Dopo la Formula E arriva la MotoE

L’elettrificazione delle corse contagia anche il motociclismo e infatti il 6 febbraio, a Roma, è stata presentata la FIM Enel MotoE, la prima categoria per moto elettriche.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questa nuova realtà parlerà molto italiano, infatti sarà, per i primi 3 anni di fase iniziale, un monomarca con moto fornite da Energica Motor Company.

La nuova serie, che prenderà il via nel 2019, usufruirà del supporto tecnologico di Enel, che è anche title sponsor. La multinazionale italiana fornirà i propri servizi con un sistema di ricarica rapida, servizi energetici avanzati, fornitura e accumulo di energia verde, personale e infrastrutture dedicate.

Un po’ di dettagli
Energica EgoGP (fonte motogp.com)

La nuova categoria diventerà la quarta categoria della MotoGP e godrà della medesima copertura mediatica delle altre classi. Dopo un primo anno di test ed esibizioni durante le tappe europee, il debutto sarà nel 2019 nelle vesti di coppa e non ancora di campionato del mondo vero e proprio. Le corse dureranno inizialmente 10 giri che andranno ad aumentare in relazione agli sviluppi tecnologici dei prototipi. Prima della stagione si svolgerà un test ufficiale a Jerez a febbraio 2019. Gareggeranno 18 moto divise tra 7 squadre private del MotoGP, con 2 moto ciascuno, e altre 4 divise tra team di Moto2 e Moto3.

Un tester di primo livello!

Collaudatore d’eccezione per lo sviluppo della Energica EgoGP è Loris Capirossi che l’ha condotta in scena durante la presentazione. Il bicampione del mondo ha speso parole dolci per questa moto che si rivela una vera sportiva grazie a un’ottimale distribuzione dei pesi. Capirossi rivela una sensazione molto particolare in merito: “quando sali la prima volta ti sorprende il rumore, perchè non è il solito sound ma ha un suo carattere. Quando ho fatto le prime curve, quasi nel silenzio, è stato stranissimo sentire il rumore del mio ginocchio sull’asfalto”.



Presenti all’evento erano il patron di DORNA Carmelo Ezpeleta e l’Amministratore Delegato di Enel Francesco Starace e il Presidente FIM Vito Ippolito che hanno avuto parole ottimiste in merito alle prospettive future di questa categoria, riguardo a un’unità di intenti per rendere più sostenibili le gare di MotoGP, non dimenticando l’importanza del supporto alla diffusione di una mobilità più verde.

mm

Edoardo Rizzo

Laureato triennale in lettere moderne e ora iscritto alla laurea magistrale in filologia moderna, da sempre appassionato di auto e motorsport.