F1 | Allarme Eau Rouge – Hamilton: “L’asfalto è molto sconnesso, c’è un dosso!”

Hamilton sostiene che l’asfalto all’Eau Rouge sia sconnesso a causa della pioggia caduta nelle ultime ore ma é convinto che sistemeranno il tutto per domani.

HAMILTON
2021 Hungarian Grand Prix, Thursday – Steve Etherington

Non è la prima volta che Hamilton si lamenta delle sconnessioni presenti sul manto di asfalto dei circuiti su cui gareggia. In passato proprio nella sua Silverstone ha denunciato lo stesso problema.

Ai microfoni di Sky Sport F1 ha dichiarato: “E’ stata una giornata discreta. C’è un po’ buio, fa freddo per essere agosto, sembra di stare in Inghiterra. Oggi non abbiamo avuto molte indicazioni. Non ho sentito tanto la macchina, domani sarà fondamentale per l’assetto giusto”.

E’ una sfida importante, è un circuito difficile per il bilanciamento. Se guadagniamo in un punto, perdiamo in un altro”, ha asserito l’inglese”.

Hamilton, inoltre, e’ stato molto critico sulle condizioni del manto stradale: “L’asfalto è molto sconnesso alla Eau Rouge, è rovinato. Devono sistemare qualcosa, probabilmente è stata la pioggia. Sono sicuro che lo faranno in tempo per domani“.

Nello specifico il pilota si é lamentato della presenza di un dosso: “Sta succedendo qualcosa. Credo l’abbiano un po’ rovinato, qualunque cosa abbiano fatto. Non so se si tratta di una nuova striscia d’asfalto, ma ora in quel punto c’è un dosso enorme ed è proprio nel punto di compressione. Non c’è mai stato prima“.

E’ davvero un punto in cui il colpo si sente in tutto il corpo. Lo senti nella parte posteriore, ma sono certo che lo sistemeranno. Penso che abbia qualcosa a che fare con gli smottamenti che ci sono stati di recente. Con la pioggia o qualcosa di simile“, ha concluso.


Leggi anche:
La pioggia tormenta Spa-Francorchamps e la pista si allaga: l’Eau Rouge inondata [FOTO e VIDEO]


Insomma, la problematica enunciata da Hamilton nelle ultime ore non sembra essere di poco conto in particolare se si pensa che la pioggia, attesa nel corso del weekend di gara, renderà l’asfalto umido e particolarmente insidioso.

Considerando anche quanto ha dichiarato Aikten, pilota di F2, nei giorni scorsi: “La distanza dal centro dell’Eau Rouge alla barriera di sinistra non è abbastanza grande, non hai il tempo di rallentare”.

Il pilota, infatti, é stato protagonista di un incidente dopo che ha urtato contro le barriere ed è rimbalzato in mezzo alla pista prima di essere colpito da altre vetture. Ció è servito proprio a riaccendere il dibattito sulla sicurezza della curva.

Tra l’altro, oggi si e’ verificato ancora un brutto incidente all’Eau Rouge. Due piloti sono ricoverati in ospedale dopo un violento crash di sei vetture nelle qualifiche del round di Spa della W Series.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Aitken: “La distanza delle barriere all’Eau Rouge non è abbastanza, non hai il tempo di rallentare”

 

 

Giuseppe Cinotti

Autore per F1ingenerale.com. E’ appassionato di Formula 1 fin da bambino. Ama questo sport perchè è il suo sogno da sempre. Ama il rumore assordante, l'odore della pista, l'attesa, la tensione, le macchine che scattano impazzite, il brivido, la strada che corre veloce, i sorpassi, la paura di sbagliare, il coraggio, il superare se stessi. Il suo motto: "Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere" cit. Enzo Ferrari.