ESCLUSIVA | Paure e speranze dei giovanissimi alla 24 Ore di Le Mans

Il round italiano della European Le Mans Series ha visto trionfare, nelle classi LMP2 e LMGTE, due giovani promesse del motorsport: Job Van Uitert e Matteo Cairoli. Vedremo presto i due talenti di nuovo in pista, in uno degli eventi di maggior spicco nel mondo delle corse: la 24 Ore di Le Mans. Abbiamo chiesto a entrambi cosa si aspettano dall’ultimo appuntamento della stagione WEC. Esclusiva 24 ore di Le mans

Photo Credits: Fabrizio Boldoni/RaceFrame per F1ingenerale

“La nostra è una scommessa” Esclusiva 24 ore di Le Mans

Job Van Uitert, olandese classe 1998, è campione ELMS uscente nella classe LMP3. Esordisce proprio quest’anno in LMP2 con G-Drive, garantendosi un posto in uno dei team più competitivi della categoria. Conquista a Monza la sua prima vittoria in LMP2, grazie a un impressionante mid-stint in cui ha amministrato e costruito il vantaggio che ha portato la squadra alla vittoria. L’esordio a Le Mans, per lui, è una sfida alla sua portata.

“La 24 Ore di Le Mans è un terno al lotto, una scommessa. Ti serve la macchina migliore, i piloti migliori, la squadra migliore e la strategia migliore, e anche così i risultati non sono garantiti senza una dose di fortuna. Ognuno deve dare il meglio di sé, e se ogni cosa è fatta al meglio delle proprie capacità si hanno buone speranze. La mia prima vittoria in LMP2 è stata importante ed emozionante, e ho piena fiducia nei miei compagni di squadra e nel loro supporto.”

“Per me è un sogno”

Il comasco Matteo Cairoli, classe 1996, non è un nuovo volto sulla griglia di La Sartre. Pur avendo già partecipato alla gara al volante della #88 Dempsey-Proton, non ha mai visto la bandiera a scacchi a causa di un cedimento delle sospensioni. Il suo ritorno a Le Mans ha quindi il sapore della redenzione e della speranza.

“Per quanto mi riguarda, la 24 Ore di Le Mans è semplicemente un sogno. La vettura che guido quest’anno è un razzo, e il team sta facendo un lavoro eccezionale. Non penserò ad altro, se non a godermi ogni singolo giro con questa macchina, questa squadra e questi compagni.”

ESCLUSIVA | È giusto penalizzare chi vince? Lo abbiamo chiesto ai piloti


Condividi

Classe 1997, appassionata di motori sin da bambina. Studio Giurisprudenza e nel tempo libero commento e analizzo Formula 1, Formula E e WEC sul blog Instagram @theracingchick.

Disqus Comments Loading...

Articoli Recenti

F1| Hamilton e Senna: quella coppia impossibile

Esistono sport, si sa, in cui è difficile poter confrontare due grandi nomi che ne hanno fatto la storia in…

7 ore fa

Hamilton e Vergne: quando essere è più importante che vincere

Ispirandosi a Lewis Hamilton, il campione in carica di Formula E Jean-Eric Vergne afferma di voler sensibilizzare le masse sui…

8 ore fa

MotoGP | GP Giappone – 2° posto per il rookie dell’anno Quartararo: “Stagione migliore del previsto”

Al GP in Giappone Quartararo ha dimostrato ancora una volta di saper sfruttare bene le partenze e si è infilato…

10 ore fa

MotoGP | GP Giappone – Dovizioso sul momento complicato della Ducati: “C’ho provato fino alla fine, ma facciamo tanta fatica”

Andrea Dovizioso conclude il gran premio del Giappone sul gradino più basso del podio, conquistando un terzo posto durante uno…

10 ore fa

F1 | Orari del Week End: GP Messico 2019 – Anteprima e orari TV su Sky e TV8

Ecco tutti gli orari del diciottesimo appuntamento del mondiale F1 2019. F1 Orari TV GP Messico 2019 formula 1 orari…

12 ore fa

Formula E | L’analisi grafica dei test di Valencia

Andando ad analizzare la sessione dei test di Valencia della Formula E, emergono dei dati interessanti. Nissan, Mahindra e Virgin…

13 ore fa

Questo sito si serve dei cookie di per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico.