DTM | Robert Kubica gareggerà con una BMW privata

Dopo tanta attesa, il futuro di Robert Kubica è stato definito: correrà nel DTM grazie al supporto di un team clienti di BMW.

DTM Kubica
Credits: Robert Kubica

In una stagione di transizione come quella del 2020 che ha visto il primo colpo di scena nell’abbandono di R-Motorsport, il DTM accoglie uno dei nomi più attesi, Robert Kubica.

Il pilota polacco ha sempre espresso il suo desiderio di poter gareggiare in un campionato;evoluto e avvincente come il DTM e ha avuto modo di testare la BMW M4 ai rookie test di Jerez de la Frontera.

Sebbene BMW avesse completato la sua lineup con l’ingaggio di Jonathan Aberdein, Kubica è;riuscito a trovare un sedile grazie al support dello sponsor PKN Orlen che lo aiuterà anche nel ruolo di terzo pilota in Formula 1 dell’Alfa Sauber.

”Il DTM mi attira da tanto. Il test di dicembre mi ha confermato questa sensazione. Sicuramente ci sarà da lavorare rispetto ai team ufficiali per migliorare continuamente.”

Dopo varie speculazioni sul team che preparerà la vettura del polacco, sarà ART Grand Prix ad avere un ruolo determinante e a dare linfa vitale ad una griglia di partenza ridotta. Con Kubica le vetture in pista saranno 15 e non è ancora esclusa la possibilità di avere 16 vetture con un altro team clienti di BMW.

Per Kubica si tratta di un ritorno al passato, dopo che è stato in ottimi rapporti con BMW nel periodo 2006-2009 in Sauber e che lo ha visto protagonista nella lotta al titolo.

Il Boss di BMW, Jens Marquardt, ha elogiato la presenza del polacco nel DTM come un grande valore aggiunto:

“È una grande notizia per tutto il DTM. Abbiamo sempre avuto come obiettivo quello di far crescere BMW come team privati e alla fine abbiamo scelto ART Grand Prix. Robert ha dimostrato grandi cose nel test di dicembre e sarà una grande risorsa per il campionato.”

?Seguici sul nostro nuovo canale Telegram interamente dedicato al DTM e alla W Series per essere sempre aggiornato e non perdere nessuna notizia relativa alle due categorie ?

DTM | Il futuro dell’ibrido potrebbe essere favorito dalla condivisione della tecnologia