Formula 1Interviste

F1 | GP Las Vegas, grosse sorprese in programma per l’edizione 2024

Silvia Bellot, Senior director of operations del GP di Las Vegas, ha parlato delle difficoltà nell’organizzazione dell’evento di quest’anno, promettendo grandi cose per l’edizione 2024.

Al netto delle tante critiche piovute alla vigilia e durante l’evento, il ritorno della Formula 1 a Las Vegas dopo quarant’anni d’assenza è stato un grande successo. Nonostante il pochi mesi a disposizione per mettere in piedi l’intera baracca in tempo per la disputa del gran premio, gli organizzatori sono riusciti, grazie ad una vera e propria corsa contro il tempo, a regalare agli appassionati uno spettacolo unico nel suo genere. Tuttavia, l’edizione 2024 promette altre grandi sorprese.

GP Las Vegas 2024
Il GP di Las Vegas del 2024 promette ancor più spettacolo © Ferrari

GP Las Vegas 2023: una corsa contro il tempo

“È stata una bella sfida”, ha affermato Silvia Ballot, Senior Director of Operations del GP di Las Vegas, nonchè ex la prima commissaria di gara della storia della F1. “Eravamo tutti molto eccitati, ma man mano che la gara si avvicinava, siamo stati tutti molto indaffarati”.

“Per quanto mi riguarda, non ho avuto la possibilità di comprendere tutto quello che stava accadendo fino alla fine della gara. Quando è uscita la bandiera a scacchi, l’intero reparto che lavorava con noi ha esultato e festeggiato. Quando ho visto le immagini per la prima volta, non potevo credere a quello che il team aveva messo insieme. È stata la più grande gara di sempre, e credo che tutti siano d’accordo”.

Se è vero che da un lato Formula 1 ha messo a disposizione un budget faraonico per la realizzazione dell’intero evento (circa 500 milioni di dollari), dall’altro gli organizzatori hanno svolto un lavoro incredibile per far si che tutto fosse pronto in tempi record in poco meno di un anno.

L’unico intoppo che ha rischiato di compromettere seriamente l’evento è stato l’ormai famigerato problema del tombino, che ha causato non pochi danni a Carlos Sainz e alla Ferrari, portando alla cancellazione delle FP1 dopo pochi minuti e a disputare le FP2 alle 02:30 locali, un qualcosa di mai visto prima nella storia della Formula 1.


Leggi anche: F1 | Chi non muore si rivede: Mekies torna a parlare dopo l’addio alla Ferrari


“È stata la sfida più grande per tutti noi, non solo per la squadra per cui lavoro, ma anche per l’evento, dal punto di vista commerciale e operativo”, ha aggiunto la Bellot. “Pensavo che organizzare una gara in otto settimane in Qatar nel 2021 fosse una sfida, ma qui a Las Vegas era qualcosa di molto, molto più grande”.

”Chiunque pensi che sia facile chiudere un’area in centro in una delle città più grandi si sbaglia di grosso. È una sfida molto grande. Ma anche chiudere una delle strade più divertenti e affollate del mondo come la Las Vegas Boulevard è un livello completamente diverso”.

“Come potete immaginare, la pianificazione è stata molto lunga. Non è un progetto che si realizza da un giorno all’altro. C’è voluta molta pianificazione, soprattutto da parte del gruppo di architetti che ha progettato quasi 100 diversi layout di pista”.

”Hanno deciso di scegliere quello attuale perché il GP di Las Vegas e Liberty Media hanno pensato che questa fosse l’opzione migliore per mettere in mostra la città, ma anche per mostrare delle belle gare qui. C’è stata una grande pianificazione, anche prima che io entrassi a far parte dell’azienda”.

Un’altra delle paure degli organizzatori era che il freddo avrebbe potuto creare non pochi problemi in pista. Fortunatamente, le temperature sono state superiori rispetto a quanto previsto, con il tracciato che ha in realtà offerto un gran grip con tutti i tipi di mescole.

L’edizione 2024 promette ancor più spettacolo

Se il gran premio inaugurale ha confermato le grandi aspettative della vigilia, l’edizione del prossimo anno promette ancor più scintille dal punto di vista dello spettacolo: “Tutti pensano che il primo anno sia quello difficile perché tutto è nuovo, ma nel secondo anno tutti si aspettano la perfezione. Nei prossimi mesi, dovremo fare un debriefing, lavorare con i nostri partner e offrire un evento ancora migliore nel 2024″.

“Avremo molte altre sorprese per il 2024. L’anno prossimo il GP sarà verso la fine della stagione, quindi abbiamo un po’ di tempo per lavorarci. Ci saranno molte sorprese. Vogliamo assicurarci di mantenere il Gran Premio di Las Vegas come capitale dell’intrattenimento, non solo negli Stati Uniti, ma anche nel circuito di Formula 1.”.

”Abbiamo fatto molti sforzi per spiegare alle proprietà e ai nostri partner cosa c’è in gioco. Ora che tutti hanno avuto la possibilità di sperimentare il GP di Las Vegas e ciò che la F1 può offrire, avremo molto più sostegno di quello che abbiamo avuto quest’anno”.

Infine, la Ballot promette che tutti resteranno soddisfatti ed ammaliati anche il prossimo anno: ”Quest’anno abbiamo avuto un sostegno incredibile, ma avere la prima gara sulle spalle creerà un evento ancora più grande nel 2024. Ci saranno altre cose divertenti e tutti saranno entusiasti in futuro. Offriremo ancora una volta il miglior intrattenimento nei circuiti di F1″.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter