F1 | AlphaTauri: 2020 da ricordare, non solo per la vittoria di Gasly a Monza

La stagione 2020 di AlphaTauri è stata un continuo crescendo, culminato con la vittoria di Pierre Gasly a Monza.

AlphaTauri Bahrain venerdì
Fonte foto: AlphaTauri

Il 2020 è stato un continuo crescendo in Formula Uno, da ogni punto di vista, così come per la Scuderia AlphaTauri. Il team di Faenza, il cui nome è passato da Toro Rosso ad AlphaTauri proprio quest’anno, ci ha messo anima e cuore in quest’anomala ed imprevedibile stagione, e i risultati lo confermano. Con Pierre Gasly e Daniil Kvyat, l’AlphaTauri ha infatti concluso il campionato piazzandosi al settimo posto nel Mondiale Costruttori con un totale di 107 punti. Ma soprattutto, AlphaTauri è riuscita a chiudere 15 gare sulle 17 disputate in Top 10. Un ottimo risultato per il team italiano, evidente segno della costanza con cui AlphaTauri ha lavorato per l’intera stagione. Se si pensa poi che un anno fa la stagione 2019 si chiudeva con soli 85 punti in 21 gare per l’allora Toro Rosso, la crescita vissuta dall’AlphaTauri nel 2020 risulta ancora più evidente.

La vittoria di Gasly a Monza: indimenticabile!

Impossibile dimenticare, poi, la vittoria di Pierre Gasly a Monza: in occasione di un GP d’Italia insolito per l’assenza della “marea rossa”, l’AlphaTauri ha fatto risuonare l’inno di Mameli regalando un momento davvero emozionante all’Italia e al mondo intero. Grazie ad una gara perfetta ed imprevedibile, Gasly ha infatti ottenuto la sua prima vittoria in F1, riportando sul gradino più alto del podio l’AlphaTauri. Una vittoria resa ancora più magica dal ricordo di quella ottenuta nel lontano 2008 sempre a Monza, quando un giovane Sebastian Vettel vinceva proprio con la Toro Rosso. Una vittoria indimenticabile, quella ottenuta da Gasly e AlphaTauri a Monza, che corona dunque una stagione di per sé caratterizzata da una crescita costante della AT01. Oltre ad essere stata votata come la più bella in pista per la stagione 2020, la monoposto ha infatti dimostrato di essere anche competitiva, dando grande soddisfazione al team di Faenza.


Gasly e Kvyat, chi ha vissuto la stagione migliore in AlphaTauri?

17 gare, 17 occasioni in cui Pierre Gasly e Daniil Kvyat hanno potuto darsi battaglia per aggiudicarsi la prestazione migliore in AlphaTauri. Secondo le statistiche finali, Gasly ha battuto il compagno di squadra sia in qualifica (ottenendo un miglior risultato in ben 13 occasioni) che in gara, in cui i due piloti sono comunque arrivati “testa a testa”: 9 migliori risultati per Gasly, 8 per Kvyat. Per quanto riguarda i punti, Gasly ha chiuso la stagione con 75 punti al 10° posto, mentre Kvyat ha concluso in 14^ posizione ma con soli 32 punti. Per quanto riguarda il miglior risultato in qualifica, anche in questo caso Gasly batte Kvyat con una 4^ posizione, mentre  il russo è riuscito a scattare dalla 6^ posizione. Infine, Gasly si aggiudica il miglior risultato in gara con la vittoria a Monza, mentre il miglior piazzamento di Kvyat è una 4^ posizione.

AlphaTauri, voto di fine stagione 2020: 8

Con soli 5 ritiri (3 di Gasly e 2 di Kvyat) e la vittoria del GP di Monza, la Scuderia AlphaTauri ha confermato di essere in piena crescita, e di aver vissuto un anno di pieno sviluppo. Ciò le ha permesso di piazzarsi sempre bene e di finire in zona punti almeno con un pilota, eccetto che in due occasioni. Ecco perché al team di Faenza, che si può definire “l’orgoglio italiano riscoperto della stagione 2020“, si può dare un 8 pieno come voto di fine stagione. Nella speranza che, sulla scia positiva di quest’anno, anche nel 2021 l’AlphaTauri torni a far sognare i suoi tifosi con la sua costanza e la sua tenacia.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | Domenicali: “Leclerc potrebbe lasciare la Ferrari se il team non migliora”