F1 | Allungata la zona DRS sul rettilineo principale di Imola per favorire i sorpassi

Le zone di rilevamento e attivazione del DRS a Imola sono state entrambe leggermente modificate. Dopo le critiche dello scorso anno dovute ai pochi sorpassi sul circuito, infatti, FIA ha deciso di fare qualche modifica.

DRS Imola
credits: Circuito Enzo e Dino Ferrari

Le zone di rilevamento e attivazione DRS del Circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola hanno subito modifiche. Questo perchè una delle maggiori preoccupazioni riguardo lo storico autodromo è che la pista non sia abbastanza larga per i sorpassi. La gara del 2020 ha visto pochi sorpassi. I piloti hanno potuto usare una sola zona DRS in pista per effettuare questi ultimi. La mancanza di ciò si è resa evidente quando Daniil Kvyat di AlphaTauri non è riuscito a superare la Renault di Daniel Ricciardo, nonostante fosse su una macchina più veloce.

Ci saranno alcuni piccoli aggiustamenti alla zona DRS per la gara 2021. Dopo aver analizzato le preoccupazioni per il mancato sorpasso in pista, le autorità del Gran Premio di Imola hanno deciso di fare delle modifiche. Ci sarà ancora una sola zona per il rilevamento e l’attivazione del DRS, entrambe alla fine del giro, ma regolate per consentire ai piloti di aprire quest’ultimo prima del traguardo.


Leggi anche:

F1 | Torna la Safety Car rossa nel weekend di Imola [FOTO]


Il punto di rilevamento DRS è arretrato da 40 metri dopo la curva 18, dove le auto si dirigono verso la linea di partenza / arrivo, a 20 metri prima della curva 17. Anche la zona di attivazione del DRS risulta arretrata: dal traguardo, fino a 60 metri prima della curva 19. Le auto che attivano il DRS prima del traguardo avranno un vantaggio all’inizio della curva 1, fino alla zona di frenata  delle curve 2 e 3.

Spostando indietro la zona di attivazione DRS, si estende quest’ultima. Facendo così, si spera di facilitare il sorpasso dopo una relativa mancanza di azioni in pista durante la gara disputata nel 2020.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.