la macchina che si possono cambiare. Il pilota può cambiare anche il bilanciamento della vettura al momento quando è in pista, quindi il pilota deve pensare molto quando sta guidando. È stata una bella opportunità, mi è piaciuta tanto l’esperienza.

Sarà il tuo ultimo anno di Formula 2?

Probabilmente questo sarà il mio ultimo anno. Voglio vincere il campionato, questo è l’obiettivo. Io credo in questa squadra. Quello che abbiamo fatto a Jeddah possiamo farlo anche a Imola e continuare a farlo per il resto del campionato.

[Credits immagine di copertina: F1inGenerale]


Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter


Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.