DTM | Presentato il primo concept delle vetture del futuro

Auto più veloci e potenti, celle a idrogeno e robot: il primo concept del DTM del futuro parla elettrico. Berger: “È una visione innovativa e molto coraggiosa.”

DTM
Credit: DTM

Il motorsport da pochi anni a questa parte sta attraversando un periodo storico molto importante con l’affermarsi delle nuove tecnologie ibride. Nelle monoposto la F1 ha esasperato questo concetto, realizzando vetture turbo-ibride. La Formula E ha puntato tutto sull’elettrico. La IndyCar introdurrà motori ibridi nel 2022.

Da questo processo di rinnovamento il DTM non sarà escluso. Infatti dopo che i V8 aspirati sono stati sostituiti dai moderni 4 cilindri turbo, per il DTM si parla già di futuro. Fin dalle nostre interviste esclusive, è parso chiaro che il massimo campionato tedesco per sopravvivere ha bisogno di adattarsi alla realtà esistente, sia per essere a passo con in tempi in termini di tecnologie sia per attrarre nuovi costruttori.

Credit: DTM

Nel primo video concept si intravedono già quelle che potrebbero essere le alternative per la fornitura di energia: batterie e celle a combustibile che convertono l’idrogeno in energia elettrica. In particolare quest’ultime hanno bisogno di un rifornimento del reagente. Come fare allora? Il DTM ha già pensato anche a questo.

Infatti la visione futura prevede anche una rivoluzione dei pit-stop con l’introduzione di moderni robot in grado di effettuare il cambio gomme. Ma non è tutto; i robot saranno in grado di sostituire il pacco batteria e il serbatoio di idrogeno. Questi saranno collocati nella parte inferiore della monoscocca per ottimizzare la distribuzione dei pesi. Tutto questo per permettere alle vetture di avere a disposizione, per un periodo di tempo limitato, una potenza di oltre mille cavalli e una velocità superiore ai 300 km/h.

Rendere presente il futuro di domani

Non è ancora chiaro quando saranno adottate queste tecnologie ma l’idea di Gerhard Berger sembra essere certa: dal 2022. Il tutto si svolgerà attraverso una iniziale serie di supporto al DTM con l’obiettivo di sviluppare queste nuove tecnologie.

”Bisogna guardare lontano per avere un’idea del futuro di questo sport. Sebbene i veicoli ibridi ed elettrici siano presenti nel mercato, è mancata una visione nuova e stimolante. Con questo progetto vogliamo dimostrare di essere aperti a ciò che riserva il futuro e che abbiamo qualcosa di nuovo da offrire ai costruttori.” * 

Questo vedrà coinvolto un unico fornitore che lavorerà a stretto contatto con i costruttori per ottenere la massima efficienza. In un primo momento le tecnologie saranno standard, per riuscire a controllare i costi e via via sarà data ai team una libertà di sviluppo (un pò come accaduto in Formula E).

* Credit: DTM

Seguici anche su Instagram@F1inGenerale

Analisi Tecnica F1 | La Ferrari e il clipping: surriscaldamento o eccellente gestione dell’ibrido?