F1 | Analisi passo gara FP2 GP Belgio: è sempre Mercedes-Verstappen. Tracollo Ferrari

Le simulazioni di passo gara delle FP2 del GP del Belgio confermano la lotta tra Mercedes e Verstappen. Crollano entrambe le Ferrari, fanalino di coda

passo fp2 belgio
Nel grafico, la simulazione di passo gara effettuate nelle FP2 del GP del Belgio

Il secondo turno di prove libere sul circuito di Spa-Francorchamps ha visto svettare Max Verstappen (1:43.744), davanti a un sorprendente Daniel Ricciardo (+0.048) e Lewis Hamilton (+0.096). Solo 15° Charles Lerclerc (+1.696) e 17° Sebastian Vettel (+1.939). Come di consueto, al termine delle simulazione di qualifica, i team hanno provato in queste FP2 il passo gara delle proprie monoposto in vista del Gran Premio di domenica.

Non sorprendono ormai le due Mercedes, davanti al resto del gruppo, con il solo Verstappen a reggere il confronto. Bene Albon, Perez e Stroll, che sembrano giocarsi la quarta piazza. Pessime le Ferrari, in fondo al gruppo, che pagano la scelta aerodinamica adottata per il circuito belga.

I tempi segnati dai vari piloti nella simulazione di passo gara

Per la vittoria ci sono sempre loro: Hamilton, Bottas e Verstappen

Hamilton e Verstappen provano la soft per il loro primo stint (solo un giro per il britannico, a causa della bandiera rossa e della VSC), media per Bottas. Tutti e tre girano sul ritmo del 1:49 basso, con il solo finlandese che riesce a scendere sull’1:48.500 con una mescola di svantaggio.

Nel secondo stint, invece scelte completamente differenti: Lewis su gomma hard, Valtteri su soft e Max su media. Il migliore e il britannico che, con la sua 44, tiene il ritmo dell’1:48 medio – alto. Sugli stessi tempi Bottas e Verstappen che, nonostante le gomme più morbide, girano sull’1:48 alto – 1:49.

Nel grafico, la simulazione effettuata da Hamilton, Bottas e Verstappen

Giù dal podio i migliori sono Perez, Albon e Norris. Lontanissime le Ferrari

Dietro alla Top 3, i team del Midfield hanno simulato la partenza su gomma soft (solo due giri per Ricciardo, fermato da noie al motore), con il solo Leclerc a testare la gomma media. Tutti molto vicini, sul ritmo dell’1:49 alto, con i soli Ocon e Perez a stampare un 1:49 e zero molto promettente. Le Ferrari provano solo il primo stint, ma con pessimi risultati: Vettel parte dall’1:50.922 per salire addirittura sull’1:52.668, Leclerc effettua due tornate sull’1:50 e mezzo – 1:51.000.

Nel secondo stint i piloti hanno optato per la gomma media, ad eccezione di Norris su hard. La simulazione della seconda fase di gara vede un ottimo Stroll (3 giri per lui) girare sull’1:48 e mezzo – 1:49. Quasi appaiati Perez e Albon, che con macchina più leggera inanellano parecchie tornate sull’1:49 basso. Stesso ritmo per Norris, Ocon e Sainz sull’1:49 alto, ma con l’inglese con una mescola di svantaggio sugli altri.

Ecco la simulazione di passo gara delle squadre nel Midfield. Lontanissime entrambe le Ferrari

La scelta coraggiosa della Ferrari di scaricare completamente il proprio pacchetto aerodinamico per recuperare velocità sul dritto non ha pagato, anzi. La differenza abissale nel secondo settore ne è la prova. Le Rosse sono parecchio indietro, fuori dalla Top Ten e al pari di Alfa Romeo e Williams in fondo al gruppo. Parecchio lavoro attende gli uomini di Maranello, in vista di una gara che potrebbe essere bagnata.

Seguici anche su Instagram e Telegram

F1 | GP Belgio – Le prove libere della Mercedes, Hamilton: “Siamo molto vicini li davanti!”

Francesco Maggio

Appassionato di Formula 1 sin da bambino. Michael Schumacher e Fernando Alonso i miei idoli.