DTM | Test Nurburgring – Terza giornata nel segno di Audi

Penultima giornata di test per il DTM al Nurburgring. Audi si impone in entrambe le sessioni con Ferdinand Habsburg e Nico Muller. Primi giri per Jonathan Aberdein con la BMW M4.

test dtm nurburgring
Credit: DTM

Sessione mattutina

Nella prima sessione del terzo giorno di test DTM al Nurburgring i piloti Audi hanno lavorato sulla simulazione di qualifica, con tre piloti nelle prime tre posizioni. Ferdinand Habsburg si è confermato il più veloce dopo aver dominato la seconda giornata. Per la prima volta in questi test, il tempo sul giro è stato sull’1:18 alto.

Alle spalle della RS5 privata del team WRT si è piazzato Nico Muller a soli 33 millesimi dal pilota austriaco, seguito da Jamie Green a poco più di un decimo.

In quarta posizione la prima BMW, quella di Sheldon van der Linde che ha chiuso la mattinata con un distacco dai primi al di sotto dei due decimi. Subito dietro Timo Glock, al debutto in questi test.

Continua il lavoro di ambientazione per i due rookie della serie, Fabio Scherer con la Audi del team WRT e di Robert Kubica che hanno chiuso la mattinata con la sesta e settima posizione. Al debutto con BMW Jonathan Aberdein che ha chiuso la prima sessione all’ottava posizione.

Sessione pomeridiana

Nella sessione pomeridiana lavoro sul passo gara per i piloti. Audi si è dimostrata la più veloce con Nico Muller e Jamie Green davanti a tutti. Alle spalle dei duo Audi, Jonathan Aberdein che alla sua seconda sessione di test ha piazzato la sua M4 in terza posizione davanti a Robert Kubica.

Il team WRT non ha schierato Fabio Scherer affidandosi al solo Ferdinand Habsburg mentre Ed Jones è rimasto bloccato a Dubai a causa delle restrizioni sui viaggi imposte per far seguito alla pandemia del Covid-19.

Dopo aver lavorato sul giro veloce, Habsburg ha effettuato un lavoro differenziato lavorando sul passo gara e sui diversi setup. Stesso lavoto per le BMW di van der Linde e Timo Glock.

Seguici anche su Instagram@F1inGenerale

F1 | Nessun nuovo motorista entro il 2026, ma le nuove Power Unit saranno economiche ed ecosostenibli