EnduranceWEC

WEC | 6 ore di Portimao – Pregliasco: “Non una genialata il divieto di termocoperte”

Il Team Manager di Ferrari AF Corse Batti Pregliasco fa il punto della situazione prima della 6 ore di Portimao: sviluppo della 499P, strategia, e il divieto di termocoperte nel WEC

Ex-pilota GT a cavallo tra gli anni ’80 e l’inizio degli anni 2000, Batti (Battistino) Pregliasco è da anni il Team Manager di AF Corse, ruolo che ricopre anche quest’anno con l’ingresso di Ferrari in Hypercar, e durante l’incontro con la squadra nell’Hospitality Ferrari WEC della 6 ore di Portimao ha avuto modo di rispondere a molte domande dei giornalisti presenti.

La situazione dopo Sebring, e come colmare il gap:

“Una gara alle spalle e un programma di test bello pesante, un impegno grosso per Ferrari su questa macchina che è stata fatta in poco tempo rispetto ai nostri avversari. Molto bene Sebring, perché comunque arrivare là e fare la pole position e tempi di rilievo e sopratutto una costanza durante la gara importante, [è] molto positivo. Chiaro, abbiamo visto dove abbiamo delle lacune, dei problemini dove possiamo migliorare e c’è il programma di sviluppo da mandare avanti.

Ovvio, ci aspettavamo che Toyota fosse forte, che gli altri fossero competitivi, alla fine abbiamo visto che Cadillac è risalita ed era vicina. A parte i primi sbagli che hanno fatto poi si sono mostrati consistenti a fine gara.

È chiaro che dobbiamo imparare da Toyota, colmare qualche lacuna e… si lavora! Bisogna essere onesti, consapevoli […] dei propri limiti, ma anche delle proprie potenzialità, perché se comunque se siamo già qui vuol dire che le credenziali ci sono, non ci sono grossi problemi e si tratta di capire in quali settori lavorare di più e crescere.

Ferrari 499P 6 ore di portimao WEC 2023 qualifiche
Immagini Ferrari Press

L’importanza della strategia nel WEC Ferrari Pregliasco

Parlando invece di quanto le prestazioni siano determinate dalla vettura o dal rodaggio di tutta la squadra attorno, Pregliasco ha affermato:

È molto difficile dirlo, perché [sono collegate]. Anche da pilota, se tu arrivi al momento in cui hai un’affidabilità della macchina, una stabilità di alcuni parametri, dopo lavori sugli altri per aumentare la performance. […] di picco.

Il problema è lavorare per avere una performance, una costanza che ti permette di lavorare su certe strategie. Perché se tu non hai la consistenza nel giro e nell’usura delle gomme… poi da lì puoi fare le strategie. Nelle gare sprint puoi dire, ho la performance, ho la gomma, faccio il risultato se il pilota non fa errori. Qua devi avere tanti parametri che funzionano, che si intrecciano, e dopodiché scegli le strategie per farle funzionare.”


Leggi anche:

WEC | 6 Ore di Portimao – Miguel Molina fiducioso sulla 499P: “Il focus era l’affidabilità, ora lavoriamo per raggiungere le Toyota”

WEC | 6 Ore di Portimao – Giovinazzi si racconta: “Le differenze tra WEC e F1”


Alla domanda sul programma di sviluppo, il Team Manager di Ferrari AF Corse ha affermato che sono in programma dei test per Le Mans.

“[…] Abbiamo in programma dei test, ci saranno delle cose da mettere a punto per Le Mans. Non sono ferrato nella tecnica, ma puoi avere 1000 cavalli, ma se poi non li metti a terra perchè il traction control, o perchè la pressione e il camber imposto non te lo permette […] È tutto insieme: si tratta di lavorare, di fare dei test, di preparare.

La mancanza delle termocoperte per il 2023: “un problema per tutti”

Una delle principali novità della stagione 2023 del WEC è il divieto di termocoperte o altri sistemi di riscaldamento delle gomme (nel WEC generalmente gli armadi termici). Questa novità è stata voluta per eliminare l’inquinamento degli armadi, che impiegavano generatori diesel nel paddock, e ha richiesto nuove mescole dedicate da parte di Michelin.

La mancanza delle termocoperte è un problema per tutti, ti posso dire che a questi livelli qua è… ok, siamo tutti green, consapevoli di queste problematiche, ma uscire qua con il freddo di ieri o stamani, o a Spa la settimana prossima a me fa paura. Fa paura e quindi onestamente non lo trovo una genialata.

Se fosse una gara sprint in cui tutti escono insieme nello stesso momento ok, ma [qui] se io esco con il concorrente a piena regime e io con le gomme fredde, la differenza di velocità è enorme, e sopratutto hai le diverse categorie, e quindi ti trovi il GT guidato dal Pro con le gomme calde, e tu che stacchi 100 metri prima con le gomme fredde. Anche per loro è difficile capire che non fai la solita staccata. È problematica, è pericolosa, abbiamo anche gli amatori in pista […], ci saranno più red flag, più full course yellow, e questo complica la gara.

Ferrari 499P 6 ore di portimao WEC 2023 qualifiche
Immagini Ferrari Media Site

Copertina: Ferrari Media Site

 

Rimani aggiornato su tutte le notizie dal mondo Endurance e GT seguendoci sul canale Telegram dedicato.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter