A TCDakar

Dramma nella Dakar 2024: Carles Falcón non ce l’ha fatta, incidente fatale

Il TwinTrail Racing Team ha confermato la morte del pilota spagnolo Carles Falcón, vittima di un grave incidente nella Dakar 2024.

Il mondo del motorsport piange Carles Falcón. Lo spagnolo, vittima di un grave incidente nella seconda tappa della Dakar, non ce l’ha fatta.

A pochi chilometri dal termine della prova speciale da Al Henakiyah ad Al Duwadimi, il motociclista ha riportato un’edema celebrale a causa della fattura della vertebra C2, oltre a quella di cinque costole, del polso sinistro e della clavicola.

Carles Falcon Dakar
Carles Falcón non ce l’ha fatta, troppo gravi le conseguenze dell’incidente nella Dakar. Credits: Motorsport.com

La conferma arriva direttamente dal TwinTrail Racing Team, che piange il proprio pilota.

Il comunicato del team di Falcón:

Lunedì 15 gennaio, Carles ci ha lasciato. L’equipe medica ha confermato che i danni neurologici causati dall’arresto cardiorespiratorio al momento dell’incidente sono irreversibili“.

Carles era una persona sorridente, sempre attiva, che amava con passione tutto ciò che faceva, soprattutto le moto. Ci ha lasciato facendo qualcosa che era il suo sogno, correre la Dakar. Si divertiva, era felice sulla moto. Dobbiamo ricordarlo per il suo sorriso e per la felicità che generava in tutti“, si legge nel comunicato.


Leggi anche: F1 | Ferrari, rinnovo Carlos Sainz: per quel sedile c’è un solo (realistico) nome


Ingegnere informatico per formazione. Istruttore di moto e guida turistica in moto per passione. Molte persone hanno imparato al suo fianco. Insegnava con pazienza, energia ed allegria, faceva divertire tutti con la moto.

Questo è ciò che ci ha lasciato e che terremo sempre con noi, tutti coloro che gli sono stati vicini, famiglia, amici, colleghi e tifosi“, ha aggiunto il team.

Da parte della famiglia e della squadra chiediamo, per favore, che venga mantenuta la privacy sui funerali che si svolgeranno nei prossimi giorni. Vi ringraziamo per la vostra comprensione“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter