Formula 1Interviste

F1 | Quando Eddie Jordan fece un’offerta a Senna da non poter rifiutare

Eddie Jordan ha raccontato di quella volta in cui propose ad Ayrton Senna di diventare co-proprietario al 50% della scuderia, prima della tragica scomparsa nel GP di Imola il 1° Maggio 1994.

Una domanda che gli appassionati di Formula 1 si sono chiesti, almeno una volta nella vita, è che piega avrebbe preso la carriera di Ayrton Senna senza il tragico incidente di Imola nel 1994, che lasciò una macchia indelebile nella storia di questo sport. C’è chi sostiene che il brasiliano sarebbe prima o poi approdato in Ferrari. Eddie Jordan, proprio parlando di Ayrton, ha ammesso di aver fatto di tutto per accaparrarsi le prestazioni del fenomeno di San Paolo.

Senna Jordan
L’aneddoto di Jordan a quasi 30 anni dalla scomparsa di Senna © NOS

L’aneddoto di Jordan a quasi 30 anni dalla scomparsa di Senna

L’unico pilota con cui ho pensato di entrare in affari è stato Senna”, ha affermato il businessman irlandese.  ”Non ho mai perso i contatti con lui. Era quel tipo di persona che voleva sempre sapere chi facesse cosa. Io e mia moglie ci eravamo detti che non avremmo dovuto avere partner, perché causavano solo problemi”.

”Ayrton è stato però un caso diverso. Sono andato da lui, sapendo che fosse chiaramente scontento di alcune cose che stavano accadendo in alcuni team. Alla fine gli ho detto: ‘Perché non prendi in considerazione l’idea di possedere e gestire una squadra, di prendere il mio posto?”“.

Gli offrii gratuitamente il 50% della Jordan Grand Prix, che all’epoca era una cifra davvero notevole, ma a condizione che guidasse per i due anni successivi e che portasse con sé abbastanza denaro per finanziarlo per quel periodo“.


Leggi anche: F1 | Perez annichilito: “Prenditi qualche Caipirinha in spiaggia in Messico e non tornare mai più!”


Nel 1994, all’inizio della stagione, ci siamo trovati a discutere di questo particolare argomento. Sappiamo tutti cosa gli sia capitato in Williams, è stato molto triste. Sarebbe mai successo? Chi può dirlo, non lo sappiamo. Eravamo però molto vicini in termini di accordo sulle cifre, sulla struttura, su chi avrebbe fatto cosa“.

Chiaramente, sappiamo tutti la sfortunata piega che gli eventi presero, con Senna che fu vittima del fatale incidente al Tamburello durante il GP di Imola nel 1994. A nulla servirono i tempestivi interventi dello staff del circuito ed i tentativi di salvargli la vita, con il pilota che si spense all’ospedale di Bologna a soli 34 anni.

La scuderia di Eddie, invece, che permise a un certo Michael Schumacher di debuttare in Formula 1, non ottenne mai grandissime soddisfazioni a livello di risultati, ad eccezione del terzo posto nel mondiale costruttori del 1999 con Damon Hill e Heinz-Harald Frentzen.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter