F1 | Alpine: ecco l’upgrade al telaio di Fernando Alonso, pronto per Imola

Dopo la deludente performance del Bahrain, l’Alpine prova a rialzare la testa, portando un pacchetto di miglioramenti per il telaio di Alonso già dal prossimo appuntamento ad Imola.

alpine cofano motore

Dopo la deludente performance del Bahrain, l’Alpine prova a rialzare la testa, portando un pacchetto di miglioramenti per il telaio di Alonso già dal prossimo appuntamento ad Imola.

L’inizio di stagione non è andato come sperato per Fernando Alonso, costretto al ritiro per una carta incastrata nelle prese d’aria. Tornati dal Bahrain quindi, l’Alpine si è subito messa al lavoro, sviluppando un upgrade del telaio dello spagnolo, che verrà presentato già ad Imola.

Dopo le preoccupazioni espresse da Esteban Ocon, l’Alpine sa di dover tirare fuori il massimo dalla vettura per avere qualche chance di segnare punti. Il direttore esecutivo del team, Marcin Budkowski, ha già individuato qual è l’area della monoposto su cui focalizzarsi, ovvero la parte posteriore. Seguendo anche le nuove regolamentazioni introdotte per il 2021 quindi, è lì che il nuovo pacchetto cercherà di portare miglioramenti. 

“La parte inferiore della macchina e l’area del diffusore sono zone modificate dai regolamenti e per questo sono aree di sviluppo al momento”, ha spiegato Budkowski.

“Abbiamo svolto un po’ di lavoro su queste aree durante i test e nella prima gara in Bahrain e senza dubbio continueremo anche nelle prossime gare, come faranno anche tutti gli altri”.

Abbiamo un pacchetto di upgrade abbastanza buono in arrivo per Imola, con alcune nuove parti e maggiori prestazioni della macchina. in generale poi, nelle prime gare della stagione, avremo alcune novità in arrivo”.

Alpine preoccupata

Budkowski ha proseguito ammettendo che il team francese “si è un po’ spaventato” durante i test prestagionali, poiché notevolmente indebolito dalle temperature elevate della pista.

“Abbiamo un po’ di compiti a casa per capire perché siamo apparentemente meno competitivi nelle sessioni più calde rispetto a quelle serali”, ha detto. “Che non credo sarà un problema a Imola o in Portogallo, ma potrebbe diventarlo nei mesi estivi”.

“Eravamo abbastanza soddisfatti della macchina nei test prestagionali, ma è giusto dire che siamo meno soddisfatti della macchina nelle sessioni più calde. La prima e la terza sessione di prove libere sono state le più difficili, siamo tornati a un livello più competitivo nelle sessioni successive”.

“La temperatura è stata piuttosto estrema, faceva più caldo che durante il test. Verso l’inizio delle terze libere la temperatura era di 38 gradi ed in pista di 47, quindi molto più calda di quanto non fosse due settimane fa durante i test”.

Il team francese sperava di riprendere da dove aveva interrotto l’anno scorso, nel mezzo della lotta per il terzo posto. Purtroppo, però, l’inizio di stagione è stato una doccia fredda, che ha confermato la necessità di sviluppi sull’attuale monoposto, per poter tornare ad essere competitivi.

“Ci mancano ancora due o tre decimi per combattere effettivamente con le persone con cui miravamo a combattere”, ha concluso Budkowski.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | Wolff imbestialito: “Zak Brown e Christian Horner dicono solo str**zate”

 

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.