F1 | Abiteboul avverte: “Con il budget cap anche i team minori saranno una minaccia”

Per Abiteboul, team principal della Renault, il budget cap modificherà le dinamiche all’interno del Circus. Secondo il francese, infatti, nel 2022 il divario tra le scuderie diminuirà sensibilmente tanto che anche i team minori potrebbero rivelarsi avversari pericolosi per gli attuali top team.

Abiteboul budget cap
Fonte: www.grandprix247.com

La riduzione del budget cap in F1 ha rappresentato per molti team una benedizione, un aiuto che, secondo Abiteboul, porterà anche a modificare alcune dinamiche nel Circus. Il budget cap, infatti, altro non è che la quantità massima di denaro che ogni scuderia può spendere.

Una strategia, questa, che porta inevitabilmente a ridurre il divario economico tra i vari team ed aiuta le scuderie in difficoltà. Ed è proprio in questo modo che la FIA è riuscita a salvare anche i team minori dalla crisi economica aggravata dal Covid-19.

Secondo l’attuale team principal della Renault, però, il budget cap modificherà anche il rapporto tra top team e scuderie minori. Attualmente, infatti, molte squadre acquistano parti delle vetture da team più ricchi.

Proprio per questo motivo non è difficile vedere in griglia monoposto fin troppo simili. Un esempio su tutti è il caso della Racing Point straordinariamente somigliante alla Mercedes o della Haas accusata di assomigliare troppo alla Ferrari.


Secondo Abiteboul, però, la storia cambierà nel 2022 quando oltre alle modifiche che apporterà la riduzione del budget cap arriverà il nuovo regolamento. “La riduzione del budget cap diminuirà le differenze tra i team. Quindi se per esempio adesso la Mercedes non ha problemi ad aiutare la Racing Point ad essere più competitiva, sono curioso di vedere se farà lo stesso nel 2022” ha spiegato Abiteboul a Motorsport.com.

“Il divario che c’è tra i vari team, infatti, dovrebbe diminuire e questo sarà un pericolo per le scuderie più ricche. Diciamo che se adesso i team minori non sono abbastanza competitivi da creare problemi, in futuro qualunque scuderia potrebbe essere un potenziale avversario da battere. Ovviamente in tutto questo chi ci guadagnerà sono i fan che avranno la possibilità di vedere una bella lotta” ha concluso il capo della scuderia francese.

Seguici su Telegram, FacebookInstagramTwitter.

F1inPodcast | Nuove piste e pronostici azzardati