Amarcord | Accadde oggi: 2 maggio 2004, la prima vittoria di Marco Simoncelli

Torniamo indietro di sedici anni, sul circuito di Jerez, alla gara della 125. È lì che l’allora diciassettenne Marco Simoncelli conquistò la sua prima vittoria, sotto la pioggia battente, e fece capolino nel motomondiale in sella alla sua Aprilia. marco simoncelli 2004

marco simoncelli 2004
foto: motori-fanpage

Il weekend di gloria del Sic comincia il sabato: il diciassettenne di Coriano centra infatti la prima pole in carriera,;stupendo positivamente, tra gli altri, il già amico Valentino Rossi: “ma sei più alto di me! Come fai a stare su una 125?”, gli chiede proprio il numero 46 in conferenza stampa, dopo le qualifiche. E Simoncelli, che in effetti per un ragazzo al terzo anno di liceo è decisamente alto, ammette nel corso del weekend che qualche problema di agibilità sulla piccola 125 c’è. Ma niente di drammatico, tanto che vince il Gran Premio sotto la pioggia oltre che in limitatezza di spazi. marco simoncelli 2004

La gara

Fin dallo start è Casey Stoner che sembra avere il passo per tagliare il traguardo davanti a tutti: parte benissimo sulla sua KTM, seguito da Locatelli e Kallio. La pioggia battente miete subito più di qualche vittima, mentre Stoner crea il vuoto dietro di sé; poco più indietro è lotta per il podio tra Kallio, Locatelli, Simoncelli, Dovizioso e il giovane Pasini. A cinque giri dal termine è il numero 58 ad averla spuntata in bagarre,;ma il distacco da uno Stoner con la vittoria praticamente in tasca è altissimo: quasi nove secondi. Due giri dopo, il disastro colpisce l’australiano: Stoner cade, tradito da una pozza d’acqua,;e consegna la vittoria a Simoncelli, che vola indisturbato verso la bandiera a scacchi.

“Quando ho visto che Stoner era caduto ho cercato solo di restare calmo. Mi spiace per lui, ma le corse sono così”, dirà il Sic dopo la gara. E poi: “certo che quei due giri non finivano mai. Prima della gara ho sperato fino all’ultimo che la pista si asciugasse, perché l’avevo;detto che sul bagnato non mi trovavo tanto bene, e invece niente. Spero di potermi prendere un giorno in più di pausa dalla scuola. Non ho troppa voglia di continuare a studiare ma me l’ha chiesto mia mamma, che quando io e mio papà siamo via resta in gelateria a lavorare il doppio, quindi vado avanti”, spiega il ragazzo, che dedica la vittoria ai genitori oltre che alla squadra. Lo spiega con la semplicità di un adolescente romagnolo che quando non corre in pista scapicolla dalle colline di casa,;la stessa semplicità che lo ha sempre accompagnato e che tanto lo contraddistingueva.

 

Ti piacerebbe scrivere news o approfondimenti sulla F1, MotoGP o qualsiasi altra categoria motoristica?
F1inGenerale è alla ricerca di nuovi editori.Clicca qui per info

 

Seguici sul canale Telegram dedicato alle due ruote!

MotoGP | Il terzo GP virtuale si svolgerà al posto della gara di Jerez, e ci saranno anche Moto2 e Moto3

mm

Martina Andreetta

Studentessa di lingue e comunicazione con una grande passione per il motorsport. Un giorno sogno di far parte di questo mondo.