Amarcord | Accadde oggi, 3 giugno 2016: a Barcellona ci lasciava Luis Salom

Quattro anni fa sul circuito di Barcellona, in seguito ad un grave incidente durante le libere, ci lasciava Luis Salom. A Barcellona ci lasciava Luis Salom

A Barcellona ci lasciava Luis Salom
Luis Salom. Foto: motogp.com

Era venerdì 3 Giugno 2016 quando, durante il secondo turno di prove libere della Moto2 a Barcellona, ha perso la vita Luis Salom. A Barcellona ci lasciava Luis Salom

L’incidente è avvenuto alla curva 12, dove Luis Salom è scivolato andando ad impattare violentemente contro le barriere. Nonostante l’immediato intervento dei soccorritori e il successivo trasporto in ospedale, arriva la notizia che il pilota spagnolo si è spento a seguito delle  gravi ferite riportate nell’incidente.

Chi era Luis Salom? A Barcellona ci lasciava Luis Salom

Luis Salom era un ragazzo di 24 anni che viveva a Palma di Maiorca. Esordì in Moto 3 nella stagione 2009 in sella ad una Honda. Nel 2011 ottenne il suo primo podio con un secondo posto ad Assen e l’anno successivo conquista la prima vittoria nella gara di Indianapolis. Nella stessa stagione ottenne il miglior risultato della carriera come vice-campione del mondo della Moto3. A Barcellona ci lasciava Luis Salom

Nel 2014 sale di categoria, passando alla Moto2 in sella ad una Kalex. Su 118 Gran Premi disputati, vinse 9 volte e salì sul podio 25 volte, conquistando anche 4 pole position. Il suo ultimo podio in carriera fu in Qatar, con un secondo posto, gara inaugurale della stagione 2016.

Nonostante il triste momento, il week end fu portato a termine

Il layout del circuito venne modificato a partire dalle libere del sabato mattina, adottando quello utilizzato dalla Formula Uno. Ovviamente non mancarono le polemiche, soprattutto nella classe MotoGP, poiché alcuni piloti pensarono che il nuovo layout favorisse alcuni piloti a discapito di altri.

Il sabato pomeriggio i piloti che conquistarono la pole position furono Brad Binder in Moto3, Johan Zarco in Moto2 e Marc Marquez in MotoGP.

Il giorno delle gare A Barcellona ci lasciava Luis Salom

Dopo la fine di tutti i warm up, tutti i piloti, tutte le persone del paddock e i famigliari di Luis Salom, si sono riuniti sulla griglia di partenza per ricordare, insieme a tutto il pubblico presente sulle tribune, il giovane pilota con un minuto di silenzio.

Nessun festeggiamento sul podio delle tre categorie, ogni pilota alzò al cielo il proprio trofeo in memoria di Luis Salom.

In Moto3 vinse, per la prima volta, Jorge Navarro che ha preceduto Brad Binder ed Enea Bastianini.

Jorge Navarro: “Questa vittoria è per Luis”.

Podio Moto3. Foto: motogp.com

Johann Zarco in Moto2 ottenne il suo secondo successo consecutivo, con lui sul podio Alex Rins e Takaaki Nakagami.

Johann Zarco: “Ho vinto per Salom”.

Podio Moto2. Foto: motogp.com

La gara della MotoGP fu molto combattuta fin dalla partenza con Valentino Rossi, Marc Marquez, Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo per la lotta al podio. Giunti a metà gara Rossi e Marquez rimasero gli unici a lottare per la vittoria,mentre Pedrosa e Lorenzo si erano staccati. Lorenzo, a 9 giri dalla fine della gara, viene colpito da Iannone concludendo lì la gara di entrambi. La lotta tra i primi due dura fino alla fine, quando Rossi, negli ultimi due giri, si prese il vantaggio necessario per tagliare primo il traguardo. Pedrosa salì sul terzo gradino del podio.

Podio MotoGP. Foto: motogp.com

Arrivati al parco chiuso, visti gli ultimi trascorsi, successe una cosa tra Rossi e Marquez che nessuno si aspettava: i due, mettendosi alle spalle tutto ciò che era avvenuto tra loro alla fine della precedente stagione, si strinsero la mano, lasciando tutto il pubblico senza parole.

Valentino Rossi e Marc Marquez. Foto: motogp.com

Valentino Rossi: “Di fronte a certe cose tutto perde importanza, ho pensato molto e noi facciamo uno sport bello ma pericoloso e dobbiamo cercare di calmarci e credo sia stata la cosa giusta”.

Per rimanere sempre aggiornati, unisciti al nostro canale Telegram e seguici sui social Instagram, Facebook e Twitter.

MotoGP | La bozza di calendario 2020 prevede 12 gare, in cinque diverse nazioni

mm

Silvia Maestrelli

Ragazza appassionata del motor sport da sempre, in particolare di Moto Gp, Moto 2, Moto 3 e F1. Sono uno degli amministratori del gruppo Facebook VALENTINIANIDOC46.