Analisi Tecnica F1 – Flow-viz: la vernice di paraffina che colora le monoposto

Vediamo, soprattutto nelle prove libere, che alcuni team “dipingono” in verde o arancione dei particolari aerodinamici. Questa vernice, che in gergo si chiama flow-viz, a cosa serve precisamente?

Il flow-viz, o meglio flow-visualization, è una vernice che attualmente viene usata solo come conferma delle analisi aerodinamiche. Infatti, prima di portare un pezzo nuovo, un team lo studia al computer con delle tecnologie che negli ultimi anni sono notevolmente migliorate. Queste tecnologie riescono a replicare (quasi) perfettamente i dati ottenibili in pista.

Ma in Formula 1, dove spesso la differenza è inferiore al decimo, si cerca di raggiungere la perfezione ed è qui che entra in gioco il flow viz.  Questo liquido altro non è che una semplice, per così dire, vernice che viene applicata tramite un pennello da un meccanico sulle parti da utilizzare.

flow-visualization

Questo “liquido”, quando l’auto sarà sul giro lanciato, si spargerà nella zona soggetta ad analisi e, al rientro ai box, gli ingegneri potranno osservare l’andamento dei flussi aerodinamici.

Questa miscela di vernice è a base di paraffina, ed è una soluzione molto leggera che si asciuga velocemente. Questa vernice si è iniziata a vedere nel 2010, e per 1/2;anni è stata abbastanza utilizzata da molte scuderie.

Ci sono però dei lati negativi sull’utilizzo di;questa vernice; infatti anche gli altri team sono in;grado, analizzando le foto, di osservare e;analizzare l’aerodinamica degli avversari ed eventualmente copiare particolari interessanti. Non è;un caso che, nelle ultime stagioni, il flow-viz si;sia utilizzato sempre meno preferendo l’utilizzo e sviluppo del CFD.

 flow-viz

In conclusione, oggi;il flow-viz è utilizzato principalmente per verificare le analisi aerodinamiche fatte al CFD o in galleria del vento. È quindi facilmente intuibile che chi utilizza questa vernice stia avendo qualche problema di corrispondenza tra;i dati registrati in galleria del vento e quelli della pista o, semplicemente, stia analizzando l’aerodinamica di componenti che difficilmente verranno riproposti da altri team.

Foto: F1, F1Technical


Analisi tecnica F1: funzionamento MGU-H e MGU-K