F1 | GP Stiria – Aerodinamica Red Bull: nuovo diffusore

Novità aerodinamica in casa Red Bull per i weekend casalinghi. La scuderia austriaca, infatti, ha portato un nuovo diffusore zigrinato.

L’aerodinamica Red Bull negli ultimi anni è sempre stata, nel complesso, un punto di riferimento. Nella stagione 2021, però, Red Bull ha fatto enormi passi avanti anche grazie ad Honda, tornando ad essere la macchina di punta. Per il GP di Stiria, i tecnici di Milton Keynes hanno portato un nuovo diffusore. Segno che lo sviluppo non viene fermato ma, anzi, continua a dare i suoi frutti in pista ad ogni weekend di gara. Questo è sicuramente un segno positivo per Max Verstappen, mostra come il suo team vuole sfruttare al meglio l’occasione per vincere i titoli iridati.

Diffusore Red Bull – Credits: Mark Sutton

Novità per i weekend casalinghi

La scuderia austriaca, nel GP di casa porta in pista un nuovo diffusore. Nel dettaglio, le novità si notano nel secondo e nel terzo flap dell’estrattore. Infatti, presentano delle zigrinature, dimostrazione di quanto i tecnici puntino a sviluppare anche la micro-aerodinamica delle auto. I vantaggi di questa soluzione non incidono sulle condizioni aerodinamiche generali della macchina. Tuttavia, sono degli interventi mirati per aumentarne l’efficienza. L’aerodinamica Red Bull negli anni si è sempre contraddistinta per avere delle soluzioni innovative. Infatti, anche quest’anno, la RB16B si dimostra in tutti i circuiti una tra le vetture più efficienti della griglia 2021.


Leggi anche: Novità in Aston Martin: arriva Dan Fallows dalla Red Bull


Zoom sul nuovo diffusore Red Bull – Credits: Mark Sutton

Possibili vantaggi

Dalla seconda immagine possiamo apprezzare in maniera più dettagliata il lavoro dei tecnici Red Bull. Il diffusore, così come il fondo, generano la quantità maggiore di carico aerodinamico. Per questo motivo, infatti, le scuderie cercano di nasconderne i dettagli. Il nuovo estrattore, ha un’influenza sul fluido che esce dal sottoscocca e che andrà ad interessare l’ala posteriore ed il retrotreno della macchina. L’interazione tra il diffusore e l’ala è fondamentale per garantire un corretto funzionamento aerodinamico della vettura. Con queste zigriniture, probabilmente, si vuole energizzare maggiormente l’aria in uscita per far si che il flusso dietro la vettura non sia ad una pressione troppo bassa. Il ruolo del diffusore, infatti, è proprio quello di portare l’aria presente sotto al fondo alla stessa pressione dell’aria indisturbata. Altrimenti, se la pressione in uscita fosse eccessivamente bassa, si avrebbe una componente di resistenza all’avanzamento eccessiva. La nuova soluzione risulta sicuramente molto interessante, però, è difficile credere che possa avere enormi vantaggi rispetto ad un diffusore senza zigrinature. Quel che è certo, è che l’efficienza aerodinamica della vettura, in particolare del retrotreno, sia aumentata.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter