ELMS | Sintesi 4 ore di Portimao: trionfo assoluto per la #28 IDEC Sport!

La 4 ore di Portimao ELMS vede la #28 IDEC Sport trionfare in gara e in classifica, mentre Luzich conquista la quarta vittoria stagionale GTE

Immagini ELMS

L’ultima gara della stagione ELMS, decisiva per i titoli LMP2 e LMP3, vede il trionfo della #28 IDEC Sport, proprio a seguito di uno scontro con i rivali della #26 G-Drive.

Partenza e prima ora

La partenza, dopo alcune curve, vede un grosso incidente che coinvolge numerose vetture, innescato dal testacoda della Dallara #18 Carlin di Manchester, che viene colpita in successione dalla #3 United Autosport e dalla #77 di Ried che prende in pieno la Ferrari #66 JWM.

Lista delle vetture coinvolte:

  • #45 Carlin
  • #83 Kessel Racing
  • #3 United Autosport
  • #10 Oregon
  • #77 Dempsey-Proton
  • #88 Proton
  • #66 JWM

È stata quindi esposta la bandiera rossa, per togliere dalla pista le vetture e riparare le barriere.

La Ferrari #83 Kessel di Manuela Gostner è l’unica vettura tornata ai box, con gravi danni all’anteriore, ma non riesce a ripartire. In seguito anche la #66 JWM riesce ad essere riportata ai box.

Jack Manchester, che aveva già subito un violento incidente con fratture alle costole a Silverstone, ed era tornato in pista in questa gara, è stato trasportato al centro medico e mantenuto sotto osservazione.

Si riparte sotto la Safety car, con la #22 United Autosport di Hanson che guida dalla pole. Alcune vetture che si fermano già per cambiare i piloti, che hanno svolto il loro tempo di guida minimo. La #66 JWM riesce a tornare in pista, ultima nella classe GTE.

Seconda ora

La #66 JWM, in una giornata veramente sfortunata, va a contatto con la Ferrari #55 Spirit of Race finendo nella ghiaia.

Entra in pista la seconda safety car della gara. Ne approfittano una gran parte del gruppo LMP2 per effettuare il pit stop. la #66 JWM riesce a rientrare in pista dopo un intervento dei commissari di percorso.

Alla ripartenza, si riaccende in GTE la battaglia tra la #60 Kessel di Pianezzola e la #51 Luzich di Lavergne, che guidano la classe.

In LMP2 guidano le due United Autosport #22 e #32, senza molta competizione da parte della #28 IDEC.

In LMP3 guida la #19 M Racing, mentre i leader della classifica a pari punti sono quinti (#13 Inter Europol) e decimi (#11 Eurointernational), con quest’ultima che patisce un giro di distacco.

Dopo il primo giro completo di pit stop è la #37 Cool Racing di Borga a andare in testa, essendosi fermata prima. Cede poi la leadership alla #24 Panis Barthez di Tereshenko, seguita dalla #39 Graff.

Il duello tra la #60 Kessel e la #51 Luzich per la testa GTE si risolve a favore della seconda, con la #55 Spirit of Race che completa la prime tre posizioni tutte occupate dalle 488.

Terza ora: la rimonta della G-Drive e la sua disfatta

Si riduce il distacco tra i due leader del campionato LMP3: la #13 Inter Europol è adesso 10 secondi davanti alla rivale, la #11 Eurointernational.

elms 4 ore di Portimao
Immagini ELMS

Full course yellow dopo l’incidente tra la #15 RLR M Sport e la #37 Cool Racing, che si sono sostanzialmente incastrate nelle vie di fuga. La #37 sarà poi penalizzata con un drive through.

Tutti i protagonisti di classe LMP2 si precipitano ai box, tra cui la #22 United Autosport, che continua ad essere in testa, come anche il leader LMP3 (#7 Nielsen) e la Porsche #80 Ebimotors, leader in GTE.

La #28 IDEC Sport, che insegue in classifica la #26 G-Drive, è ora terza, mentre i rivali in classifica sono sesti. Job Van Uitert sulla #26 è però in in grado di passare rapidamente la United Autosport #22 e la #20 High Class, spostandosi in quarta posizione.

In GTE nonostante abbia la zavorra maggiore la #51 Luzich riesce a dominare la classifica, seguita dalla #80 Ebimotors di Babini, che è in lotta con la #60 Kessel di Perel, che riesce in seguito a passarla.

In LMP3 la #13 Inter Europol ha rimontato fino alla seconda posizione, dietro alla #7 Nielsen di Wells che continua a guidare la gara.

Continua la rimonta della #26 G-Drive e di Job Van Uitert, che passa la #24 Panis Barthez per la terza posizione e in seguito anche la #32 United Autosport

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

Contatto tra la #26 e la #28

Con 73 minuti alla fine però il pilota della #26 commette un errore, mandando in testacoda la #28 IDEC sport di Rojas, che è proprio la rivale in classifica della G-Drive.

Con 66 minuti alla fine la #30 Duqueine Engineering di Bradley esce e sbatte contro le barriere in curva 1 in maniera assai violenta, ma senza conseguenze per il pilota. Entra in pista la terza safety car.

Ultima ora

Alla ripartenza in LMP3 è in testa la #6 360 Racing, con la #7 Nielsen che è precipitata durante la Safety car, seguita dalla #2 United Autosports e dalla #3 Inter Europol.

Per aver mandato in testacoda la #28 IDEC (ora terza) la #26 G-Drive ottiene un drive through, in un momento in cui le vetture sono tutte ravvicinate. Jean Eric Vergne rientra 8°, che non è sufficiente per vincere il titolo ELMS.

La #28 IDEC di Chatin, seconda, si riporta infatti rapidamente sotto alla #22 United Autosport, per provare in tutti i modi di strappare il titolo alla #26, che sta attaccando la #25 Algarve di Pizzitola. Intanto in GTE la #60 Kessel si riporta davanti alla #80 Ebimotors.

La #28 IDEC Sport passa la #22 United Autosport, ponendosi in testa alla gara e al campionato. Con questa situazione la #26 G-Drive deve arrivare quarta al traguardo, ma al momento non è in grado neppure di passare la #25 Algarve Pro.

In GTE è lotta aperta tra la #55 Spirit of Race e la #80 Ebimotors di Frezza, che difende la sua terza posizione. elms 4 ore portimao

Con sei minuti alla fine è proprio la #80 a mandare in testacoda la Ferrari di Griffin.

La #28 IDEC Sport con Chatin rischia pesantemente nel finale, uscendo di pista, ma restando sull’asfalto e lasciando alla #22 United Autosport la chance di recuperare la vettura francese.

La bandiera a scacchi

elms 4 ore portimao
Immagini IDEC Sport

La #28 IDEC Sport passa per prima sotto la bandiera a scacchi, per la seconda volta nella stagione, e il team francese si laurea per la prima volta campione ELMS, con Rojas, Lafargue e Chatin che conquistano l’alloro della classifica piloti. elms 4 ore portimao

Il podio LMP2 vede poi la #22 United Autosport di Hanson-Albuquerque, e la #39 Graff di Gommendy-Cougnaud-Hirschi.

Conquista la sua prima vittoria LMP3 la #6 360 Racing di Woodward-Dayson-Kaiser, mentre la seconda posizione è occupata dai campioni 2019, Hippe e Moore sulla #13 Inter Europol, che vince il duello in classifica con la #11 Eurointernational, settima. Terzo posto per la #2 United Autosport, che completa il podio. elms 4 ore portimao

Nemmeno la zavorra maggiorata ferma la Ferrari #51 Luzich Racing, che con Nielsen, Lavergne e l’aggiunta del nostro Alessandro Pier Guidi ha dominato la stagione, conquistando 4 su 6 gare e vincendo il titolo già una gara fa. Il podio GTE è completato dalla #60 Kessel Racing (Pianezzola-Perel-Piccini) e della #80 Ebimotors (Babini-Frezza-Giraudi),

Aggiornamento: Nel post gara il risultato della gara LMP3 è stato alterato: la #13 Inter Europol è stata penalizzata per non aver rispettato i tempi minimi di guida del pilota Bronze Martin Hippe. La penalità di 9 giri manda la vettura polacca in findo alla griglia, mentre la #11 Eurointernational di Jensen/Petersen, giunta sesta conquista il campionato LMP3 ELMS.

[Classifica]

Seguici su Telegram

GT | Presentata la Ferrari 488 GT3 EVO 2020 [Fotogallery]

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.