Automotive | Nuova Suzuki Vitara Hybrid, un restyling nascosto?

La nuova Suzuki Vitara Hybrid è finalmente arrivata. Dopo 5 anni dal suo debutto si rinnova l’iconico SUV giapponese della casa di Hamamatsu, ricevendo anche la motorizzazione ibrida mild-hybrid che la rende più fluida nella marcia e più efficiente nei consumi, senza perdere il suo grande marchio di fabbrica, ovvero la trazione integrale AllGrip Select.

Fonte: Suzuki

Quali novità?

La nuova Suzuki Vitara Hybrid, sul lato estetico oltre a qualche piccola modifica nelle linee. Il grande cambiamento è nei fari full led dal look più moderno, migliorano anche l’estetica di tutto il frontale.

La vera novità è sotto il cofano. Le precedenti versioni a benzina (1.0 e 1.4) sono sostituite da questa ibrida leggera, che monta il motore più grande profondamente aggiornato, con un turbo più piccolo, per ridurre il ritardo di risposta ai bassi regimi).

Il quattro cilindri della Suzuki Vitara perde così 11 cavalli, ma guadagna 15 Nm di coppia motrice, arrivando a quota 235. Si abbina tramite una cinghia a un’unità elettrica a 48 volt, che in fase di ripresa regala per qualche istante altri 13,6 cavalli. Risultato: nonostante il cambio abbia dei rapporti molto lunghi, accelerazioni e riprese sono molto vivaci, e i consumi proporzionalmente ridotti.

Fonte: Suzuki

Leggi anche:  Nissan Qashqai, nuova versione per la regina dei crossover


Gli interni.

Nell’abitacolo della Suzuki VItara, ampio e classico, le pur lievi novità introdotte dal lancio del modello sono riuscite. La parte superiore della plancia è realizzata con materiali più gradevoli al tatto, e il cruscotto ha una grafica un po’ più moderna. Restano, però, le scomode “astine” per azzerare il contachilometri parziale o variare l’illuminazione. Molte plastiche sono rigide, ma all’apparenza tutto è costruito per durare a lungo. Il “clima” automatico monozona ha comandi semplici e bocchette tonde “vecchio stile”, ma ben posizionate e che consentono di regolare separatamente portata e direzione del flusso d’aria. Non dei più aggiornati anche il sistema multimediale: ha il navigatore, Apple CarPlay e Android Auto, ma lo schermo tattile di soli 7” non è molto reattivo e i comandi a sfioramento sui lati della cornice sono poco pratici.

Fonte: Suzuki

Sensazioni alla guida?

La Suzuki Vitara risulta compatta quasi come un’ utilitaria, con una buona visibilità e un volante leggero da girare risulta molto agile e non affatica. Unica nota negativa un cambio un po’ duro da innestare.

Il vero punto di forza della Suzuki è tra le salite, in cui dimostra un’ottima ripresa e una curva precisa, e in autostrada dove grazie ai rapporti molto lunghi raggiunge i 130km/h a soli 2700 giri. Un motore che in queste occasioni risulta molto silenzioso, ma tutt’altro che letargico, le riprese sono belle e lineari.

Fonte: Suzuki

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter