Endurance | Novità a pioggia per le categorizzazioni dei piloti FIA 2022!

La FIA ha pubblicato la revisione della categorizzazione dei piloti per il 2022: decimata la classe dei SuperSilver, molti nuovi Gold e Platinum

Motorsport Games

Come ogni anno, la FIA ha pubblicato la revisione provvisoria al suo sistema di categorizzazione dei piloti, valide dal 2022, e dopo un 2021 all’insegna del mantenimento delle classificazioni precedenti, con poche eccezioni, vista la complessa situazione portata dal COVID, la Federazione quest’anno non ha lesinato, anche a seguito delle richieste giunte da Stephane Ratel per una revisione globale del sistema. I piloti però avranno ancora tempo per fare ricorso, con la lista ufficiale che sarà pubblicata il 15 novembre.

Un sistema necessario, ma criticato

Ma cos’è il sistema di categorizzazione FIA, e a che cosa serve? A seguito della nascita di classi dedicate agli amatori, all’inizio degli anni 2000, è sorta la necessità di classificare precisamente i piloti professionisti ed amatori. La FIA è giunta a costruire il suo sistema proprietario, per cui tutti i piloti che ne fanno richiesta, ad un costo di circa 750€, possono esssere inseriti nel database nelle 4 classi, sulla base dell’età e dei loro risultati:

  • Platinum:ne fanno parte piloti professionisti, con risultati di assoluto livello, ad esempio una vittoria a Le Mans in classi per professionisti. Inoltre tutti i piloti con Superlicenza per la F1 sono automaticamente classificati Platinum.
  • Gold: piloti professionisti, ma che soddisfano solo un requisito di quelli per la classificazione Platinum, oppure uno di quelli Gold, che includono la vittoria in campionati coe DTM, GTWC Europe, IndyCar, F3, Super GT, etc.
  • Silver: piloti amatori e professionisti, che non hanno i requisiti per essere Platinum o Gold. In particolare tutti i piloti sotto i 30 anni sono automaticament Silver. In particolare i vincitori di campionati nazionali, anche di F4, sono Silver.
  • Bronze: piloti generalmente amatori, e i piloti sopra i 30 anni al momento della prima classificazione.

fia piloti categorizzazione

Le varie serie nazionali e internazionali possono poi scegliere quali piloti ammettere nelle proprie classi. Ad esempio nel WEC in GTE-AM occorre si può avere al massimo un pilota bronze e uno silver, più uno senza restrizioni. In LMP2 si deve avere almeno un pilota Silver o Bronze.

Da molto tempo però il sistema subisce critiche: se le classificazioni Platinum e Bronze non sono molto dibattute, la Silver è al centro delle polemiche, perchè include piloti amatori fianco a fianco a giovani professionisti. Infatti i giovani e velocissimi piloti usciti dalla Formula 4 sono generalmente tutti Silver, e sono ricercati dai costruttori e dalle squadre per costituire team formati da “più professionisti” di quanto inteso dalla serie e dalla FIA. Questi sono i cosidetti “SuperSilver“, piloti professionisti, ma con una classificazione vantaggiosa.

Le novità principali fia piloti categorizzazione

fia piloti categorizzazione
I piloti Fatory Audi Dries Vanthoor e Charles Weerts passano a Platinum e Gold

Da Gold a Platinum

Ben Barnicoat (Pilota ufficiale McLaren)
Alberto Costa Balboa (Pilota ufficiale Lamborghini)
Antonio Fuoco (Pilota ufficiale Ferrari)
Jules Gounon (Pilota ufficiale Mercedes)
Marco Mapelli (Pilota ufficiale Lamborghini)
Luca Stolz (Pilota ufficiale Mercedes)
Dries Vanthoor (Pilota ufficiale Audi, campione GTWC Sprint e Overal 2021)

I nuovi Platinum sono tutti piloti ufficiali GT3 per Audi, McLaren Lamborghini, Ferrari e Mercedes. Le loro promozioni erano tutte prevedibilissime, anche se in questa stagione magari non hanno vinto niente di particolare.

Da Silver a Gold: la rivoluzione

Alessio Rovera, probabilmente il SuperSilver dell’anno in GTE-AM nel WEC / Immagini FIA WEC

Oliver Askew (IndyCar e LMP3 IMSA)
Wayne Boyd (LMP3 ELMS)
Oliver Caldwell (3 podi in F3)

Eddie Cheever III
Austin Cindric (Campione NASCAR XFinity Series)
Franco Colapinto (United Autosport e FRECA)
Ugo de Wilde
David Droux
Phillip Ellis (DTM, vincitore 24h Daytona 2021 in GTD)
Jaxon Evans (legato a Porsche)
Ricardo Feller (Lamborghini)
Felipe Laser (Porsche)
Santino Ferrucci (IndyCar e NASCAR)
Alex Fontana (Lamborghini)
Tommy Foster
Rahel Frey (Iron Dames in ELMS e WEC)
Tom Gamble (LMP3)
Marcos Gomes
Garett Grist
Ayhancan Guven
Valentin Hasse-Clot (Pilota Junior Aston Martin)
Dennis Hauger (Campione di F3 2021)
Jan Heylen (Porsche in IMSA)
Trent Hindman (Lexus in IMSA)
Laurents Hörr (LMP3 in ELMS)
Arthur Leclerc (F3)
Dennis Marschall (ADAC GT Masters)
Charles Milesi (Vincitore Le Mans 2021 in LMP2 con WRT, WEC)
Colin Noble (LMP3)
Patricio O’Ward (3° posto IndyCar 2021)
Alex Palou (Campione IndyCar 2021)
Dylan Pereira (WEC con TF SPort
Alexander Peroni
Jim Pla (GTWC Sprint)
James Pull (GTWC con Audi)
Alessio Rovera (Vincitore Le Mans 2021 GTE-AM, WEC, ELMS, GTWC, IGTC con Ferrari)
Fabio Scherer (WEC con United Autosports)
Aaron Telitz (IMSA con Lexus)
Ryuichiro Tomita (GTWC Sprint Cup)
Richard Verschoor 
Charles Weerts (Campione GTWC Sprint e Overall Europe 2021, factory Audi)
Jeff Westphal
Yifei Ye (LMP2 con WRT)

fia piloti
Yifei ye, tra i protagonisti della stagione LMP2 che si conclude

fia piloti categorizzazione

La FIA in un colpo solo ha promosso praticamente tutti i SuperSilver più importanti del panorama internazionale. Quelli più rilevanti li abbiamo evidenziati in grassetto, e coinvolgono LMP2, GTE-AM e il GTWC, in classe Silver.

Particolarmente colpite United Autosports e WRT in LMP2, che perdono tutti i loro Silver, come Milesi e Ye, così come in GTE-AM i due principali SuperSilver di questa stagione Rovera e Pereira sono promossi. Nel GT World Challenge le nuove classificazioni avranno un impatto relativo: se Weerts era già nella classe Overall, piloti come Tomita, Fontana e Feller non saranno più in SIlver Cup dalla prossima stagione. Anche Rahel Frey è stata promossa a Gold, una delle pochissime donne giunte finora a questa categoria, mentre diversi piloti LMP3 passano nella classe per professionisti.

I due contendenti per il titolo IndyCar di questa stagione, Alex Palou e Pato O’Ward, sono stati classificati Gold, onestamente una sottovalutazione, mentre Oliver Askew potrebbe avere la vita complicata dal nuovo ranking, così come Ollie Caldwell.

Da Bronze a Silver

Non riportiamo la lisa integrale, ma segnaliamo che Rob Wheldon, Martin Hippe, Mattia Pasini, Rory Penttinen, e Rino Mastronardi sono tra i nuovi Silver per il 2022. Hippe è tra i protagonisti della LMP3 in ELMS, mentre Mastronardi è considerato un SuperBronze: un pilota di fatto professionista, ma che ha iniziato molto tardi con le corse. Quest’anno è stato un pilastro per Iron Lynx nell’ELMS, in cui è al primo posto in classifica.

I downgrade: da Maylander a Bertolini fia piloti categorizzazione

Immagini Ferrari / Dopo 3 campionati FIA GT, innumerovoli gare con le Ferrari GT3 e 500 test di F1, l’ormai 50enne Bertolini passa a Gold

Si può anche scendere di grado, ma solo per anzianità: superati i 50 anni si cala di un livello, poi 5 anni dopo di un’altro e infine dopo 60 anni si è Bronze d’ufficio.

Andrea Bertolini e Jeff Gordon sono i due veterani che passano da Platinum a Gold: se il pluricampione NASCAR ha ormai appeso il casco al chiodo, il pluricampione GT1 rimane però in forza alla Ferrari.

Tra i nomi di spicco che passano a Silver troviamo Bernd Maylander, da oltre 20 anni pilota della Safety Car in F1, dopo un passato tra DTM e Endurance. Scendono di categoria anche gli ex di F1 Oliver Panis, Anthony Beltoise e JJ Lehto, nonchè Alex Zanardi.

Il futuro: rivoluzione dal 2023?

fia piloti categorizzazione
Josh Pierson, la nuova recluta di United Autosports per il 2022

 

Come dicevamo, sia l’ACO, che organizza il WEC e la 24 ore di Le Mans, che la SRO, che organizza il GTWC, hanno già annunciato che faranno delle modifiche al ranking FIA per i propri campionati. Stephane Ratel punta ad avere tutti i piloti professionisti in Platinum e Gold, chiudendo il gap dei supersilver una volta per tutte. La FIA, con la mano forzata dai due principali utilizzatori di questo sistema, potrebbe revisionare il sistema in questa direzione per il 2023, come annunciato nell’ultimo World Motorsport Council.

Le conseguenze a breve termine di questa revisione sono invece diverse posizioni aperte in vari campionati per nuovi, giovani piloti: United Autosports punta a superare ogni limite portando il 15enne Josh Pierson, classificato Silver ed ex-F4 e USF2000, nel WEC e alla 24 ore di Le Mans. Sarà il più giovane pilota di sempre a prendere parte alla maratona de La Sarthe.

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

 

Francesco Ghiloni

Studente universitario di Chimica e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.