F1 | GP Germania 2018 – Analisi novità aerodinamiche e tecniche

Ben ritrovati nella rubrica dove analizzeremo le novità portate dai team sul tracciato tedesco. Novità aerodinamiche GP Germania

Ferrari

Nessuna novità di spicco, ma molto curiosa la soluzione testata nelle prime libere, che riguarda la combine ala posteriore – cofano motore – scarichi.

Infatti, la Ferrari ha portato un nuovo schema di scarichi, dove scarico principale e i due della wastegate, sono sovrapposti l’uno sull’altro. Qui entra in scena il nuovo cofano motore, più stretto nella coda.

Novità aerodinamiche GP Germania

La sua parte la fa anche il nuovo alettone, che presenta nella zona centrale del mainplain, un rigonfiamento, simile a quello della Mercedes.

Esso è utile per aumentare la deportanza nel bordo iniziale dell’elemento orizzontale, ma non è da escludere, che questa soluzione sia abbinata a quella degli scarichi, in modo da sfruttare il flusso di essi nella zona inferiore del mainplain e velocizzare la vena d’aria che esiste sotto ad esso, migliorando il carico verticale.

Mercedes

Modificato il deflettore alla base della scocca, nella zona davanti alle prese d’aria dei radiatori. Lavoro di affinamento utile per migliorare l’efficienza del fondo.

Red Bull

La scuderia anglo-austriaca, si è schierata con un nuovo diffusore, simile a quello Ferrari, portato a Silverstone, che presenta le aperture sul bordo laterale, di fianco alle pance, che migliorano la downforce e l’estrazione del fondo.

Piccolo test sugli specchietti, in posizione più bassa, per migliorare la visibilità (tema appena affrontato dai tecnici FIA).

Renault

Nuova ala anteriore, abbastanza diversa da quella precedente, che dovrebbe consentire di avere più carico sull’avantreno, quindi miglior inserimento in curva e divergere i flussi intorno alle ruote, nella zona anteriore ed interna, in maniera piu efficiente.


Force India

Nuova ala anteriore, che cambia nella zona interna dei flap, con un aumento di slot, che migliora il flusso Y250.

Foto F1.com
Sauber

Continuano le modifiche sulla C37.

Nuove pance, che risultano più rastremate nella zona delle bocche dei radiatori e nuovi bargebords e fondo, che presentano nuovi elementi utili a canalizzare meglio i flussi attorno al corpo-vettura e nella zona del fondo.

In più sono stati apportati anche nuovi flap nel lato scocca superiore, dove c’è l’ingresso alla scocca del pilota.

Ti piacerebbe scrivere news o approfondimenti sulla F1, MotoGP o qualsiasi altra categoria motoristica?
F1inGenerale è alla ricerca di nuovi editori. Clicca qui per info

Williams

Potremmo definirla quasi una versione B, l’ala vista ad Hockenheim.

Completamente stravolta sia negli elementi verticali che nei flap, ma anche nel mainplain, ora più rettilineo e anche il primo slot, dove c’è l’aggancio tra mainplain e flap, ora più ampio, per garantire un maggior afflusso d’aria. Dunque la Williams è ancora alla ricerca di carico ed efficienza aerodinamica. Ciò lo dimostra anche la quantità di vernice fluo applicata sull’ala, sospensioni anteriori, bargebords, fondo e pance.

McLaren

Nuovi agganci dei bargebords, ora collegati con un filo d’acciaio alla scocca e non più da un elemento ricurvo integrato ad esso, in carbonio, dunque a Woking si cerca di alleggerire la vettura.

Foto: Fabrega

Il Monitor dei Tempi – GP Germania [FP2] – I top team sembrano a sorpresa pari, ma l’incognita saranno le gomme!

F1 | GP Germania 2018 – Analisi novità aerodinamiche e tecniche
Lascia un voto