Formula 1Interviste

F1 | Ferrari, Vasseur recrimina per la classifica: “Non fosse stato per i problemi di affidabilità…”

Ferrari è uscita sconfitta ad Abu Dhabi nel duello con Mercedes per il secondo posto nel mondiale costruttori, con Frederic Vasseur che ha identificato l’affidabilità come una delle aree principali da rivedere in ottica 2024.

Al netto di episodi sfortunati come l’incidente del tombino di Carlos Sainz a Las Vegas, anche nel 2023 la Ferrari ha accusato non pochi problemi di affidabilità, dopo un 2022 già non eccezionale sotto questo aspetto. Tra il ritiro in Bahrain di Charles Leclerc sul finale di gara, ed il doppio DNS in Qatar e in Brasile, sempre per inconvenienti tecnici, Frederic Vasseur ha avuto non poco da recriminare per la posizione finale occupata dal cavallino nel mondiale costruttori.

Vasseur affidabilità Ferrari 2023
Ferrari, Vasseur recrimina per i problemi di affidabilità nel 2023 © XBP Images

Ferrari, Vasseur recrimina per i problemi di affidabilità nel 2023

“Abbiamo iniziato con il piede sbagliato in Bahrain, quando ci siamo dovuti fermare”, ha affermato il manager di Draveil. ”Eravamo in terza posizione e abbiamo ricevuto la penalità per la seconda gara (a Jedah, n.d.r). Per Charles sono stati quasi 25 punti di penalità, più i punti che stavamo dando agli altri con le due Mercedes che erano dietro di noi”.

“Ma ancora una volta, non si tratta solo di questo. Si può fare l’elenco. Credetemi, ho fatto l’elenco un paio di volte e ho in testa la classifica senza i problemi. Nel complesso, penso che ci siano alti e bassi durante la stagione”.

“Di sicuro abbiamo ceduto più punti dei nostri avversari. Questo significa che è un altro argomento su cui dobbiamo lavorare per il prossimo anno, per essere più opportunisti e più efficienti.”

Ad eccezione di Williams, la scuderia di Maranello è stato il team maggiormente falcidiato da problemi di affidabilità in gara o addirittura prima del via. Oltre all’esempio citato da Vasseur in Bahrain, Ferrari non è riuscita nemmeno a schierare entrambe le vetture in Qatar, a causa di una perdita al sistema di alimentazione, e ad Interlagos, dovuta ad un’anomala perdita del sistema idraulico.


Leggi anche: F1 | Leclerc, il giorno in cui divenne davvero “il predestinato”


“Terrò a mente il conteggio dei punti persi perché odio correre con i se e con i ma”, aggiunge Vasseur. ”Tutti possono correre con i ‘se’ e fare un lavoro migliore. Significa che in fabbrica è assolutamente vietato lavorare con i se. Non si tratta affatto di trovare una scusa perché è colpa nostra. È un aspetto che dobbiamo migliorare. È chiaramente un enorme potenziale in termini di punti”.

“In fabbrica, parole come ‘sarebbe’, o ‘se’ sono tabù. Abbiamo più di 1.000 dipendenti. Ognuno deve fare la sua parte. Se ogni individuo riuscisse a trovare qualche millesimo, faremo un grande salto”.

Infine, il francese promette che la squadra farà tutto il possibile per avvicinarsi il più possibile a Red Bull entro la prima gara del 2024: “La Red Bull non ha una pallottola d’argento. È semplicemente ben posizionata sotto ogni punto di vista”.

“Dobbiamo stare alle loro calcagna e metterla sotto pressione. Nella seconda parte della stagione abbiamo visto che a volte sbagliano e non sempre azzeccano la messa a punto. È un gioco relativo: se trovi un secondo, ma i tuoi avversari ne trovano uno e mezzo, sembri stupido. Se loro trovano solo mezzo secondo, tu sei improvvisamente l’eroe”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

1 commento

Nikita 30/11/2023 at 14:52

Perché gli altri non hanno avuto problemi ovviamente… ma pensa te… ridicoli

I commenti sono disabilitati