BMW Z4 2021 – Guerra aperta sul fronte delle Roadster

BMW continua la guerra sul fronte delle roadster con la sua Z4 G29. Tante le concorrenti, eppure la casa bavarese sembra avere la meglio – scopriamo insieme perchè.

BMW Z4 2021
Foto: press.bmwgroup.com

Non c’è che dire: la nuova Z4 è molto più cattiva, sportiva ed imponente rispetto ai suoi vecchi alter-ego. Il modello G29, introdotto dalla casa bavarese nel 2019, è infatti più lungo e largo di prima: 4,32 m di lunghezza ed 1,86 di larghezza – numeri quasi da muscle car. Eppure, il peso di Z4 scende: merito del nuovo tettuccio in tela, unica opzione disponibile per quanto riguarda il cielo di BMW Z4 G29. E proprio il tettuccio apribile (e chiudibile in 10″, anche in movimento fino a 50 km/h) permette una riduzione degli ingombri ed un bagagliaio più capiente, ben 281 litri – pressappoco lo stesso di una Toyota Yaris.

Gli interni e la tecnologia di Z4 2021

BMW Z4 2021 interni
Foto: press.bmwgroup.com

Due posti, due display, sedili racing e tanto family feeling: questi gli interni di BMW Z4 riassunti in pochissime parole. Ma andiamo con ordine. I due sedili racing contenitivi sono in pelle ed hanno una meravigliosa impuntura a raggi sulla parte superiore. La sensazione premium pervade tutto l’abitacolo, passando anche per il volante ed il cruscotto: tutto rivestito in pelle con impunture in contrasto racing. Le razze del volante hanno parti in alluminio spazzolato (così come le leve del cambio) e presentano i comandi per cruise control, gestione delle telefonate ed attivazione dell’assistente vocale.

Proprio l’assistente vocale è il fiore all’occhiello di iDrive 7.0, l’ultima versione del software di infotainment di BMW. Il nuovo sistema permette una completa personalizzazione ed ha un sistema di navigazione satellitare avanzato con mappe in 3D. Il tutto è controllabile tramite il touch screen del display centrale da 10,25″, con il manettino iDrive, posto al centro del tunnel, o con l’assistente vocale. Il sistema di infotainment presenta tante altre chicche: sistema stereo premium Harman Kardon, radio HD con ricezione FM Multicast ed 1 anno di streaming musicale gratis sulla piattaforma SiriusXM.

Il secondo display è quello che sostituisce (su ogni allestimento di Z4) il quadro strumenti: appeal decisamente sportivo e moderno, informazioni e schermata di navigazione. Presente anche l’head-up display con riproduzione di segnali stradali, pittogrammi del navigatore e velocità. Fortunatamente, i comandi per la gestione del climatizzatore (bi-zona) sono fisici e sono posizionati sotto il display centrale. Anche i comandi rapidi dedicati alla gestione del volume e alle stazioni radio memorizzate rimangono fisici.

Completano l’abitacolo i comandi relativi a modalità di guida (Adaptive, Eco Pro, Comfort Sport), apertura e chiusura del tettuccio, freno a mano elettronico, sensori di parcheggio – tutti attorno alla leva del cambio automatico Steptronic a 8 velocità.

Motorizzazioni e prezzi

Tre differenti motori spingono Z4: 20i, 30i ed M40i. Il 20i è un motore a 4 cilindri in linea da circa 2000 cmda 197 cavalli, velocità massima 240 km/h; la forbice di prezzo è €43.800 (prezzo d’attacco di Z4 2021) – €52.300. Il 30i è sì sempre un inline-4 cylinders, ma decisamente più prestazionale. La cubatura è la stessa del 20i ma i cavalli sono 258, la velocità massima 250 km/h. Il prezzo di partenza delle versioni 30i è di €53.100 e arriva fino a €59.400.

La più cattiva delle motorizzazioni di Z4 è invece la M40i: 3000, 6 cilindri, 340 CV, 250 km/h, da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi. La versione M della Z4 impreziosisce anche gli interni della vettura, con sedili (in stoffa) con impunture che richiamano i colori della linea racing di BMW. Il prezzo è forse il tasto dolente: €66.800 sono lo scoglio da superare per avere la più pura sensazione di guida di BMW Z4 2021.

La guerra a TT Roadster, a Mercedes Classe C e a Porsche 718 Boxster è aperta. Per ora, in Europa, la sta spuntando Z4: rimarrà così fino alla fine?

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Leggi anche: https://f1ingenerale.com/mercedes-classe-e-restyling-nuove-immagini-e-indiscrezioni/

Alessandro Silva

22 anni passati ad amare le auto, galeotti furono Schumacher e Rai 1 la domenica. Ligure d'origine, pavese d'adozione. La mia prima macchina? Ford Mondeo SW 1999, la quale ha tutto il mio amore incondizionato. Ultima cosa: se mi chiedete "Meglio benzina o elettrico?", significa che non avete letto abbastanza articoli scritti da me.