Amarcord | Accade oggi, 2 giugno 1996: prima vittoria di Schumacher con la Ferrari

2 Giugno 1996, Michael Schumacher conquista la prima vittoria al volante della Ferrari. Sul circuito di Montmelò, a Barcellona, il pilota tedesco fa emergere tutta la sua classe in condizioni atmosferiche al limite della praticabilità. Il campione del mondo in carica al volante della Ferrari F310, spinta dal motore 10 cilindri di Maranello, conquista il suo primo storico successo con la scuderia del cavallino rampante.
Schumacher prima vittoria Ferrari
La prima vittoria di Schumacher in Ferrari nel GP di Spagna 1996. Foto: formula1.com

Premesse

La Formula 1 si presenta a Barcellona, le Williams Renault di Hill e Villeneuve dimostrano di essere superiori alla concorrenza: cinque vittorie nella prime sei gare. Schumacher è alla ricerca della prima vittoria con la Ferrari.

La scuderia di Maranello e il pilota tedesco sono reduci dalla cocente delusione nel Gran Premio di Montecarlo: partenza dalla pole (seconda con la Ferrari dopo la prima pole conquistata nel Gran Premio di San Marino) e gara finita al primo giro per il campione del mondo in carica causa un suo errore.

Gara caratterizzata dalla pioggia, vinta, clamorosamente, dalla Ligier di Olivier Panis, con solamente tre vetture al traguardo.

Qualifiche

Nelle qualifiche del sabato, in condizioni di pista asciutta, la scuderia di Frank Williams e Patrick Head conquista tutta la prima fila: pole position per Damon Hill seguito da Jacques Villeneuve.

Michael Schumacher si qualifica terzo a quasi 1″ dal pilota inglese; più attardati Alesi e Berger rispettivamente 4° e 5° con la Benetton Renault, 6° Irvine con la seconda Ferrari, 7° Barrichello con la Jordan.

Partenza della Gara

Il Gran Premio di Spagna scatta sotto una pioggia battente, allo start la Ferrari di Schumacher rimane quasi ferma sulla casella di partenza (problema alla frizione); ottima partenza da parte di Villeneuve che prende il comando della gara, seguito da Alesi; terzo il leader del mondiale Damon Hill che dimostra subito di non essere in giornata di grazia.

Ottima partenza anche per Barrichello (5°) preceduto dalla Benetton di Berger (4°); la Ferrari numero uno di Michael Schumacher è in settima posizione dietro al compagno di squadra Eddie Irvine. Tanti errori e tanti ritiri già dal primo giro causa le difficili condizioni della pista, vittima anche Irvine costretto al ritiro; Hill è in difficoltà: esce di pista e rientra perdendo posizioni.

Schumacher non si perde d’animo

Schumacher supera Barrichello, la Benetton di Berger e si lancia alla rincorsa di Villeneuve e Alesi: nel corso dell’ottavo giro sorpassa in maniera decisa il pilota francese e punta immediatamente la prima posizione di Jacques Villeneuve, mentre Damon Hill commette il secondo errore di giornata. Il leader del mondiale conclude la sua gara al terzo errore: testa coda all’ultima curva del circuito e Williams Renault ferma contro il muretto che separa la pista dai box.

Nello stesso momento Michael Schumacher attacca Villeneuve e si prende la prima posizione: sorpasso identico a quello effettuato nei confronti di Alesi qualche giro prima. Al 12° giro Schumacher saluta la concorrenza inizia a fare il vuoto, mentre la pioggia continua copiosamente a cadere; continuano i ritiri e gli errori dei piloti: a fine gara saranno classificati in sei (a pieni giri i primi tre).

I pit stop

Schumacher si ferma ai box al 24° giro: cambio gomme (sempre da bagnato) e rifornimento rientrando in pista nettamente al comando davanti a Villeneuve e Alesi che prova a pressare il pilota canadese. Le condizioni atmosferiche non migliorano, anzi sono peggiorate rispetto alla partenza.

Al 32° giro Jean Alesi, in lotta con Villeneuve per il secondo gradino del podio effettua il suo unico pit stop, al rientro commette un errore finendo fuori pista; nonostante ciò riesce a sopravanzare Villeneuve dopo il pit stop (tattica della sola sosta anche per la Williams).

A 23 giri dalla fine Michael Schumacher rientra per la sua seconda sosta mantenendo sempre la leadership del Gran Premio con oltre un minuto di vantaggio sul più vicino inseguitore: Alesi. Ritiri per Barrichello, autore di una bella gara con la Jordan che lo abbandona mentre si trovava in quarta posizione, Verstappen quinto con la Footwork autore di un testacoda e Berger.

https://www.motorbox.com/auto/sport/f1/news/f1-youtube-primo-trionfo-ferrari-schumacher

Conclusione della Gara

Al limite delle due ore di gara Michael Schumacher conquista la sua prima storica vittoria con la Ferrari, dominando la gara, dimostrando (se ancora ce ne fosse bisogno) di essere un pilota al di sopra della media, nonostante un calo di potenza del suo motore, nell’ultima parte di gara.

E’ la prima vittoria anche per questa motorizzazione: Motore Ferrari 046, 10 Cilindri. Sul podio, insieme al campione del mondo, due motori Renault: la Benetton di Alesi (2°) ad oltre 45″ e la Williams di Villeneuve (3°). A punti Frentzen, Hakkinen, Diniz.

 

Seguici anche su Telegram

Seguici anche su Instagram

Formula 1 | McLaren verso il taglio di 1200 dipendenti