Bwoahgelle | Le pagelle scorrette del GP del Messico

Ritorna il consueto appuntamento con i nostri redattori Aurora e Paolo, alle prese con le Bwoahgelle e le altitudini del GP del Messico. Nell’ultimo back to back della stagione, il circus fa i conti con l’aria rarefatta delle alture centroamericane. Con l’inverno alle porte e con queste premesse, tanto vale prepararsi direttamente alla settimana bianca con i piloti.

Bwoahgelle gp messico

Sebastian Vettel e Valtteri Bottas: i marpioni

Aurora: Delle sciate non se ne fregano niente, men che meno dello snowboard. Sanno benissimo che i giochi sono chiusi, quindi si dedicano a più proficue attività. Contando entrambi su capelli biondi e sguardo glaciale, si godono la settimana bianca tentando di rimorchiare quante più donzelle possibili, puntando a tal scopo su strategie diverse, e diversamente soddisfacenti. Alla fine, capiscono che la compagnia degli amici conta più di ogni altra cosa e, per scaldarsi nelle fredde notti a 2300 metri, puntano sull’alcol.

Paolo: Belli e dannati. Sembra sempre il loro momento, ma alla fine non si concretizza mai. Seb a metà gara sembra che stia per mettere la mano su(lla) Vittoria, ma incontra due che gli fanno perdere buona parte del lavoro fatto. Per Valtteri doveva essere il weekend dove dimostrare di saperci fare, era il momento giusto per prendersi la più bella del locale (ndr, sempre Vittoria) ma come il più sfigato dei nerd commette un errore grossolano e si auto elimina dalla conquista… Il classico esempio del bello che non balla.

Pierre Gasly: il fanatico della Jacuzzi

Aurora: Ogni vacanza in montagna che ne rispetti ne ha sempre uno. Stiamo parlando proprio di lui, del fenomeno fissato con l’idromassaggio in terrazza. Sapendo di non poter competere con il compagno, di tempra russa e quindi parecchio resistente al freddo, adotta strategie alternative per sopravvivere all’alta quota. Gli sbalzi di temperatura fanno inevitabilmente abbattere su di lui la famigerata “vendetta di Montezuma”, ma Pierre non si perde d’animo. Un grappino ed è pronto a tornare sulla pista nera per domenica.

Paolo: Avete presente quello senza una lira che vuole fare comunque la vacanza a 5 stelle extra lusso? Ecco, Pierre è così. Lui ci prova a fare bella figura in vacanza… ma la scusa di amare la Jacuzzi non regge troppo, passare lì dentro la vacanza pur di non tentare qualcosa di nuovo per paura di pagarlo caro non è un’ottima idea. Però tutto sommato si gode il soggiorno, tra bollicine nella vasca e bicchieri (o punti) scroccati…

Max Verstappen: lo spaccone

Aurora: Arriva vantandosi a destra e manca di essere un talento su questa pista nera. Millanta competizioni dominate e fuoripista impossibili. Tutte queste grandi parole, alla fine, finiscono per fregarlo. Ritrovatosi a ripartire dallo spazzaneve su pista azzurra, cerca rapidamente di ritrovare la strada verso discese più ardite, e ci riesce parzialmente. Resta inspiegabile come i suoi compaesani, anche in questa occasione, possano sostenere che sia stato lo sciatore migliore della giornata. Bwoahgelle GP Messico

Paolo: Max è l’incrocio tra Donatone di Vacanze di Natale e il geometra Calboni: tra spacconeria e talento. L’interprete perfetto per il tipo insopportabile della vacanza, quello che tutti odiano, ma che devono tollerare. Come Alla lepre esopica la superbia costa cara, prima con la penalità e poi con il contatto ad inizio gara. Limita i danni ma con una macchina come la sua è difficile non riuscirci (a meno che non ti chiami Gasly). Non ha problema a dire ciò che pensa, ed è pronto a pagarne la conseguenze con la consapevolezza di riuscire anche nell’impresa di completare più di sessanta giri con un solo set di gomme. Alboreto is nothingBwoahgelle GP Messico

Lando Norris e Antonio Giovinazzi: quelli senza attrezzatura

Aurora: Gli amici li hanno invitati a Cortina all’ultimo minuto, e i ragazzi si sono arrangiati con gli sci di decathlon. Inutile dire che l’equipaggiamento perde pezzi in fretta. Non riescono nemmeno a scendere dallo skilift.

Paolo: Scusate il mio fanatismo per Fantozzi, ma trovatemi un paragone più azzeccato di questi due con i ragionieri più famosi d’Italia: Fantozzi e Filini. Impreparati come loro nella partita a tennis, fortunati come i due nella partenza con barca per pesca e campeggio. Sembrano sempre fuori luogo, ma li si ama comunque.

Orari del Week End: GP USA 2019 – Anteprima e orari TV su Sky e TV8 [F1]

 

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

 

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

mm

Aurora Dell'Agli

Classe 1997, studentessa di Giurisprudenza, blogger su @theracingchick. Ho un occhio di riguardo per Endurance, competizioni GT, Formula 1 e Formula E.