F1 | Analisi Passo Gara GP Imola: Verstappen sugli scudi, Ferrari buona sul bagnato

Il GP di Imola ha visto la prima gara bagnata di questa stagione di F1: Verstappen davanti nel passo gara, bene Leclerc sotto la pioggia e Norris nelle ripartenza

GP Imola passo gara

L’atteso GP del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna non ha deluso, grazie all’acquazzone che è iniziato prima della gara mantenendo la pista umida per la prima metà, in cui non pochi sono stati gli errori, fino alla bandiera rossa causata dall’incidente tra Bottas e Russell.

La seconda metà di gara si è invece disputata su una pista più asciutta e gomme slick, anche se complessivamente ci mancano le conferme sull’asciutto che aspettavamo dopo il Bahrain.

Max Verstappen in queste condizioni, dopo una partenza fenomenale su Hamilton ha guidato senza dover patire troppo la pressione su Hamilton, tranne in un caso che vedremo. Hamilton invece ha sofferto l’incidente sotto la Safety car, che però non ha terminato la sua gara: dopo la ripartenza ha infatti impostato una bella rimonta concludendo in seconda posizione davanti a Norris e Leclerc. Il duo McLaren-Ferrari ha terminato quasi nelle stesse posizioni del Bahrain, ma la gara è stata ben diversa per loro.

Prima metà di gara gp imola passo gara

Le condizioni di pioggia impongono ai team le Intermedie. Uniche eccezioni sono Gasly e Ocon con le Wet. Ma se l’alfiere Alpine cambia subito le gomme sotto safety car al primo giro, il muretto Alpha Tauri è molto più lento, sperando in un secondo scroscio di pioggia che non arriva mai, e in questo modo Pierre Gasly risulta così il più lento del gruppo, perdendo di nuovo una chance per lottare con McLaren e Ferrari, dopo due quinte posizioni in qualifica di fila.

Verstappen dopo la sua ottima partenza sul bagnato può contare sulla pista libera, vantaggio cruciale., e allunga, tuttavia Lewis Hamilton, sfruttando alcuni doppiaggi nel finale, e forse il decadimento delle Intermedie della Red Bull, riesce ad avvicinarsi passando da 6 a 2 secondi.

A questo punto, al giro 28, quasi tutti i team decidono di passare alle slick, ma qualche giro dopo Hamilton, sempre molto vicino a Verstappen e in procinto di doppiare Russell finisce nella ghiaia alla Tosa, perdendo un giro su Verstappen. Dopo 32 giri ad Imola restano così sul giro di testa solo 6 vetture, le Red Bull, le Ferrari e le McLaren.

gp imola passo gara

Dando un’occhiata alle due scuderie storiche, Leclerc ha una bella prestazione, con pochissimi errori, non ha il passo dei primi 2 ma scava un gap di quasi 30 secondi su Norris, con Perez che non tiene il passo del monegasco, sopratutto dal giro 23, e deve comunque scontare una penalità.

La Ferrari ha in effetti impostato l’assetto sperando nella pioggia, e senza l’incidente di Bottas quasi sicuramente avremmo visto Leclerc sul podio.

Come è noto, McLaren chiede a Ricciardo nel corso del 16° giro di far passare Norris, e i dati confermano questa decisione, con Norris decisamente più veloce dell’Australiano. Sainz sull’altra Rossa ha più potenziale del duo McLaren, ma sconta troppi errori.

Dietro abbiamo un Lance Stroll in versione mago della pioggia, condizione a lui molto gradita, con un passo del tutto paragonabile a quello di Bottas, su cui è meglio stendere un velo pietoso. Molto valido il passo di Tsunoda e delle due Alfa, mentre si confermano su un livello inferiore le Alpine.

Seconda metà di gara gp imola passo

gp imola passo gara

Dopo la bandiera rossa inizia una nuova gara di fatto, con pista ormai asciutta.

Le McLaren, Vettel e Tsunoda scomettono sulle soft, tutti gli altri sono su Medie. Verstappen malgrado un errore alla Rivazza riesce a ripartire e saluta con il miglior passo medio della gara, mentre Leclerc, condizionato dal problema radio, dalle gomme medie e da una velocità sul dritto nettamente inferiore alla McLaren viene passato da Norris.

Hamilton riparte dietro Stroll, che impiega 5 giri per superare. Deve poi superare Ricciardo, di nuovo decisamente non sul livello di Norris, e ci impiega 3 giri. Sainz viene passato dopo 8 giri, di cui 5 per recuperare 2 secondi e scendere in zona DRS. Leclerc resiste per 5 giri tentando di passare anche Norris, ma alla fine manca di motore e perde tempo nella zona della Rivazza. Norris resiste infine per altri 5 giri, confermando un ottima gestione delle gomme soft. Ottimi comunque i tempi della Ferrari in questa circostanza, mitigati però dall’impossibilità di passare le McLaren.

Dietro notiamo la rimonta di Gasly da 14° a 8°, mostrando finalmente il passo dell’Alpha Tauri, troppo tardi e troppo poco. Sul finale rimonta su Stroll, ma non ha abbastanza passo per passarlo negli ultimi giri.

Kimi Raikkonen infine fa da tappo a un trenino composto da Ocon, Alonso, Perez, Vettel e Tsunoda, che non riescono tuttavia a passare l’Alfa Romeo motorizzata Ferrari, che sarà tuttavia penalizzata a fine gara di 30 secondi.

Il giro veloce in 1.16.702 lo segna Lewis Hamilton nel giro del sorpasso su Norris, sfruttando tutta la scia, che sul rettilineo di 1200 metri di Imola ha effetto considerevole.

gp imola passo gara

 

Verso Portimao

Il circuito dell’Algarve in programma tra due settimane ci darà ulteriori informazioni sul passo delle vetture, specie con gli aggiornamenti in arrivo per diversi team. Se Red Bull e Mercedes sembrano abbastanza simili nel passo, con Verstappen spesso migliore di Hamilton, McLaren e Ferrari sono in una situazione simile, con il vantaggio che dipende dal circuito e dalle condiziini. CI aspettiamo anche un Alpha Tauri finalmente con questi 2, dopo che incidenti e una cattiva strategia hanno tarpato le ali a Faenza.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Bottas risponde a Russell: “Avrei potuto essere anche più aggressivo! Mi sono difeso, è così che va”

 

Francesco Ghiloni

Studente universitario di Chimica e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.