Cupra El Born: tanta plastica, ma è per l’ambiente. Così dicono!

Da poche ore è stata presentata ufficialmente la nuova Cupra El Born. La prima auto completamente elettrica di SEAT che riprende le linee della cugina ID.3. Diversi allestimenti, motorizzazioni e pacchi batterie che presto vi racconteremo. Nella migliore delle ipotesi si arriva ad un’autonomia di 600 km. Il prezzo si aggirerà intorno ai 50 mila euro salvo poi incentivi statali.

Cupra El Born

Design

Levate i loghi dalla vettura e vi sembrerà di osservare la cugina elettrica ID.3 di Volkswagen. La Cupra El Born si differenzia nei gruppi ottici più spigolosi e con un diverso disegno dei led diurni. Sotto i fari fa invece da padrona una calandra che tende a distaccarsi dal solito design lineare e pulito delle auto elettriche. E’ infatti presente una griglia con delle nervature direzionate verso le fiancate laterali – quasi a dare un senso di profondità e larghezza alla vettura. Al posteriore troviamo invece il solito gruppo ottico Cupra. Prende di fatto tutto il taglio posteriore, ma a questo ci avevano già abituati sulla Cupra Formentator.

Gli interni prendono il consueto family feeling di Volkswagen. Troviamo lo stesso cruscotto di tutte le full elettric del gruppo con il tradizionale display centrale. Vengono ripresi su plancia e pannelli porta le colorazioni a contrasto degli esterni. Tanti, forse troppi  gli elementi in plastica per un’auto da 50 mila euro. A detta del presidente Wayne Griffiths questa soluzione è rivolta ad abbassare le emissioni anche nei processi di produzione.

Leggi anche: Ferrari Portofino M! Cambia poco fuori ma tanto dentro!

 

Cupra El Born

 

Motorizzazioni

La Cupra El Born verrà venduta in 2 motorizzazioni entrambe a trazione posteriore. La prima da 150 CV mentre la seconda alza le soglie delle prestazioni con un’aumento della potenza a 204 CV. Le batterie da 58 e 77 kWh, quest’ultime garantiscono un’autonomia massima di 540 km, che scende a 420 km per le prime. La ricarica fast consente di garantire 100 km in appena 7 minuti. Vi ricordo che questo tipo di ricarica costa circa 0,45 €/kWh. Per un pieno ci vogliono almeno 35 euro, un risparmio irrisorio visto i consumi attuali delle moderne auto diesel.

Cupra El Born

La Cupra El Born chiede oggi per essere acquistata 50 mila euro, il prezzo di una BMW Serie 4. La differenza è che nella Cupra all’interno sarete avvolti dalla plastica, ma in fondo chi non la preferisce a dei sedili in pelle. L’autonomia si attesta intorno ai 600 km, vogliamo essere ottimisti, ma per ricaricarla completamente senza che si svaluti nell’attesa dovremo pagare circa 35 euro. Cupra El Born nasce secondo le parole del costruttore come auto sportiva, e quasi poteva esserlo visto il peso contenuto e la trazione posteriore. Poi però ci rendiamo conto che di auto sportive a quel prezzo ce ne sono, eccome.

Saremo dunque pronti a ridefinire il concetto di auto sportiva? Saremo pronti a spendere 50 mila euro ed essere circondati da plastica? Probabilmente no, ma per molti oggi basta che un display centrale e luci ambientali. E i costruttori che di fatto poi, sono aziende si trovano ad accontentare quella che è oggi la più grande fetta di mercato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Volkswagen ID.6 – Il 7 posti elettrico destinato alla Cina!