Dakar 2023 | Incidente per Carlos Sainz: rifiuta le cure e ordina all’elicottero di riportarlo in gara [VIDEO]

Carlos Sainz Sr rifiuta il ricovero in ospedale e ordina all’elicottero di fare inversione e riportarlo in gara nonostante il brutto incidente alla Dakar [VIDEO].

Sainz Dakar
Brutto incidente per Carlos Sainz Sr durante la Dakar

Quanto accaduto nella nona tappa della Dakar 2023 ha dell’incredibile. Nella celebre maratona del deserto le insidie sono sempre dietro l’angolo e a farne le spese questa volta è stato Carlos Sainz Sr.

L’esperto pilota spagnolo, padre del ferrarista Carlos Sainz, si trovava a bordo della sua Audi RS Q e-tron quando è rimasto coinvolto in un incidente apparso fin da subito piuttosto importante. La vettura si è infatti ribaltata dopo un atterraggio mal calibrato su una duna subendo danni nella parte superiore.

Il video dell’incidente di Sainz:

Il personale di soccorso, intervenuto sul luogo, ha trovato un dolorante Carlos Sainz. Dolori al petto e alle costole per lo spagnolo, invitato ad un trasferimento al più vicino ospedale per ulteriori accertamenti.


Il pilota inizialmente ha accettato di seguire l’equipe medica, salendo sull’elicottero che lo avrebbe condotto alla clinica. La voglia di provare a concludere la tappa non lasciando solo il proprio compagno ha però indotto Sainz a chiedere di essere riportato immediatamente in pista. Nessun ricovero, dunque, ma rapida inversione di rotta dell’elicottero, tornato sul luogo dell’incidente. Lo spagnolo è attualmente in attesa dei mezzi di assistenza nel tentativo di riparare il danno e rientrare in corsa.


Leggi anche: Formula E | Messico E-Prix – Orari TV e anteprima della prima gara della stagione


Non è peraltro il primo incidente in cui Sainz ei il compagno Cruz vengono coinvolti in questa Dakar. Qualche giorno fa, infatti, sono state diffuse le immagini del duo Audi impegnato nelle riparazioni del proprio veicolo. Curiosamente era presente anche Carlos Sainz Jr, intento a supervisionare le operazioni. Proprio il ferrarista, avendo chiuso la portiera della RS Q-etron del padre, ha rimediato una reprimenda per il team Audi, non trattandosi un membro dell’equipaggio.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

 

 

Jacopo Moretti

Laureato in Giurisprudenza, classe 1998. Appassionato di Formula 1 e del Motorsport. jacopo.moretti@f1ingenerale.com