Analisi Tecnica F1 – GP Australia 2019

Bentornati cari lettori, dopo una pausa di quasi quattro mesi, ritorniamo a trattare le innovazioni tecniche portate GP dopo GP dai team. analisi f1 Australia 2019

Per questo 2019, le normative prevedono un cambio aerodinamico delle vetture, ovvero ala anteriore più semplice e larga, ala posteriore più alta e larga, con maggiorazione dell’apertura del DRS e bargebords più bassi e lunghi tra alcuni elementi.

Le semplificazioni all’anteriore, dovrebbero aiutare nell’effetto inwash del flusso aerodinamico, abbandonando l’effetto outwash, che faceva passare il flusso all’esterno delle ruote anteriori, generando turbolenze dannose alle auto seguenti, rendendo difficoltoso il sorpasso.

Vediamo ora cosa hanno portato i team a Melbourne, che dopo le prove collettive a Barcellona hanno già modificato le loro monoposto.

Mercedes AMG


Le frecce d’argento erano già parvero in una versione “B” nella seconda sessione di test a Barcellona, dove l’auto presentava un nuovo muso è una nuova ala anteriore, che tendeva a ricreare minimamente l’effetto outwash ( Mercedes ha scelto la strada dell’upwash, ovvero far passare i flussi sopra le ruote anteriori).

A Melbourne hanno portato una chicca aerodinamica interessante e di dettaglio aerodinamico, ovvero un bordo frastagliato del meccanismo del DRS, che aiuta nel mantenere compatta la vena fluida uscente dopo l’impatto con esso.

Racing Point

Si è presentata a febbraio come monoposto;molto semplice, evoluzione della monoposto del 2018, ma per la prima gara ci sono già diversi aggiornamenti.

Il primo di essi riguarda lo specchietto, che ora risulta maggiorato, posizionato più in avanti e con diverso attacco sulla carrozzeria. Evoluzione che comporta beneficio aerodinamico, incanalando il flusso sulla zona superiore delle pance.

La seconda modifica riguarda i sidepods, ora più semplificati nelle geometrie e sono rafforzati da un tirante collegato al bargeboard, che ha ricevuto;una modifica anch’esso alla base, dove i due labbri inferiori risultano più corti e sono cresciuti in numero i piccoli deflettori ( quelli sotto la scritta “ravenol” nella versione Barcellona.

Un’altra modifica riguarda due pinnette montate sul cofano-motore, appena dietro la telecamera.

Esse sono utili ad impedire il distaccamento del flusso direzionato all’ala posteriore, migliorando, dunque, l’efficienza dell’ala posteriore.

 

Toro Rosso

Come previsto è arrivata la modifica all’ala anteriore (di base hanno seguito lo stile Ferrari, con i flap che hanno una progressione neutra verso l’endplate, che ricrea l’effetto outwash).

Le modifiche riguardano il;bordo interno dei flap, che ora presentano una “frangia” che consente una diversa gestione del flusso Y250 Vortex e un piccolo nolder aggiunto sulla;parte finale dell’endplate e del mainplain.

È stato modificato anche il mainplain dell’ala posteriore, con un profilo ora più a cucchiaio, compromesso per cercare carico aerodinamico e buona;velocità di punta, e la zona centrale del flap superiore presenta una V più accentuata nella zona centrale, utile a creare maggiore downforce.

Williams

La scuderia di Grove non;sta passando un buon momento, si sono presentati in ritardo a Barcellona e in più alcuni pezzi della monoposto sono;stati dichiarati illegali a test inoltrati, comportando ulteriori ritardi al team e alcune modifiche sostanziali per Melbourne.

La prima modifica riguarda gli specchietti, che;nella versione base sono stati dichiarati illegali perché la forma era convessa ed avevano una chiara funzione;aerodinamica, che;precludeva la possibilità ai piloti di vedere in maniera corretta nello specchio.

Quindi sono tornati ad una soluzione più semplice, di scuola Ferrari 2018. infatti inatti

Altra modifica riguarda;la sospensione;anteriore, che mostrava un attacco al portamozzo, con il triangolo superiore, molto rialzato è;appena dietro il triangolo inferiore, c’era una piccola deriva.

Questa soluzione faceva lavorare i due triangoli sovrapposti come flap aerodinamico, che permetteva una migliore canalizzazione dei flussi;verso le pance della macchina. infatti nonchè.

Soluzione dichiarata illegale perché le sospensioni delle vetture non devono fungere da dispositivo aerodinamico, ma devono essere neutrali da questo;punto di vista.

Comunque c’è da fare gli applausi alla Williams per;queste trovate al limite che in me hanno destato molta curiosità e freschezza di idee.

Piccola chicca la T-wing , che risulta sdoppiata solo nella sezione centrale, volta a ricreare l’effetto dell’ormai pensionato monkey-Seat. infatti infattiche ma

che che che che 

F1 | GP Australia | Michael Masi designato direttore di gara pro tempore

Lascia un voto