EnduranceRisultatiWEC

6 Ore di Imola | Sintesi e Risultati: Harakiri Ferrari in Hypercar, trionfa la Toyota #7 in un finale tiratissimo

Vediamo insieme i risultati e la sintesi della 6 Ore di Imola. Una gara emozionante, ma condizionata dall’arrivo della pioggia.

Il giorno della gara è arrivato e le vetture della Ferrari hanno preso il via alla gara dalle prime posizioni in classe Hypercar. Il pubblico è accorso numeroso per osservare da vicino le vetture della casa di Maranello. Una grande festa per tutti dopo la pole di ieri, con i complimenti arrivati anche dal presidente Elkann. Tuttavia, la gara delle Ferrari ha subito una battuta d’arresto con l’arrivo della pioggia, con una strategia estremamente rischiosa in quelle condizioni. Una gara comunque ricca di colpi di scena che hanno animato le 6 Ore di gara a Imola, ripercorriamole insieme nella nostra sintesi e con i risultati finali.

Sintesi Risultati 6 Ore Imola
Avvio di gara complicato oggi alla 6 Ore di Imola – @Jacopo Moretti per F1inGenerale

L’evento centrale del weekend è iniziato come da programma alle 13:56, con i due giri di ricognizione ad aprire la procedura di partenza. Allo spegnimento dei semafori lo schieramento ha visto qualche intoppo all’approccio della curva del Tamburello. Diversi contatti che hanno coinvolto le Hypercar, nello specifico BMW, Isotta Fraschini, Peugeot e Alpine.

Contatti anche nelle retrovie in classe LMGT3, dove la Porsche #91 è stata toccata nel posteriore con una conseguente perdita di aderenza. Una serie di contatti che hanno costretto la direzione gara a neutralizzare subito la gara con una Safety Car. L’azione è poi ripresa in modo agevole, con le Ferrari ancora in testa alla gara. Il gruppo ha poi proseguito compatto nella parte alta di classifica con diverse Hypercar in lotta per le posizioni. Il nuovo BoP sembra aver favorito le Ferrari, ma Toyota e Porsche sono sembrate della partita sin da subito, nonostante alcuni secondi di ritardo da Giovinazzi, in testa con la Ferrari 499P #50.


Leggi anche: 6 Ore di Imola | Aston Martin – Mancinelli: “Vogliamo confermarci anche qui” – ESCLUSIVA


Un errore nella seconda FCY della gara è costato caro a Robert Kubica. Infatti, la direzione gara gli ha assegnato un Drive Trought in pit lane per aver sorpassato sotto regime di FCY. Dopo poco più di un’ora dalla bandiera verde sono iniziati i pit stop, dove le squadre hanno iniziato a mettere in campo le strategie di gara. Cambi gomme, doppi stint e rifornimenti hanno animato l’azione in pit lane.

Dopo due ore di gara la Ferrari #51 con Giovinazzi al volante è ancora in testa e precede la Porsche #5 e la Toyota #7 con circa 20 secondi di vantaggio. Leggermente attardata la #50, che dopo il secondo pit stop (solo carburante), si trova a quasi un giro di distacco dalla gemella in testa. In classe LMGT3, con 4 ore al termine c’è la Ferrari 296 GT3 #54 in testa, seguita dalla Porsche #92. Dopo il giro di pit stop, in classe LMGT3 c’è una bella lotta per la seconda posizione tra la #54 e la M4 GT3 #46 con Valentino Rossi alla guida.

Imola fotogallery qualifiche Porsche Penske Jota
@Jacopo Moretti per F1inGenerale

Verso la conclusione della terza ora riprende la danza dei pit stop, iniziano le Ferrari #83 e #50. Nella prima è uscito Kubica dopo una prima parte di gara molto buona, peccato per l’errore sotto FCY. Per la #50, c’è stato anche un cambio pilota, con Molina che ha preso il posto di Nielsen assieme a un rifornimento della 499P. Il giro successivo è toccato alla #51, cambio pilota e cambio gomme per la vettura in testa, con Calado che ha preso il posto di Giovinazzi. Dopo il giro di pit stop la situazione di gara vede ancora al comando le due Ferrari, seguite dalla Toyota #7, con De Vries al volante.


Leggi anche: 6 Ore di Imola – Le immagini delle Qualifiche dalla pista – FOTOGALLERY


In GT3, alla conclusione della terza ora di gara, la classifica vede ancora al comando la #92 di Manthey Racing. La prestazione della 911 GT3.R sembra irraggiungibile per la Ferrari 296 GT3 #53 del team Vista AF Corse che occupa la seconda piazza. Situazione ribaltata al termine della quarta ora. L’arrivo della pioggia e alcuni detriti in pista hanno costretto l’ingresso della SC. La classifica vede al comando la Toyota #7 con Kobayashi, seguito da Molina sulla 499P #50, Campbell su Porsche #5 e Calado sulla #51.

Trionfo Toyota #7 alla 6 Ore di Imola – @Jacopo Moretti per F1inGenerale

Pochi istanti dopo, alla ripartenza dopo SC, la #7 è entrata subito in difficoltà con la pioggia che ha creato uno strato di viscido sulla pista. Le due Ferrari ufficiali hanno scelto la strada del rischio rimanendo in pista con le gomme da asciutto che rendono ancora più complessa la guida in condizioni di misto asciutto bagnato. Dopo diversi giri con il fiato sospeso, la Ferrari si è uniformata agli altri scegliendo le gomme da bagnato. Una scelta che potrebbe aver compromesso la gara con sole due ore al termine.

Sintesi Risultati 6 Ore Imola

Al termine della quinta ora, le speranze di vittoria per la Ferrari sono sempre minori. Il passo gara con le gomme Wet non è dei migliori e il distacco accumulato dalla testa è troppo ampio per essere recuperato. Toyota, in testa con la #7, ha scelto la strada più sicura e dopo essersi presa la testa ha differenziato la strategia tra le due LMH. La #8 è entrata ai box, con la squadra che ha tentata l’azzardo delle gomme slick in una pista dove continuava a crearsi una traiettoria asciutta. La classifica vede, al termine della quinta ora, la Toyota #7 in testa, seguita dalle Porsche #6 e #5. Nella stessa frazione di tempo, in classe GT3, guida la classifica la BMW #31 con Farfus alla guida, seguita dalla #46. Chiude il podio virtuale la Porsche #92.

Doppietta BMW in classe LMGT3, con la #31 a precedere la #46

Finale tiratissimo tra la Porsche #6 e la Toyota #7, con la 963 che è negli scarichi della GR010. Il passo di Estre è nettamente superiore, ma le condizioni rendono complesso ogni tentativo di sorpasso. Tuttavia, Kobayashi sembra aver tenuto gestito nelle fasi precedenti, riuscendo a difendersi molto abilmente dagli assalti della #6. Nonostante i continui attacchi, la Toyota #7 vince la 6 Ore di Imola. Boccone dolce amaro per la Ferrari che con la #50 chiude in quarta posizione. Grande doppietta per BMW in GT3, con la #31 a precedere la #46.

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.