F1 | Analisi aerodinamica GP Francia 2018

Eccoci ritrovati con il nostro appuntamento per analizzare, questa settimana, le novità portate dai team per il circuito del Paul Ricard.

Mercedes: i “grigi” hanno aperto due fori sulla parte frontale della scocca, che fungono da aria condizionata nell’abitacolo del pilota.

Inoltre, per ovviare al caldo, sono stati aperti degli sfoghi nella zona laterale alla testa del pilota ed è stato riproposto il cofano-motore con lo sfogo nella parte alta.

Hanno fatto la loro comparsa anche dei nuovi specchietti, più allungati verso l’esterno, probabilmente per migliorare la visibilità.

Ti piacerebbe scrivere news o approfondimenti sulla F1, MotoGP o qualsiasi altra categoria motoristica?
F1inGenerale è alla ricerca di nuovi editori. Clicca qui per info

Ferrari

Da Maranello sono arrivati due aggiornamenti importanti; una nuova ala anteriore, che presenta allungata a tutta la base la prima feritoia, che all’inizio era molto piccola (15 cm all’incirca), sono stati modificati di forma gli ultimi flap nella zona in cui c’è il passaggio dal rosso della livrea al carbonio nudo e le pinne sulla zona interna della paratia laterale, hanno cambiato forma. Dunque la Ferrari continua il lavoro di affinamento aerodinamico, cercando di avere più efficienza possibile, senza rinunciare al carico aerodinamico generato dalle ali.

Il secondo aggiornamento riguarda la parte iniziale del fondo, dove sono state modificate le pinne, per migliorare il passaggio dei flussi inferiori della vettura.

McLaren

La monoposto di Woking si è presentata con delle lunghe alette nella zona finale del cofano-motore, che servono a stabilizzare e pulire i flussi che investono le pance.

Ph. A.Fabrega
Sauber

La scuderia elvetica ha modificato gli sfoghi sul cockpit per ovviare al caldo, ha modificato la zona inferiore del fondo, cercando di ottenere maggior pulizia dei flussi che passano sotto al fondo ed arrivano al diffusore.

Force India

Sulla “pantera rosa” sono apparse (una per lato) delle alette rovesciate nella zona laterale della scocca, esattamente dietro i bargebords. Lo scopo è quello di direzionare i flussi verso la parte bassa delle pance.

Ph. A.Fabrega

Haas: nuova t-wing sulla VF-18, che ora ha una forma più rettilinea, leggermente svergolata verso l’alto agli estremi.

Ph. A.Fabrega

Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo.  Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo.

F1 | Analisi aerodinamica GP Francia 2018
Lascia un voto