Esclusiva, Sebastien Buemi: “Spero di ottenere un buon risultato a Berna”

Sebastien Buemi ha ottenuto il primo podio della stagione a Berlino. F1inGenerale lo ha intervistato al termine del 10° round di Formula E.

Sebastien Buemi Formula E
Sebastien Buemi, Credit: Nissan e.dams

Berlino è un posto speciale per te. Sei l’unico pilota ad aver vinto 2 volte, sia a Tempelhof che ad Alexanderplatz. Oggi hai ottenuto la tua seconda pole il tuo primo podio della stagione. Puoi raccontarci come è andata?

È stata una grande lotta con gli altri malgrado i problemi di efficienza che ho accusato. E per questo, in generale, direi che è stato difficile tenere Di Grassi dietro ma alla fine sono contento di aver ottenuto punti importanti. Non vedo l’ora di andare a Berna e cercare di replicare un’altra grande gara e portare a casa un’altra buona prestazione. Sebastien Buemi Formula E

Sebastien in questo weekend per la prima volta in Formula E le prove libere si sono svolte il venerdì mentre la qualifica e la gara il sabato. Come giudichi questo nuovo format? È stato un problema per te come pilota?

Ad essere onesto io preferisco questa soluzione. So che non può essere così in futuro, per non creare troppi disagi, ma questo weekend me la sono goduta. In genere sembra che sia un pò troppo condensato e sono contento di come è andata.

In questa stagione il team Nissan ha dimostrato di essere molto competitivo ma a volte sfortunato. Nelle gare europee siete il secondo team ad aver ottenuto più punti dopo DS Techeetah. Cosa vi aspettate dalle restanti 3 gare della stagione?

Bisogna migliorare sul passo gara perchè è lì che abbiamo i maggiori problemi con la gestione dell’energia. Le 3 pole di Oliver (Rowland ndr) e le mie 2 dimostrano che sul giro singolo siamo molto veloci. Io mi auguro che riusciremo ad ottenere buoni punti e di essere in grado di lottare per la vittoria a Berna, nella mia gara di casa, perchè lì voglio fare realmente bene. Sebastien Buemi Formula E

Seguici anche su Telegram

Esclusiva Formula E, Stoffel Vandoorne: “È stato bello lottare con i primi”