ELMS | 4 ore di Portimao – United Autosports torna alla vittoria, Iron Lynx campione GTE

United Autosports vince la 4 ore di Portimao e strappa il secondo posto in classifica LMP2, Iron Lynx si prende vittoria e titolo ELMS in GTE

elms 4 ore portimao

All’Autodromo Internazionale dell’Algarve l’ELMS ha chiuso la sua stagione 2021, in una gara dominata dalle strategie con una sola neutralizzazione, mezz’ora dopo l’inizio della gara.

La causa è stata il drammatico incidente della #30 Duqueine di Rojas, che ha perso una ruota in pieno rettilineo andando in testacoda, nel cercare di evitarla Laskaratos sulla #18 Villorba Corse colpisce le gomme all’inizio della pit lane. Illesi i due piloti, a parte il grosso spavento, pista inondata di detriti e safety Car in pista, con la direzione gara che poi opta per la bandiera rossa. La gara è poi ripartita dopo 40 minuti di interruzione, lasciando varie opzioni ai protagonisti.

LMP2

Una gara di strategia ha visto trionfare, per la prima volta dalla 4 ore di Monza dello scorso anno, la #22 United Autosports di Hanson/Aberdain/Gamble, seguita dalla #41 WRT di Ye/Kubica/Delatraz e dalla #24 Algarve Pro di Hasburg/Floersch/Bradley. Con WRT già campione 2021, United Autosports conquista il secondo invito automatico a Le Mans.

Il poleman Charles Milesi ha guidato fino alla fine del primo stint, che a causa della bandiera rossa è durato 80 minuti, ma l’equipaggio Pro/AM composto anche da Coigny e Borga non poteva fare molto di più, vincendo comunque la sottoclasse Pro/AM davanti alla #25 G-Drive.

Come sempre quindi la lotta è stata tra il Team WRT #41, la #26 G-Drive Racing, la #65 Panis Racing, le #22 e #32 United Autosport e, novità per questa gara, la #24 Algarve Pro di Bradley, Habsburg e Sophia Floersch.

Hanson ha chiuso il primo stint sorpassando proprio la #41 di Kubica, mentre la #26 G-Drive di Colapinto è incorsa in un Drive through mentre era terza, dietro alle due United Autosports. Ottimo anche lo stint della Floersch, che ha tenuto un ottimo passo nei suoi stint centrali con la #24 Algarve Pro, che si è impostata su una strategia diversa dal resto dei migliori, effettuando uno stint finale più lungo.

La #32 United Autosport è poi incappata in un incidente con la #35 BHK Motorsport, che l’ha rimossa dalla top-10, ma la #22, al netto dei cicli di pit stop che hanno riportato davanti la WRT con uno Ye non molto in forma, è riuscita a conservare la prima posizione fino alla fine.

WRT nel finale ha invece sofferto la rimonta di Ferdinand Habsburg sulla #24 Algarve Pro, che ha sfruttato al massimo gli pneumatici nel suo stint riuscendo quasi a superare Delatraz negli ultimi giri.

LMP3 elms 4 ore portimao

Duqueine Engineering si prende gara e titolo: la #4 di Horr/De Barbuat ha preso la prima posizione nelle prima fasi della gara, senza lasciarla mai. Completano il podio la #13 Inter Europol di Hippe/Eteki e la #2 United Autosports di Wheldon/Cauhape/Boyd. L’incidente con la #83 Iron Lynx della #19 Cool Racing ha invece rimosso le speranze della squadra svizzera per il titolo, che è finito sempre a Duqueine Engineering, assieme a un autoinvito a Le Mans.

Aggiornamento: Duqueine Engineering è stata penalizzata per non aver riparato la vettura durante l’ultima sosta, con 65 secondi aggiunti alla classifica finale, che portano quindi la #13 Inter Europol alla vittoria. Con il quarto posto Horr e De Barbuat sono comunque campioni.

GTE

elms 4 ore portimao

Una gara movimentata dall’inizio alla fine ha visto ancora una volta la vittoria della Ferrari #80 Iron Lynx di Mastronardi/Cressoni/Molina, l’equipaggio che ha dominato questa stagione con 3 vittorie, 2 secondi posti e un terzo posto.

Mastronardi ha portato subito in testa la Ferrari nera/bianca, con Cressoni che è stato poi sfidato nel suo stint dalla Porsche #93 Proton di Lietz, che è riuscito a portarsi in testa nella terza ora di gara con un magnifico sorpasso ai danni dell’italiano. Nello stint finale però Iron Lynx ha rilasciato dai box Molina in tempo per riprendersi la testa, con Laser che non è riuscito a riprendersi la posizione. C’è comunque soddisfazione per la squadra di Fassbander, che ha conquistato uno dei due posti sul podio in questa stagione non occupati da una Ferrari.

elms 4 ore portimao

Dietro c’è stata una lotta molto interessante, sopratutto all’inizio tra Sarah Bovy e Francois Perrodo: i due Bronze della #83 Iron Dames e #88 AF Corse si sono sfidati per oltre 2 ore, con Bovy che ha avuto la meglio, lasciando poi il sedile a Michelle Gatting, molto veloce nel suo stint recuperando la Porsche #77 di MacNeil. Sfortunatamente un incidente nel finale ha impedito  di lottare per il secondo posto, lasciando però il podio all’equipaggio tutto al femminile.

Quarto posto per la #55 Spirit of Race di Cameron/Perel/Griffin, che è riuscita sul finale a passare la #77 di Bruni, in crisi, che è stata poi insidiato dalla #95 TF Sport di Gunn, poi penalizzata per aver superato i limiti della pista. . Penalità anche per la #88 AF Corse di Perrodo/Collard/Rovera, 10a, che chiude l’anno al terzo posto, con 2 vittorie, due podi e una gara in meno.

I due inviti automatici per Le Mans vanno così a Iron Lynx e Spirit of Racing.

[Classifica]

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Ghiloni

Studente universitario di Chimica e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.