Toyota GR86: la sportiva che tutti odiano!

La stavamo aspettando e dopo la sorellastra BRZ è stata ufficialmente presentata. Ovviamente parliamo della Toyota GR86 una vettura che tanto ha fatto chiacchierare; se da un lato un gruppo di appassionati la considera una vera sportiva, altri con chiacchiere da bar sono pronti a definirla un “chiodo” per via del suo motore tradizionalmente ASPIRATO! Toyota 86GR

Toyota GR86 Toyota 86GR
Toyota 86GR

Noi però siamo appassionati e sappiamo bene che per definire un’auto sportiva i cavalli non sono tutto – ed è proprio su questo che punta la nuova giapponesina. Grazie all’alluminio, utilizzato per tetto, parafanghi ma anche per scarico e per i nuovi sedili, la nuova 86GR ferma l’ago della bilancia a 1270 kg, 100 kili in meno della precedente versione. Riprogettato anche il telaio che ora vanta una rigidità torsionale aumentata del 50%. Tecnici ed ingegneri Gazzoo Racing si sono concentrati sul posteriore dove ora troviamo sospensioni di tipo double wishbone (doppio quadrilatero), che con gomme “piccole”, appena 215 di sezione, renderanno la vettura agile nei cambi di direzione, ma risolvendo, al col tempo, i problemi di instabilità che i piloti più veloci hanno riscontrato con la prima serie.

Il motore resta un 4 cilindri BOXER che ora raggiunge i 232 CV a 7000 giri e 250 Nm di coppia, incremento di potenza ottenuto grazie all’aumento della cilindrata che ora tocca quota 2,4L. Inutile parlare di prestazioni assolute, dove anche un banale 0-100 fatica a rimanere sotto i 7 secondi, utopia per l’epoca che stiamo vivendo!

Toyota GR86 Toyota 86GR

Gli interni sono esattamente come devono essere, chi sceglie una 86GR la sceglie perché sul tunnel centrale non;vuole trovarsi rotori per l’infotainment ma due leve ben distinte: quella del cambio manuale e quella del freno a mano. Osservando la plancia di fatto sembra di vivere un dejavú della vecchia GT86,;con il più classico degli schermi touch da 7 pollici circondato da qualche tasto per i comandi del clima.

Insomma le nuova Toyota GR86 e la sorellastra SUBARU BRZ, restano auto che non sapranno sorprenderci in accelerazione,;ma sanno ancora farci apprezzare la pura dinamica di guida. Sono auto che lasciateci il termine, possiamo definire “rare”, in un mondo dove anche le più blasonate sportive faticano a rimanere sotto i 1700kg,;complice anche batterie e tutte quelle diavolerie elettriche chiamate futuro; e con un prezzo poco superiore ai 25 mila euro non possiamo che fare una cosa: sperare arrivi anche in Europa!

Seguici anche su Instagram: @F1inGenerale

Automotive | ID.4, in arrivo il primo Suv elettrico di casa Volkswagen