Bwoahgelle | Le pagelle scorrette del GP di Turchia

Appuntamento fisso del weekend di Formula 1 con le Bwoahgelle! Le pagelle scorrette arrivano anche in occasione del GP di Turchia! Sulla pista di Istanbul è andata in scena una gara spettacolare tra colpi di scena e grandi prestazioni dei piloti, la gara si è fatta seguire e con molto entusiasmo. Poichè il GP di Turchia mancava da troppo tempo alla F1 il tema di oggi sarà tutto a tema turco per l’appunto.

Valtteri Bottas: Mr. Kebab.

Il povero finlandese esteticamente è quanto di più lontano al tipico piatto turco tuttavia, in questa emozionante gara ha avuto anche lui un ruolo importante: tenere in caldo la carne. Come fare? semplice continuare a girarsi intorno … sei testacoda durante tutto il GP, una vera e propria gara da capogiro per lui. Mai veramente in lotta neanche per i punti proprio nel weekend in cui doveva recuperarne sette sul suo diretto avversario, ma contro questo Hamilton davvero c’è poco da fare. METTO SCHIPOLLA?. Bwoahgelle GP Turchia

Sebastian Vettel: La pipa.

Sono famose in tutto il mondo le pipe turche fatte di sepiolite; il tedesco come lo strumento usato per fumare è molto elegante durante tutto il weekend, oltremodo piacevole e dà la forte impressione di essere qualcosa di molto vissuto. Questa sua ultima assonanza con lo strumento da fumo è la chiave per il suo fine settimana, più veloce e saggio del suo giovane compagno di squadra riesce ad agguantare il podio in una gara dove l’esperienza e la gestione della gomma la fanno da padrone. Questa era decisamente la sua gara. CECI N’EST PAS UNE PIP(P)E. Bwoahgelle GP Turchia

Charles Leclerc: Ilio. (meglio conosciuta come Troia)

Città famosissima per la guerra celebrata dal leggendario aedo Omero, era una città oltremodo prospera e ricca così anche il giovane monegasco è prospero di ottime prestazioni e ricco di buone speranze. Tuttavia come la grande cittadina turca è crollata per propria “Hybris” (tracotanza) o per dirla in modo Turriniano “smargiasseria”, infatti il giovane alfiere del cavallino rampante non si accontenta (e fa bene) del terzo posto e con troppo ottimismo e troppa fiducia prova un sorpasso all’ultima curva che gli fa perdere il podio oltremodo meritato durante tutta la gara. A CAVAL DONATO GUARDA IN PANCIA.

Meme Bwoahgelle GP Turchia

Lance Stroll: fumo turco.

Il giovane canadese aveva illuso tutti con la sua divina performance del sabato, confermata all’inizio del GP con un’eccellente prima fase di gara. Tuttavia con una folata di vento scompare tutto il fumo prodotto dal canadese, un errore strategico rovina la gara del giovane di casa Stroll e lo costringe a perdere posizioni su posizioni. Peccato perchè come il migliore dei Narghilè prima o poi bisogna smettere di fumare. TUTTO FUMO E NIENTE ARROSTO.

Lewis Hamilton: Gigin Sett Blezz. (Luigi sette bellezze)

Può sembrare una forzatura ma il popolo partenopeo tra le sue influenza ha anche quella Turca, precisamente nel 1492 infatti i Turchi sono a Napoli. Ogni parola su questa ormai leggenda è sprecata, record di tutto, poco e niente lasciato alle spalle, il turco\napoletano si appresta ormai è sempre più vicino a diventare il più vincente nella storia della F1. Nulla può fermarlo se non un pezzo di carta. SETTE BELLO E PRIMIERA.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Toto Wolff: “Lewis poteva accontentarsi, invece ha voluto vincere e ha fatto la differenza: questa è la sua forza”

Paolo Mellone

Studente di lettere moderne appassionato di F1 ,dei grandi classici della letteratura e NERD incallito.