Il Monitor dei Tempi – GP Brasile 2018 [FP2] – La sessione più equilibrata dell’anno!

Si sono concluse nella serata italiana le prime due sessioni di prove libere del Gran Premio del Brasile, sul circuito di Interlagos. Basta una sola parola per descriverle: equilibrio! Analisi passo gara GP Brasile

Copertina Monitor Brasile 2018 Analisi passo gara GP Brasile
Foto – Formula1.com

 

È infatti davvero incredibile come i tre top team, Ferrari, Mercedes e RedBull siano assolutamente simili nelle prestazioni, divisi in ogni ambito da pochi millesimi. Vediamo la nostra grafica:

 

Infografica FP2 Brasile 2018
La nostra infografica sulla simulazione del passo gara nelle prove libere del Gran Premio del Brasile

Nella simulazione del passo gara però non è stato tutto lineare con tempi livellati per ogni pilota ma c’è stata una notevole altalena di prestazioni.

La Ferrari comincia forte

Sebastian Vettel ottiene infatti la miglior media del primo stint (1:12.732), effettuato con gomme soft e con una lunga serie di giri veloci e costanti. Con l’auto carica di benzina gli avversari sembrano in difficoltà: Mercedes non scende mai sotto l’1:13 con entrambi i piloti, mentre Verstappen registra una media di circa 2 decimi e mezzo più lenta.

Ma consumando benzina la musica cambia

Con il progredire della simulazione e specialmente con il secondo stint i valori in tavola sembrano però cambiare. Ferrari appare più in difficoltà con la gestione delle gomme: Vettel infatti riporta del blistering in entrambi i set provati mentre Kimi Raikkonen ottiene nello stint una media quasi uguale a quella del suo compagno di squadra (1:12.9) provando la gomma media. E qui viene fuori la Mercedes di Lewis Hamilton che con gomma Super Soft fa una strepitosa media di 1:12.354. Dietro di lui le due RedBull con 1:12.5 su gomma Soft e Bottas con 1:12.6 su gomma Media. Tutti a un soffio l’uno dall’altro…

I dati consolidati

Mettendo insieme i dati della sessione si ottiene una media complessiva che vede Max Verstappen davanti a tutti, in vantaggio di appena 50 millesimi su Lewis Hamilton e di 96 su Vettel… è invece Hamilton a ottenere il giro più veloce virtuale in gara davanti al suo compagno di squadra, segno che sul giro secco la Mercedes potrebbe avere qualcosa in più.

Gli indici di performance

Tutto questo equilibrio si riflette ovviamente negli indici di performance: Verstappen ha il 100%, ma dietro di lui Hamilton lo insegue con quasi il 96% e Vettel con il 92%. Nel complesso non ci resta che dire che questa è stata la sessione di simulazione più equilibrata dell’anno…

Conclusioni

Mai come in questa occasione è difficile trarre conclusioni dai tempi: RedBull dovrebbe avere più difficoltà domani in qualifica per il deficit di potenza del suo motore, ma può venire fuori molto bene nel passo gara, grazie alla sua ottima gestione gomme. Ferrari è parsa molto veloce sui giri di attacco, per cui con ottimi spunti, ma che a quanto pare deve stare attenta a non esagerare proprio sull’usura degli pneumatici. Mercedes veloce nel giro secco e probabilmente favorita in qualifica ma con un po’ di problemi con l’auto molto pesante… In più c’è la pioggia, che rimane incombente sia sulle qualifiche che sulla gara e che potrebbe essere la variabile impazzita di questo weekend, che rimane tutto da seguire!

F1 | GP Brasile, Prove libere – Vettel: “Nelle ultime gare abbiamo capito molto sulla nostra macchina”

Il Monitor dei Tempi – GP Brasile 2018 [FP2] – La sessione più equilibrata dell’anno!
Lascia un voto
mm

Federico Albano

Ingegnere Navale, appassionato di Formula 1 e tifoso Ferrari da oltre 25 anni